Dietrich von Saucken

generale tedesco
Dietrich von Saucken
NascitaFischhausen, 16 maggio 1892
MortePullach im Isartal, 27 settembre 1980 (88 anni)
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Forza armataWar Ensign of Prussia (1816).svg Königlich-Preußische Armee
War Ensign of Germany (1922–1933).svg Reichswehr
War Ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
CorpoPanzertruppen
Anni di servizio1910-1945
GradoGeneral der Panzertruppe
GuerrePrima guerra mondiale
Guerra civile finlandese
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Polonia
Campagna di Francia
Campagna dei Balcani
Operazione Barbarossa
Campagna di Russia
Operazione Bagration
BattaglieBattaglia di Tannenberg (1914)
Battaglia di Verdun
Battaglia di Mosca
Battaglia di Kursk
Offensiva del Baltico
Battaglia di Radzymin
Comandante di4. Panzer-Division
XXXIX. Panzerkorps
Panzerkorps Großdeutschland
2. Armee
Armee Ostpreußen
DecorazioniCroce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia, Spade e Diamanti
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Dietrich Friedrich Eduard Kasimir von Saucken (Fischhausen, 16 maggio 1892Pullach im Isartal, 27 settembre 1980) è stato un generale tedesco della Wehrmacht durante la Seconda guerra mondiale.

BiografiaModifica

Nel 1910 entrò come cadetto nell'esercito prussiano. Nella prima guerra mondiale combatté nella battaglia di Verdun e nel maggio del 1916 ricevette la Croce di ferro di prima classe. Finita la guerra prestò servizio nell'unità di protezione delle frontiere a est dei Freikorps. Nel 1921 si unì al Reichswehr e nel 1934 fu promosso maggiore.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale partecipò all'Operazione Barbarossa come comandante di una brigata della 4. Panzer-Division.

Promosso il 1º gennaio 1942 Generalmajor, von Saucken fu posto al comando della 4. Panzer-Division durante la battaglia di Mosca, dove fu ferito. Il 1º aprile 1943 fu promosso a Generalleutnant e tornò al comando della divisione durante la Battaglia di Kursk. Diventò comandante del III. Panzerkorps nel giugno 1944. Nel marzo 1945 era al comando della II Armata della Wehrmacht in Prussia orientale. Al termine della guerra rifiutò l'offerta di fuggire con un aereo, e si arrese all'Armata Rossa nel maggio 1945.

Durante la prigionia fu trasferito in Siberia nel 1949, e sottoposto a lavori forzati e torturato rimase paralizzato per il resto della vita, prima di essere rilasciato dai sovietici nel 1955. von Saucken fu l'ultimo ufficiale tedesco ad essere decorato con la Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia, Spade e Diamanti.

OnorificenzeModifica

  Croce di Ferro di I Classe
— 23 maggio 1916[1]
  Croce di Ferro di II Classe
— 19 ottobre 1914
  Ordine Principesco di Hohenzollern con Spade
  Croce al merito militare (Austria)
  Distintivo per carristi in argento di III Classe
  Medaglia di lungo servizio nella Wehrmacht (40 anni)
  Croce d'onore della Guerra mondiale con Spade
  Medaglia del fronte orientale
  Croce al merito di guerra di I Classe
  Distintivo per feriti in oro (1914 e 1939)
  Fibbia della Croce di Ferro di I Classe
— 3 ottobre 1939
  Fibbia della Croce di Ferro di II Classe
— 13 settembre 1939
  Croce di Cavaliere della Croce di Ferro
«come Generalmajor e comandante della 4. Panzer-Division»
— 6 gennaio 1942[2]
  Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia
«come Generalleutnant e comandante della 4. Panzer-Division»
— 22 agosto 1943
  Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia e Spade
«come Generalleutnant e comandante della 4. Panzer-Division»
— 31 gennaio 1944
  Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia, Spade e Diamanti
«come General der Panzertruppe e comandante in capo dell'AOK Ostpreußen»
— 8 maggio 1945

NoteModifica

  1. ^ Thomas 1998, p. 240.
  2. ^ Scherzer 2007, p. 651.

