Apri il menu principale

Dietro lo specchio (film 1956)

film del 1956 diretto da Nicholas Ray

TramaModifica

Un rispettato insegnante di scuola e padre di famiglia viene ricoverato per una grave forma di arterite. I medici, per salvarlo, gli impongono una terapia farmacologica a base di cortisone.

Egli può così tornare a condurre una vita normale, ma i farmaci che assume (custoditi dietro lo specchio) gli procurano, come effetto collaterale, lo sviluppo di ossessioni e disturbi mentali, a spese della moglie e del figlio, che ne subiscono le bizzarrie.

CriticaModifica

«[Il film] è tutto incongruenze e sforzature tenute insieme e ricoperte da un disinvolto mestiere. Quando sta per scivolare nel grottesco (il sacrificio di Isacco) una mano lo ritira al decoro. Ma resta l'artificio, e come un gelo farmaceutico che impedisce anche nei momenti più drammatici una genuina commozione. James Mason, il protagonista, con cui sono Barbara Rush e Chris Olsen, s'adopera con intelligenza a dar vita a un personaggio costruito dal di fuori per ammonire sull'abuso dei medicinali ormonici, e in molti tratti ne fa davvero un autentico uomo, smarrito e sofferto. Gli applausi del pubblico sono meritatamente andati tutti a lui.»

(Leo Pestelli[3])

«È un tipico melodramma degli anni cinquanta, ma condito da un'ironia e da soprassalti irrealistici che hanno la firma del regista, acuto nel fare del suo eroe piccoloborghese con manie di grandezza un Napoleone in sella a un cavallo a dondolo»

(Il Morandini[2])

«Il film è un allucinante spaccato della piccola borghesia americana e delle sue velleità di rivalsa, anche se non raggiunge - per le notevoli pressioni censorie da parte delle organizzazioni mediche - uno degli obiettivi che si era preposto, quello di stigmatizzare la follia della "droga miracolosa" che stava contagiando l'America di quei tempi»

(Il Mereghetti - Dizionario dei film 2011)

NoteModifica

  1. ^ Roueché, Berton (1955), "Ten Feet Tall", The New Yorker; 10 settembre 1955, pp. 47-77.
  2. ^ a b Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini: dizionario dei film 2001, Zanichelli, Bologna, 2000. ISBN 88-08-03105-5.
  3. ^ a b I guai del cortisone in un film americano, Leo Pestelli, La Stampa del 2 settembre 1956

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema