Apri il menu principale

Dieci piccoli indiani (miniserie televisiva)

Miniserie britannica
Dieci piccoli indiani
And Then There Were None 2015.png
Immagine tratta dalla sigla della miniserie televisiva
Titolo originaleAnd Then There Were None
PaeseRegno Unito
Anno2015
Formatominiserie TV
Generedrammatico, thriller
Puntate3
Durata60 min (puntata)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
RegiaCraig Viveiros
SoggettoAgatha Christie (romanzo)
SceneggiaturaSarah Phelps
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaJohn Pardue
MontaggioSam White, Mike Phillips
MusicheStuart Earl
CostumiLindsay Pugh
Effetti specialiColin Gorry
Casa di produzioneMammoth Screen, Agatha Christie Productions, A&E Television Networks, Acorn Productions
Prima visione
Prima TV originale
Dal26 dicembre 2015
Al28 dicembre 2015
Rete televisivaBBC One
Prima TV in italiano
Dal6 novembre 2016
Al7 novembre 2016
Rete televisivaGiallo

Dieci piccoli indiani (And Then There Were None) è una miniserie televisiva britannica trasmessa da BBC One nel 2015. La miniserie, composta da tre puntate, è stata scritta da Sarah Phelps ed è basata sul romanzo Dieci piccoli indiani di Agatha Christie.[1][2][3] È stata trasmessa da Giallo in prima TV assoluta il 6 e 7 novembre 2016.[4] Mentre nella versione originale è composta da tre puntate da 60 minuti, nella versione italiana sono state ridotte a due puntate da 90 minuti.

TramaModifica

Nell'agosto del 1939 otto sconosciuti sono invitati in una tenuta arroccata a Soldier Island, un'isola al largo della costa del Devon, dai misteriosi coniugi U.N. Owen, da loro mai conosciuti personalmente. Una volta giunti nel luogo dell'incontro vengono accolti da due domestici appena assunti, Thomas e Ethel Rogers, ma i padroni di casa sono misteriosamente assenti. Mentre gli ospiti cenano e discorrono tra di loro, una voce proveniente da un grammofono incolpa ciascuno dei presenti, inclusi i due domestici, di aver commesso un omicidio.

PuntateModifica

n. Titolo originale Prima TV Regno Unito Prima TV Italia
1 Episode 1 26 dicembre 2015 6 novembre 2016
2 Episode 2 27 dicembre 2015
7 novembre 2016
3 Episode 3 28 dicembre 2015

Mentre la versione originale è composta da tre puntate da 60 minuti, nella versione italiana sono state ridotte a due puntate da 90 minuti.

Episodio 1Modifica

Agosto 1939. Otto sconosciuti sono invitati per diversi motivi in una tenuta arroccata a Soldier Island, un'isola al largo della costa del Devon, dai misteriosi coniugi U.N. Owen (Ulick Norman Owen e Una Nancy Owen), da loro mai conosciuti personalmente. Essi sono: Vera Claythorne, una giovane donna agile ed ex governante; Anthony Marston, giovane rampollo con un'irrefrenabile passione per le automobili; John Macarthur, generale veterano della prima guerra mondiale; Emily Brent, un'anziana signora puritana e dal comportamento rigido; Lawrence Wargrave, un anziano giudice; William Blore, poliziotto ed investigatore privato; Edward Armstrong, un dottore; e Philip Lombard, capitano ed esploratore. Una volta giunti nel luogo dell'incontro vengono accolti da due domestici appena assunti, Thomas e Ethel Rogers, ma i padroni di casa sono misteriosamente assenti. I domestici dicono di non aver mai conosciuto gli Owen e di essere stati assunti tramite lettera. In ognuna delle camere assegnate agli ospiti è appesa al muro una filastrocca che recita la storia di dieci indiani i quali, uno dopo l'altro, muoiono in modi differenti; sul centrotavola della sala da pranzo, inoltre, si trovano le statuine corrispondenti ai dieci indiani della filastrocca. Mentre gli ospiti cenano e discorrono tra di loro, una voce proveniente da un grammofono incolpa ciascuno dei presenti, inclusi i due domestici, di aver commesso un omicidio. Gli otto ospiti negano le accuse mosse contro di loro, ad eccezione di Lombard, esploratore che uccise ventuno indigeni di una tribù africana, e Marston, che investì i due fratellini John e Lucy Combes con la propria auto. I domestici Thomas e Ethel rivelano di aver causato la morte dell'anziana Jennifer Brady, presso cui prestavano servizio in precedenza, soffocandola con un cuscino ottenendo poi parte della sua eredità. Poco dopo, Marston muore improvvisamente dopo aver bevuto un gin intriso di cianuro, all'insaputa dei presenti, in modo simile a quello del primo indiano nella filastrocca. Il giorno seguente, la domestica Rogers, che aveva avuto un malore dopo la dichiarazione di colpevolezza, viene trovata morta nel suo letto per cause sconosciute, in maniera corrispondente al secondo versetto. Successivamente, Vera Claythorne scopre e mostra al dott. Armstrong che due delle statuette nella sala da pranzo sono scomparse.