BibliografiaModifica

  • Antony Beevor, Berlin: The Downfall 1945, London, Viking-Penguin Books, 2002, ISBN 978-0-670-03041-5.
  • Florian Berger, Mit Eichenlaub und Schwertern. Die höchstdekorierten Soldaten des Zweiten Weltkrieges [With Oak Leaves and Swords. The Highest Decorated Soldiers of the Second World War], Vienna, Austria, Selbstverlag Florian Berger, 1999, ISBN 978-3-9501307-0-6.
  • Walther-Peer Fellgiebel, Die Träger des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939–1945 — Die Inhaber der höchsten Auszeichnung des Zweiten Weltkrieges aller Wehrmachtteile [The Bearers of the Knight's Cross of the Iron Cross 1939–1945 — The Owners of the Highest Award of the Second World War of all Wehrmacht Branches], Friedberg, Germany, Podzun-Pallas, 2000 [1986], ISBN 978-3-7909-0284-6.
  • Samuel W. Mitcham, Jr (2001). Crumbling Empire, the German Defeat in the East, 1944. Westport, Praeger. ISBN 0-275-96856-1.
  • Veit Scherzer, Die Ritterkreuzträger 1939–1945 Die Inhaber des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939 von Heer, Luftwaffe, Kriegsmarine, Waffen-SS, Volkssturm sowie mit Deutschland verbündeter Streitkräfte nach den Unterlagen des Bundesarchives [The Knight's Cross Bearers 1939–1945 The Holders of the Knight's Cross of the Iron Cross 1939 by Army, Air Force, Navy, Waffen-SS, Volkssturm and Allied Forces with Germany According to the Documents of the Federal Archives], Jena, Germany, Scherzers Militaer-Verlag, 2007, ISBN 978-3-938845-17-2.
  • Peter Stockert, Die Eichenlaubträger 1939–1945 Band 3 [The Oak Leaves Bearers 1939–1945 Volume 3], Bad Friedrichshall, Germany, Friedrichshaller Rundblick, 1997, ISBN 978-3-932915-01-7.
  • Peter Stockert, Die Brillantenträger der deutschen Wehrmacht 1941–1945—Zeitgeschichte in Farbe [The Diamonds Leaves Bearers of the German Armed Forces 1941–1945—History in Color], Selent, Germany, Pour le Mérite, 2010, ISBN 978-3-932381-59-1.
  • Franz Thomas, Die Eichenlaubträger 1939–1945 Band 2: L–Z [The Oak Leaves Bearers 1939–1945 Volume 2: L–Z], Osnabrück, Germany, Biblio-Verlag, 1998, ISBN 978-3-7648-2300-9.
  • Gerhard Von Seemen, Die Ritterkreuzträger 1939–1945 : die Ritterkreuzträger sämtlicher Wehrmachtteile, Brillanten-, Schwerter- und Eichenlaubträger in der Reihenfolge der Verleihung : Anhang mit Verleihungsbestimmungen und weiteren Angaben [The Knight's Cross Bearers 1939–1945 : The Knight's Cross Bearers of All the Armed Services, Diamonds, Swords and Oak Leaves Bearers in the Order of Presentation: Appendix with Further Information and Presentation Requirements], Friedberg, Germany, Podzun-Verlag, 1976, ISBN 978-3-7909-0051-4.
  • Gordon Williamson, Knight's Cross with Diamonds Recipients 1941–45, Oxford, UK, Osprey Publishing, 2006, ISBN 978-1-84176-644-7.
Controllo di autoritàVIAF (EN107228246 · ISNI (EN0000 0000 7722 2497 · GND (DE14054285X · WorldCat Identities (ENviaf-107228246