Apri il menu principale
Storia del Vietnam
Dinastia Hồng Bàng 2879-258 a.C.
Dinastia Thục 257-207 a.C.
Dinastia Triệu 207–111 a.C.
Prima dominazione cinese 111 a.C.–39 d.C.
Sorelle Trưng 40–43
Seconda dominazione cinese 43–544
Prima dinastia Lý 544–602
Terza dominazione cinese 602–905
Clan Khúc 905–938
Dinastia Ngô 939–967
Dinastia Đinh 968–980
Prima dinastia Lê 980–1009
Dinastia Lý 1009–1225
Dinastia Trần 1225–1400
Dinastia Hồ 1400–1407
Quarta dominazione cinese 1407–1427
Seconda dinastia Trần 1407–1413
Seconda dinastia Lê 1428–1527
Dinastia Mạc 1527–1592
Terza dinastia Lê 1533–1788
Sovrani Trịnh 1545–1787
Sovrani Nguyễn 1558–1777
Dinastia Tây Sơn 1778–1802
Dinastia Nguyễn 1802–1945
Indocina francese 1883–1945
Repubblica Democratica 1945–1976
Repubblica del Vietnam 1955–1975
Repubblica Socialista dal 1976
Voci correlate
Regno del Champa
Sovrani del Vietnam
Ere del Vietnam

La dinastia Triệu (in vietnamita: Nhà Triệu; 家趙) governò il regno di Nányuè/Nam Việt, che consisteva di aree oggi appartenenti alla Cina meridionale e al Vietnam settentrionale. La sua capitale era Panyu, nella moderna Guangzhou. Il fondatore della dinastia, chiamato Triệu Đà o Zhao Tuo, era un governatore militare per l'Impero Qin.[1] Egli affermò la sua indipendenza nel 207 a.C. mentre la dinastia Qin stava crollando.[2] L'élite al potere includeva sia l'etnia cinese che quella nativa Yue ed incoraggiava matrimoni misti e assimilazioni.[3] Triệu Đà conquistò lo stato vietnamita di Âu Lạc e guidò una coalizione di stati Yuè in una guerra contro l'Impero Han, che si stava espandendo verso sud. I sovrani successivi ebbero meno fortuna e gli Han conquistarono il regno nel 111 a.C.

StoriografiaModifica

Lo studioso Huang Zuo produsse la prima storia dettagliata pubblicata di Nam Việt nel XV secolo.[4] Gli storici cinesi hanno generalmente descritto i Triệu come separatisti della dinastia Han (206 a.C. - 220 d.C.), ma li hanno anche loggiati come una forza civilizzatrice. Una denuncia particolarmente severa fu prodotta dal poeta Qu Dajun nel 1696.[5] Qu elogiò Qin Shi Huang come modello per sostenere la purezza della cultura cinese e paragonò Triệu Đà sfavorevolmente all'imperatore. Una visione più positiva del multiculturalismo di Triệu fu presentata da Liang Tíngnan in Nányuè Wŭ Wáng Chuán (Storia dei cinque re di Nanyue) nel 1833. I cantonesi si riferiscono a se stessi come Yuht, la pronuncia cantonese di Yuè/Việt.[6] Nei tempi moderni, il personaggio 粵 (yuè) si riferisce al cantonese mentre 越 (yuè) si riferisce al vietnamita. Ma storicamente, questi due personaggi erano intercambiabili.[7]

Gli storici vietnamiti hanno in parte considerato i Triệu come fondatori del Vietnam oppure li hanno descritti come invasori stranieri. Per secoli Triệu Đà fu un eroe popolare tra i Viet e fu ricordato per aver resistito all'Impero Han.[8] Dopo che Lý Bí cacciò i cinesi dal nord del Vietnam, si auto proclamò "imperatore di Nam Việt" (Nam Việt đế) nel 544, identificando così il suo stato come un risveglio della dinastia Trieu, nonostante ovvie differenze in termini di posizione e composizione etnica.[9] Nel XIII secolo, Lê Văn Hưu scrisse una storia del Vietnam che usò la dinastia Triệu come punto di partenza, con Triệu Đà che ricevette elogi brillanti come primo imperatore del Vietnam.[4] Nel XVIII secolo, Ngô Thì Sĩ rivalutò Triệu Đà come invasore straniero. Sotto la dinastia Nguyễn, Triệu continuò a ricevere elogi, sebbene fosse riconosciuto che l'originale Nam Việt non era in realtà uno stato vietnamita. L'attuale governo comunista del Vietnam considera Triệu Đà negativamente come un invasore straniero che ha sconfitto l'eroico re An Dương del Vietnam nonostante ci sia una campagna per riconsiderare il ruolo di Zhao Tuo a causa delle tensioni che sorgono tra Vietnam e Cina. I vietnamiti moderni discendono dagli antichi Yue del Vietnam del Nord e del Guangdong occidentale, secondo Peter Bellwood.[10]

Triệu Đà o Zhao TuoModifica

Triệu Đà (204-136 aC), il fondatore della dinastia, è stato un cinese etnico nato nel Regno di Zhao, ora provincia di Hebei. Divenne governatore militare di Nanhai (ora Guangdong) dopo la morte del governatore Ren Xiao nel 208 a.C., proprio mentre l'Impero Qin stava crollando. Il governatore del Canton Qin consigliò a Triệu di fondare il suo regno indipendente poiché l'area era remota e c'erano molti coloni cinesi nell'area.[11] Ha proclamò l'indipendenza di Nanhai e si dichiarò re di Nam Việt nel 204 a.C., regno stabilito nella zona di Lingnan, nelle moderne province di Guangdong, Guangxi, Hunan meridionale, Jiangxi meridionale e altre aree vicine.[12] Governò Nam Việt e commise atti di sfida contro l'imperatore Gaozu di Han recidendo tutti i legami con la Cina e uccidendo molti ufficiali cinesi nominati dal governo centrale. Favorì inoltre molto le usanze locali. Essendo un talentuoso diplomatico e un generale astuto, cercò una relazione pacifica con la Cina, sia con l'Impero Qin che con il successivo Impero Han.

Nel 196 a.C., l'imperatore Gaozu mandò lo studioso Lu Jia alla corte di Triệu Đà.[13][14] Dopo che Lu minacciò un attacco militare Han su Nam Việt, Triệu Đà si scusò e riconobbe Triệu Đà come "re di Yue". Fu raggiunto un accordo che permise il commercio legale tra l'Impero Han e Nam Việt, poiché la gente di Nam Việt era ansiosa di acquistare ferro dalla Cina.[15] Quando Lu tornò a Chang'an, l'imperatore Gaozu fu molto contento di questo risultato.

Lü Zhi, l'imperatrice vedova Han, vietò il commercio con Nam Việt nel 185 a.C.[15] Triệu Đà rispose dichiarandosi imperatore e attaccando alcune città di confine. Il suo status imperiale fu riconosciuto dai Minyue, Ou occidentale (Âu Việt) e Luolou .[16] L'esercito inviato contro Nam Việt dall'imperatrice Lü fu devastato da un'epidemia di colera.[13] Quando Triệu si riconciliò con l'Impero Han nel 180 a.C., inviò un messaggio di scuse all'imperatore Wu di Han accettando di riconoscere il sovrano Han come unico imperatore.

 
La mappa trovata nella Tomba 3 del sito delle tombe Han di Mawangdui, che segna le posizioni delle guarnigioni militari Han impiegate in un attacco contro Nanyue nel 181 a.C.[17]

La pace significava che Nam Việt perse la sua autorità imperiale sugli altri stati Yue. Il suo impero precedente non era stato basato sulla supremazia, ma era invece una struttura per un'alleanza militare in tempo di guerra contraria agli Han.[13] L'esercito che Triệu Đà aveva creato per opporsi agli Han era ora disponibile per schierarsi contro il regno Âu Lạc nel nord del Vietnam. Questo regno fu conquistato nel 179-180 a.C. Triệu Đà divise il suo regno in due regioni: Cửu Chân e Giao Chỉ . Giao Chỉ ora comprende gran parte del Vietnam del Nord. permise ad ogni regione di avere rappresentanti al governo centrale, quindi la sua amministrazione era abbastanza rilassata e sembrava, almeno apparentemente, abbastanza decentralizzata. Tuttavia, il controllo totale era effettivo. Al tempo della morte di Triệu Đà nel 136 a.C., aveva governato per più di 70 anni ed era sopravvissuto ai suoi figli.