In seguito agli avvenimenti del giorno prima, gli ospiti si ritrovano in uno stato di paranoia, consapevoli di non poter lasciare l'isola per l'assenza di imbarcazioni e il mancato ritorno del barcaiolo che ha accompagnato la comitiva. L'avvelenamento delle due vittime porta a sospetti verso il dottor Armstrong, di cui viene subito ispezionata la borsa. Iniziati i controlli per la casa e dintorni allo scopo di scovare il misteriosi Owen o un eventuale assassino nascosto, la natura dietro le accuse di omicidio dei presenti comincia a venire alla luce: il giudice Wargrave condannò a morte Edward Seton, da lui ritenuto colpevole contrariamente all'opinione pubblica; Philip Lombard conferma di aver ucciso 21 africani per una ricompensa in diamanti; Armstrong causò la morte di Louisa Mary Clees, sbagliando un'operazione perché ubriaco; Emily Brent provocò il suicidio della sua giovane governante, Beatrice Taylor, da lei licenziata e buttata fuori casa per essersi messa nei guai con uomo rimanendone incinta; Blore pestò a morte il giovane omosessuale Edward Landor durante un interrogatorio solo per guadagnare denaro sporco; il generale MacArthur sparò a Henry Richmond, suo subordinato e amante segreto di sua moglie, evento che lo perseguita e gli fa provare un forte senso di colpa. L'unica a considerarsi innocente è Vera, accusata di aver causato la morte del bambino da lei accudito, Cyril Hamilton, affermando che egli morì affogato in mare dopo averlo perso di vista momentaneamente. Dopo che il generale viene trovato ucciso con la testa fracassata da un telescopio, i sette rimanenti si rendono conto che il misterioso assassino agisce analogamente a quanto viene descritto nella filastrocca, e man mano che le persone muoiono, spariscono anche le statuine sul tavolo da pranzo. Il giudice Wargrave scopre che le iniziali dei coniugi Owen sono U. N., il che formerebbe la parola UNOwen, dalla pronuncia simile alla parola inglese unknown, "sconosciuto". Questo suggerisce quindi che gli Owen non esistano e che l'assassino sia uno di loro stessi. I giorni successivi, il maggiordomo Rogers viene trovato ucciso a colpi di ascia, e la signora Brent con uno dei suoi aghi da maglia infilzato nel collo. Lombard dice di aver portato con sé una rivoltella, che però è scomparsa e non si trova in nessuna stanza. I cinque superstiti si uniscono per indagare in tutte le stanze per smascherare l'assassino e salvarsi. Il gruppo non trova la pistola da nessuna parte, non consapevoli che è stata nascosta nella bocca del tappeto di pelle d'orso.

