Diego Ortiz

compositore, musicologo e gambista spagnolo
Diego Ortiz

Diego Ortiz (Toledo, 1510Roma, 1576) è stato un compositore, musicologo e gambista spagnolo del XVI secolo.

Diego Ortiz (info file)
Recercada Primera, Quinta, Ottava

Si conosce molto poco della sua vita e si ignorano la data ed il luogo preciso della sua morte. Sappiamo comunque che nacque a Toledo intorno al 1510 e probabilmente morì a Napoli circa nel 1570.

Ritratti di Diego Ortiz dal suo "Trattato di glosse" (a sinistra) e da "Le Nozze di Cana" del Veronese (a destra) secondo viola gambista non identificato.[1]

Nel 1553 visse nel Viceregno di Napoli e cinque anni più tardi, nel 1558, assunse le funzioni di maestro di cappella nella cappella napoletana del Viceré.

Il 10 dicembre 1553 pubblicò a Roma il Tratado de Glosas, che contiene vari brani per viola da gamba con accompagnamento di clavicembalo; si tratta di elaborazioni su alcune melodie e composizioni note all'epoca; quest'opera presenta grande importanza per lo sviluppo della musica strumentale. Pubblicò successivamente, sempre in Italia, questa volta a Venezia, una raccolta di brani polifonici sacri.

Un recente studio (Lafarga, Chafer, Navalón e Alejano 2017, 41–59[2]) suggerisce che Diego Ortiz avrebbe potuto servire da modello per il famoso dipinto di Paolo Caliari Veronese "Le nozze di Cana" (1563) basato sull'ensemble strumentale rappresentato dal pittore, la data di edizione del secondo libro di Ortiz Musices liber primus a Venezia, le ripetute confusioni (Hagen e Hagen 2001, 157[3]) e le errate attribuzioni nella letteratura (Lafarga, Chafer, Navalón, e Alejano 2017, cap. 6, tabella I[2]) su questo personaggio raffigurato e la sorprendente somiglianza del personaggio dipinto con il ritratto riconosciuto del musicista nella sua opera del 1553.

Recenti scoperte rivelano che, dopo il suo servizio alla corte napoletana spagnola, il Maestro di Cappella apparve, come "famigliare", nella corte dei Colonna a Roma, almeno dall'aprile 1572 al settembre 1576 (Morucci 2018, 22, 37n18[4]).

NoteModifica

  1. ^ Natividad Navalón Blesa, Alejandro Mañas García e Teresa Cháfer Bixquert, Heroínas de una Sociedad Misógina. Teresa de Jesús Atrincherada en la Morada. Mística en el Arte Contemporáneo, in Barcelona Investigación Arte Creación, vol. 5, n. 1, 2 febbraio 2017, pp. 17, DOI:10.17583/brac.2017.2365. URL consultato il 21 settembre 2019.
  2. ^ a b Lafarga, Manuel., Navalón, Natividad 1961- e Alejano, Javier., Il Veronese and Giorgione in concerto : Diego Ortiz in Venice = Il Veronese y Giorgione en concierto : Diego Ortiz en Venecia, 2nd Edition from the 2017 Original Edition, ISBN 9788409070206, OCLC 1083839165. URL consultato il 21 settembre 2019.
  3. ^ Hagen, Rainer, 1928-, What great paintings say, Taschen, 2003, ISBN 3822821004, OCLC 53070904. URL consultato il 21 settembre 2019.
  4. ^ Morucci, Valerio,, Baronial Patronage of Music in Early Modern Rome, Routledge, 2018, ISBN 9781315304854, OCLC 1032710522. URL consultato il 21 settembre 2019.

BibliografiaModifica

  • Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti, (diretto da Alberto Basso), Le Biografie, vol. V, p. 466 [voce a firma José López-Calo]
  • Diego Ortiz, ... Libro primero. Trattado [sic] de Glosas sobre Clausulas y otros generos depuntos [sic] en la Musica de Violones nuevamente puestos en luz, Roma, Valerio Dorico y Luís su hermano, 1553
  • Diego Ortiz, El primo libro... Nel qual si tratta delle Glose sopra le Cadenze et altre sorte de punti in la Musica del Violone nuovamente posti in luce, Roma, Valerio Dorico y Luís su hermano, 1553
  • Diego Ortiz, Tratado de glosas sobre clausulas y otros generos de puntos en la musica de violones, Roma 1553, (a cura di Max Schneider), Kassel, Bärenreiter, 1936 (trascrizioni in notazione moderna)
  • Diego Ortiz, El primo libro. Nel qual si tratta delle glose sopra le cadenze et altre sorte de punti in la musica del violone, (facsimile; premessa di Marco di Pasquale), Firenze, S.P.E.S., 1984

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100204884 · ISNI (EN0000 0001 0928 6090 · Europeana agent/base/163959 · LCCN (ENnr89004181 · GND (DE100833047 · BNF (FRcb13898123p (data) · BNE (ESXX1308790 (data) · CERL cnp01373676 · NDL (ENJA01203407 · WorldCat Identities (ENlccn-nr89004181