Nel moderno Vietnam, Triệu Đà è ricordato come un personaggio della "Leggenda della balestra magica". Secondo questa leggenda, Trong Th, il figlio di Triệu, sposò Mỵ Châu, figlia del re An Dương di Âu Lạc, e usò il suo amore per rubare il segreto della balestra magica di An Dương.[18]

 
Sigillo dell'Imperatore Văn, secondo sovrano della dinastia Triệu. La scritta dice: "Sigillo dell'imperatore Wén" .

Triệu Mạt o Zhao MoModifica

Triệu Đà morì nel 136 a.C. e gli successe il nipote Triệu Mạt, che prese il nome templare di Triệu Văn Đế. Triệu Mạt era il figlio di Trọng Thủy e Mỵ Châu, secondo la leggenda della balestra magica. All'epoca aveva 71 anni. Nel 135 a.C., i Minyue attaccarono e Triệu Văn richiese l'assistenza dell'Impero Han.[19] L'imperatore Wu si offrì di "aiutare" inviando il suo esercito, apparentemente per reprimere l'assistenza di Nam Việt, ma eventualmente anche per conquistare il paese in caso si presentasse un'occasione. Il principe ereditario Triệu Anh Tề fu mandato a vivere e studiare nella corte di Hàn. Il re lo prese come un gesto di buona volontà dall'imperatore, che considerava un fratello, per rafforzare il rapporto tra Han e Nam Việt. Triệu Mạt morì nel 124 a.C. Il suo mausoleo è stato trovato a Guangzhou nel 1983. [ <span title="This claim needs references to reliable sources. (February 2013)">citazione necessaria</span> ]

Triệu Anh Tề o Zhao YingqiModifica

Triệu Anh Tề (124–112 a.C.) divenne il principe ereditario quando morì suo padre, Triệu Vǎn Vương. La nomina di Triệu Anh Tề alla posizione di Triệu Minh Vương ("Re Ming di Zhao") fu un gesto conciliante per l'imperatore a Chang'an in segno di rispetto. Questo principe incoronato, Triệu Anh Tề, visse gran parte della sua vita in Cina. In Cina aveva generato un figlio da con una donna cinese soprannominata Cù. secondo una storia popolare, era la figlia dell'Imperatore Wu . Chiamò il figlio Triệu Hưng. Solo quando suo padre, l'imperatore Văn, morì, Triệu Anh Tề ricevette il permesso di tornare a casa per il funerale di suo padre. Questo successe nel 124 a.C. Triệu Anh Tề salì al trono come re Minh. Non si sa molto del regno di Re Minh, probabilmente perché fu breve ed fu sottomesso all'imperatore Han. Suo figlio di origini cinesi, Triệu Hưng, aveva circa 6 anni quando morì il re Minh. Grazie all'estrema giovinezza di Triệu Hưng, sua madre Cù divenne l'imperatrice.

La morte di re Minh fece precipitare gli eventi che avrebbero portato al dominio su Nam Việt da parte delle forze di Hán. [ <span title="This claim needs references to reliable sources. (February 2013)">citazione necessaria</span> ]

Triệu Hưng o Zhao XingModifica

 
Una tigre hufu realizzata in bronzo con intarsi in oro, rinvenuta nella tomba del re di Nanyue (a Guangzhou), II secolo a.C., durante l'era della Cina occidentale Han.

Triệu Hưng (r. 113-112 a.C.), appena 6 anni, salì al trono e adottò il nome temprare di Triệu Ai Vương (趙 哀王Zhao Ai Wang, "Re Ai di Zhao"). Poco dopo, l'imperatore Wu degli Han convocò lui e sua madre Cù per rendere omaggio alla corte di Hán. Gli Han sostenevano Cù e il re Ai con il pretesto che il giovane re aveva bisogno della loro protezione. Acconsentendo a questo gesto, sia l'imperatrice vedova che il giovane imperatore diedero pubblicamente l'impressione di essere solo burattini nelle mani della corte Hán.

Con il re Ai nelle loro mani e la regina vedova decapitata, i cinesi prepararono il loro esercito per un'invasione. Nel 112 a.C., l'imperatore inviò due dei suoi comandanti, Lu Bode e Yang Pu , insieme a 5.000 dei suoi migliori soldati per invadere Nam Việt. [ <span title="This claim needs references to reliable sources. (February 2013)">citazione necessaria</span> ]

Triệu Kiến Đức o Zhao JiandeModifica

Il primo ministro di Nam Việt Lữ Gia mandò l'esercito per scontrarsi con gli Hán al confine e per respingere l'invasione. L'esercito era forte, ma di numero inferiore. Nel frattempo, all'interno del paese, si sparse la voce che il re Ai era nelle mani dell'imperatore Han. I Viet temevano che se avessero resistito, il loro re avrebbe comunque subito delle conseguenze. Il paese era ora in uno stato di caos. Quando gli Han cominciarono ad inviare sempre più rinforzi al confine, l'esercito di Nam Việt non fu più in grado di mantenere la propria posizione. Gia si accorse dunque che Nam Việt doveva avere un nuovo re per calmare la sua gente e suscitare il patriottismo necessario per combattere. Triệu Kiến Ðức, il figlio maggiore del re Minh, proveniente da una delle sue concubine, prese l'onere di condurre il suo popolo in guerra. Triệu Kiến Ðức prese il titolo di Triệu Dương Vương (Zhao Yang Wang) (c.111 a.C.).

Declino della dinastiaModifica

Han Wudi, imperatore degli Han, inviò sempre più soldati contro Nam Việt.[20] Con il re troppo giovane e inesperto e alla guida di un esercito inesperto, per quanto coraggioso, Nam Việt riuscì a mantenere la roccaforte solo per un po'. Gli Hán schiacciarono l'esercito di Nam Việt insieme a Lữ Gia e al suo re (Triệu Dương Vương); entrambi resistettero fino alla fine. La guerra probabilmente durò fino al 98 a.C.[21][22]

Dopo la caduta di Panyu, Tây Vu Vương (il reggente dell'area di Tây Vu di cui il centro è Cổ Loa) si ribellò contro la prima dominazione cinese della dinastia Han occidentale.[23] Fu ucciso dal suo assistente Hoàng Đồng (黄 同).[24][25]

Successivamente, Nam Việt come prefettura di Giao Chỉ (Jiaozhi) dell'Impero Han, fu diviso in nove distretti. La dinastia Han avrebbe dominato Jiaozhi fino alla rivolta delle sorelle Trưng, avvenuta nel 40.[26]

Cultura Nam Việt/NanyueModifica

C'è stata una fusione delle culture Han e Yue in modi significativi, come dimostrano i manufatti portati alla luce dagli archeologi dalla tomba di Nanyue a Guangzhou. La tomba imperiale di Nanyue a Guangzhou è estremamente ricca. Esistono numerosi bronzi che mostrano influenze culturali delle regioni Han, Chu, Yue e Ordos.[27]

Galleria d'immaginiModifica

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. ^ Patricia M. Pelley Postcolonial Vietnam: New Histories of the National Past 2002 Page 177 "The fact that he was Chinese was irrelevant; what mattered was that Triệu Đà had declared the independence of Vietnam."
  2. ^ Bodde, p. 84.
  3. ^ Snow, Donald B., Cantonese as written language: the growth of a written Chinese vernacular (2004), Hong Kong University Press, p. 70.
  4. ^ a b Yoshikai Masato, "Ancient Nam Viet in historical descriptions", Southeast Asia: a historical encyclopedia, from Angkor Wat to East Timor, Volume 2, ABC-CLIO, 2004, p. 934.
  5. ^ Shmuel Noah Eisenstadt, Wolfgang Schluchter, Björn Wittrock, Public spheres and collective identities, Transaction Publishers, 2001, p. 213.
  6. ^ Caihua Guan, English-Cantonese Dictionary: Cantonese in Yale Romanization, New Asia – Yale-in-China Chinese Language Center, p. 57, 2000. "Cantonese N....Yuhtyúh (M: geui)".
    Ramsey, S. Robert, The Languages of China, 1987, p. 98. "Named after an ancient 'barbarian' state located in the Deep South, the Yue [Cantonese] are true Southerners.
    Constable, Nicole, Guest People: Hakka Identity in China and Abroad (2005)
  7. ^ Hashimoto, Oi-kan Yue, Studies in Yue Dialects 1: Phonology of Cantonese, 1972, p. 1. See also "百粤", YellowBridge.
  8. ^ Woods, L. Shelton, Vietnam: a global studies handbook, ABC-CLIO, 2002, p. 15, ISBN 9781576074169.
  9. ^ Anderson, James, The rebel den of Nùng Trí Cao: loyalty and identity along the Sino-Vietnamese frontier, NUS Press, 2007, p. 36, ISBN 9789971693671.
  10. ^ Peter Bellwood, Indo-Pacific prehistory: the Chiang Mai papers. Volume 2, Indo-Pacific Prehistory Association of Australian National University, p. 96.
  11. ^ Taylor (1983), p. 23
  12. ^ Chapius, Oscar, A history of Vietnam: from Hong Bang to Tu Duc
  13. ^ a b c Taylor, Keith Weller, The Birth of Vietnam, p. 24. University of California Press, 1991.
  14. ^ Sima Qian, Burton Watson, Records of the Grand Historian: Han Dynasty I, pp 224–225. ISBN 0-231-08165-0.
  15. ^ a b Wicks, Robert S., Money, markets, and trade in early Southeast Asia: the development of indigenous monetary systems to AD 1400, SEAP Publications, 1992. p. 27.
  16. ^ Wicks, p. 28.
  17. ^ Valerie Hansen, The Open Empire: A History of China to 1600, New York, USA & London, UK, W.W. Norton & Company, 2000, p. 125, ISBN 978-0-393-97374-7.
  18. ^ Sachs, Dana, Two cakes fit for a king: folktales from Vietnam, pp. 19–26. University of Hawaii Press, 2003.
  19. ^ Taylor, p. 27.
  20. ^ Yingshi Yu, Cambridge History of China: Volume I: the Ch'in and Han Empires, 221 B.C. – A.D. 220, a cura di Denis Twitchett, University of Cambridge Press, 1986, p. 453, ISBN 978-0-5212-4327-8.
  21. ^ Lễ hội chọi trâu xã Hải Lựu (16–17 tháng Giêng hằng năm) Phần I (tiep theo), su violet.vn, 3 febbraio 2010.
    «Theo nhiều thư tịch cổ và các công trình nghiên cứu, sưu tầm của nhiều nhà khoa học nổi tiếng trong nước, cùng với sự truyền lại của nhân dân từ đời này sang đời khác, của các cụ cao tuổi ở Bạch Lưu, Hải Lựu và các xã lân cận thì vào cuối thế kỷ thứ II trước công nguyên, nhà Hán tấn công nước Nam Việt của Triệu Đề, triều đình nhà Triệu tan rã lúc bấy giờ thừa tướng Lữ Gia, một tướng tài của triều đình đã rút khỏi kinh đô Phiên Ngung (thuộc Quảng Đông – Trung Quốc ngày nay). Về đóng ở núi Long Động – Lập Thạch, chống lại quân Hán do Lộ Bác Đức chỉ huy hơn 10 năm (từ 111- 98 TCN), suốt thời gian đó Ông cùng các thổ hào và nhân dân đánh theo quân nhà Hán thất điên bát đảo."».
  22. ^ List of temples related to Triệu dynasty and Nam Việt kingdom in modern Vietnam and China, su lichsuvn.net, 28 gennaio 2014.
  23. ^ Từ điển bách khoa quân sự Việt Nam, 2004, p564 "KHỞI NGHĨA TÂY VU VƯƠNG (lll TCN), khởi nghĩa của người Việt ở Giao Chỉ chống ách đô hộ của nhà Triệu (TQ). Khoảng cuối lll TCN, nhân lúc nhà Triệu suy yếu, bị nhà Tây Hán (TQ) thôn tính, một thủ lĩnh người Việt (gọi là Tây Vu Vương, "
  24. ^ Viet Nam Social Sciences vol.1–6, p91, 2003 "In 111 B.C. there prevailed a historical personage of the name of Tay Vu Vuong who took advantage of troubles circumstances in the early period of Chinese domination to raise his power, and finally was killed by his general assistant, Hoang Dong. Professor Tran Quoc Vuong saw in him the Tay Vu chief having in hands tens of thousands of households, governing thousands miles of land and establishing his center in Co Loa area (59.239). Tay Vu and Tay Au is in fact the same.
  25. ^ Book of Han, Vol. 95, Story of Xi Nan Yi Liang Yue Zhao Xian, wrote: "故甌駱將左黃同斬西于王,封爲下鄜侯"
  26. ^ Jacques Gernet, A History of Chinese Civilization, Cambridge University Press, 1996, p. 126, ISBN 978-0-521-49781-7.
  27. ^ Guangzhou Xi Han Nanyue wang mu bo wu guan, Peter Y. K. Lam, Chinese University of Hong Kong. Art Gallery – 1991 – 303 pages – Snippet view