Episodio 2Modifica

Dei dieci invitati ora ne sono rimasti cinque. Una volta tornati nelle proprie stanze, Vera perde i sensi dopo aver provato la sensazione di una mano che la strangola, ripensando in quel momento alla vicenda di Cyril. Gli altri arrivano di corsa e l'aiutano a riprendersi, ma poi si accorgono anche dell'assenza del giudice Wargrave. Quest'ultimo viene trovato con un apparente colpo di arma da fuoco alla testa, e dichiarato morto dal dottor Armstrong. Questo suggerisce che sia stata usata la rivoltella scomparsa di Lombard. I restanti quattro, ormai in uno stato di pazzia e paranoia, danno inizio ad un baccanale con alcol e droghe, mentre Vera e Philip iniziano una relazione e hanno un rapporto sessuale, portando momentaneamente Blore a sospettare che i due siano i signori Owen. Durante la notte Blore sente un rumore di passi, esce dalla sua camera e vede Armstrong uscire di casa; allora lui e Lombard dicono a Vera di aspettare in camera il loro ritorno mentre si mettono alla ricerca del dottore, ora convinti che sia lui l'assassino. Dopo un po', i due tornano dicendo di non averlo trovato. Il giorno dopo i tre decidono di prendere delle provviste e restare sulla costa, il luogo meno esposto al pericolo, e Lombard ritrova improvvisamente la sua pistola sul letto. Mentre Vera e Lombard si recano fuori, Blore è teso in un'imboscata e pugnalato a morte dall'assassino, che indossa il tappeto di pelle d'orso. Vera e Lombard arrivano troppo tardi, e una volta tornati fuori vedono una strana figura tra gli scogli in lontananza. Avvicinandosi, scoprono che si tratta del cadavere di Armstrong. Vera sottrae così la pistola a Lombard e lo accusa di essere l'assassino, essendo rimasti solo loro due; egli cerca di convincerla che ci sia qualcun altro sull'isola, ma ella non gli crede e gli spara, portandola al delirio e allo svenimento. In quel momento vengono mostrati dei flashback che svelano la terribile verità sul passato di Vera: Cyril, il bambino affidato alle sue cure, fu volutamente lasciato annegare da lei in modo che l'eredità di cui era destinatario andasse allo zio Hugo, l'uomo che amava e con cui, grazie a quel denaro, avrebbe potuto costruire un futuro. Lo zio, tuttavia, molto legato al nipotino, aveva intuito la verità e, sconvolto, l'aveva lasciata, giurando che se mai potesse dimostrare la verità l'avrebbe fatta impiccare. Al suo risveglio, Vera ritorna nella sua stanza, dove ora pende un cappio con una sedia pronta per essere utilizzata: è il destino dell'ultimo indiano della filastrocca. In trance, Vera inizia a impiccarsi, quando all'improvviso qualcuno entra nella stanza: il giudice Wargrave, il vero assassino. Disperata, Vera tenta di liberarsi, ma finisce per penzolare dal cappio con i piedi a malapena appoggiati alla sedia rovesciata. Wargrave svela che inscenò la propria morte con l'aiuto di Armstrong, di cui intuiva l'istintiva fiducia nei propri confronti, facendogli credere che così facendo sarebbero arrivati insieme a scoprire l'autore delle morti, ma infine uccise pure lui spingendolo giù dalla scogliera. Il giudice rivela poi di essere stato mosso dal senso di giustizia e dal sadismo nel provocare le morti, due diversi aspetti della sua natura canalizzati perfettamente nella sua carriera di giudice; le prove che lo portarono a condannare Seton furono considerate troppo orribili per essere rese pubbliche, ma lui ne rimase affascinato, tanto che quando assistì alla sua condanna a morte capì che erano anime affini. Quando scoprì di essere un malato terminale, mise in atto il delitto perfetto scegliendo le sue vittime tra persone colpevoli di omicidio ma sfuggite alla legge, e che avrebbero quindi meritato la morte, convinto che la giustizia debba arrivare per tutti. Vera cerca di contrattare con Wargrave, promettendo di mantenere il segreto e incolpare Lombard, ma il giudice tira via la sedia da sotto di lei e la lascia morire. Tornato nella sala da pranzo, Wargrave apparecchia il tavolo per due, e suicidandosi con l'ultimo proiettile della rivoltella, lascia che il rinculo del colpo posizioni la pistola dall'altra parte del tavolo, dando così l'idea di un omicidio e lasciando sull'isola un enigma irrisolvibile per la polizia.

Differenze libro e serie tvModifica

La serie è molto fedele al libro, anche se presenta alcune differenze:

  • Marston nella serie fa uso di cocaina, fatto assente nel libro
  • I domestici sono accusati di aver ucciso la signora per cui lavoravano: nella serie si vede Rogers che la soffoca con un cuscino, nel libro invece viene spiegato che non le era stata data una medicina salva vita.
  • Nella serie, Blore uccide un ragazzo omosessuale durante la sua permanenza alla stazione di polizia; nel libro, per fare un favore ad una banda di criminali, deposita una falsa testimonianza contro un innocente, che morirà di tumore in carcere 5 anni dopo.
  • La scena dei quattro che fanno baldoria con alcol, droga e musica non è presente nel libro.
  • Beatrice Taylor nel libro non si butta sotto un treno ma da una scogliera.
  • Il generale McArthur nella serie uccide con un colpo di pistola l'amante della moglie, nel libro lo manda in ricognizione in una situazione in cui non si sarebbe potuto salvare.
  • La signora Rogers nel libro non ha nessun problema agli occhi.
  • Nel libro la Signora Rogers muore per una dose di cianuro che il giudice mette nel suo bicchiere mentre tutti sono spaventati e confusi dalle accuse mosse dalla voce nel disco del grammofono; nella serie si vede che qualcuno, presumibilmente, le porta qualcosa da bere mentre sta riposando nella sua stanza.
  • Nel libro Blore muore poiché gli viene fatto cadere addosso un orologio a forma d'orso, nella serie viene ucciso a coltellate e il suo corpo viene coperto nel tappeto di pelle d'orso presente nella sala.
  • Nel libro la pistola non si trova nella bocca dell'orso (il tappeto in sala) bensì in una scatola di biscotti.
  • Nel libro non tutti sono invitati dai Signori Owen, alcuni ricevono un falso invito da persone che conoscono personalmente.
  • La storia d'amore tra Vera e Lombard nel libro non esiste.
  • Nel libro, Lombard non apostrofa mai Blore con un nomignolo, nella serie lo chiama "grassottello" (in originale "Tubs").
  • Quando Blore, nella serie, sente dei rumori, esce e vede distintamente Armstrong andarsene. Nel libro viene spiegato che ciò che lui vede è il giudice Wargrave che viene erroneamente scambiato per il dottore.
  • Nel libro Vera non scoprirà mai chi è l'assassino, poiché la verità verrà scoperta molto dopo grazie ad una lettera presente in una bottiglia ritrovata da un pescatore. Qui il giudice spiega perché ha deciso di mettere in atto questo piano criminale (il fatto del tumore, tranne alla fine, nel libro non viene esplicitato mai) e con quali criteri ha scelto le sue vittime e il perché ha deciso di ucciderle in quel determinato modo e ordine.
  • Nel libro si menziona ad appunti presi dai presenti che descrivevano la scena, dunque alla fine il giudice si suiciderà cercando di sembrare nella stessa identica posizione narrata nei diari e negli appunti degli ospiti sull'isola, per fare in modo che nessuno sappia la verità fino al ritrovamento della lettera. Nella serie il giudice cambia totalmente la sua "scena del delitto" ponendosi al tavolo e facendo in modo che la polizia pensasse che fosse stato ucciso da colui con cui stava condividendo da bere.

ProduzioneModifica

And Then There Were None è stato commissionato da Ben Stephenson e Charlotte Moore per la BBC in occasione del 125º anniversario della nascita di Agatha Christie. L'adattamento è stato prodotto da Screen Mammoth, in collaborazione con Agatha Christie Productions.[5][6][7]

NoteModifica

  1. ^ Plunkett, John, David Walliams to star as BBC bags Agatha Christie drama deal, in The Guardian, 28 febbraio 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.
  2. ^ Dowell, Ben, David Walliams heralds new era for BBC as the new home of Agatha Christie adaptations, in Radio Times, 28 febbraio 2014. URL consultato il 3 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2014).
  3. ^ David Walliams to star in new Agatha Christie BBC drama, in Independent, 28 febbraio 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.
  4. ^ Dieci Piccoli Indiani: la data della miniserie su Giallo Tv | Puntatona, su www.puntatona.it. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  5. ^ Kemp, Stuart, BBC Commissions Two New Agatha Christie Adaptations, in Hollywood Reporter, 27 febbraio 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.
  6. ^ Barraclough, Leo, BBC Plots Agatha Christie Adaptations for Writer’s 125th Anniversary, in Variety, 28 febbraio 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.
  7. ^ Kanter, Jake, BBC signs Agatha Christie deal, in Broadcast, 28 febbraio 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica