Apri il menu principale

Dinastia Zhou posteriore

Dinastia cinese (951-960); quinta delle Cinque Dinastie
History of China
Storia della Cina
Preistoria
Paleolitico c. 500 000 anni fa – c. 8500 a.C.
Neolitico c. 8500 – c. 2070 a.C.
Antica
Dinastia Xia c. 2100-c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600-c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045-256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
Imperiale
Dinastia Qin 221-206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C.-220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220-265
  Wei 220-265
  Shu 221-264
  Wu 222–280
Dinastia Jìn 265-420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420-589
Dinastia Sui 581-618
Dinastia Tang 618-907
  (Wu Zetian 690-705)
Cinque dinastie
e dieci regni

907-960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord Xia occ.
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271-1368
Dinastia Ming 1368-1644
Dinastia Qing 1644-1911
Moderna
Repubblica di Cina 1912-1949
Repubblica Popolare
Cinese

1949-oggi
Repubblica di Cina (Taiwan)
1949-oggi
Territorio occupato dagli Zhou posteriori nel 951

La dinastia degli Zhou posteriori (/dʒoʊ/;[1] 後周T, 后周S, Hòu ZhōuP) fu l'ultima in una successione di cinque dinastie che controllarono la maggior parte della Cina settentrionale durante il periodo delle Cinque Dinastie e dei Dieci Regni, che durò dal 907 al 960 e colmò il divario tra la dinastia Tang e la dinastia Song.

Fondazione della dinastiaModifica

Guo Wei, un cinese Han, servì com come vice-commissario militare presso la corte degli Han posteriori, un regime governato dai Turchi shatuo. Un adolescente salì sul trono degli Han posteriori nel 948 dopo la morte dell'imperatore fondatore, Gaozu. Guo Wei guidò un riuscito colpo di Stato contro l'imperatore adolescente e si dichiarò imperatore dei nuovi Zhou posteriori il giorno di Capodanno del 951.

Governo si Guo WeiModifica

Guo Wei, postumamente noto come imperatore Taizu degli Zhou posteriori, fu il primo sovrano cinese Han della Cina settentrionale fin dal 923. È consideraro un capo abile che tentò riforme destinate ad alleviare i fardelli affrontati dai contadini. Il suo governo era vigoroso e ben organizzato. Tuttavia, fu anche un regno breve. La sua morte per malattia nel 954 pose fine al suo regno di tre anni.

Governo di Guo RongModifica

Guo Rong, postumamente noto come imperatore Shizong degli Zhou posteriori, era il figlio adottivo di Guo Wei. Nato Chai Rong, era il figlio del fratello maggiore della moglie di Guo Wei. Ascese al trono alla morte di suo padre adottivo nel 954. Anche il suo regno fu efficace e riuscì a fare alcune incursioni a sud vincendo contro i Tang meridionali nel 956. Tuttavia, gli sforzi a nord per scacciare gli Han settentrionali, benché inizialmente promettenti, furono inefficaci. Morì prematuramente nel 959 di malattia mentre era in campagna.

Caduta degli Zhou posterioriModifica

A Guo Rong successe suo figlio di sette anni alla sua morte. Poco dopo Zhao Kuangyin usurpò il trono e si dichiarò imperatore della grande dinastia Song, una dinastia che avrebbe infine riunito la Cina, portando sotto il loro controllo tutti gli stati meridionali nonché gli Han settentrionali entro il 979.

SovraniModifica

Sovrani degli Zhou posteriori, 951–960
Nomi templari (Miao Hao 廟號) Nomi postumi (Shi Hao 諡號) Nomi personali Periodo dei regni Nomi delle ere (Nian Hao 年號) e intervallo di anni relativo
Tàizŭ (太祖) Troppo tedioso, quindi non usato quando ci si riferisce a questo sovrano 郭威 Guō Weī 951–954 Guǎngshun (廣順) 951–954

Xiǎndé (顯德) 954

Shìzōng (世宗) Troppo tedioso, quindi non usato quando ci si riferisce a questo sovrano 柴榮 Chái Róng 954–959 Xiǎndé (顯德) 954–959
Non esisteva 恭帝 Gōngdì 柴宗訓 Chái Zōngxùn 959–960 Xiǎndé (顯德) 959–960

Albero genealogico dei sovraniModifica

Sig. Chai 柴翁
Chai Shouli
柴守礼 896–967
Imperatrice Shengmu
圣穆皇后
Guo Wei 郭威 904–954
Taizu 太祖
951–954
Chai Rong 柴榮 921–959
Shizong 世宗
954–959
Chai Zongxun 柴宗训 953–973
Gongdi 恭帝
959–960

MonetaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Antica monetazione cinese e Cash (moneta cinese).
 
Una moneta cash Zhouyuan Tongbao (周元通寶).

L'unica serie di monete cash attribuite al periodo Zhou posteriore è quella delle monete Zhouyuan Tongbao (周元通寶T, 周元通宝S, zhōuyuán tōng bǎoP) che furono emesse dall'imperatore Shizong dall'anno 955 (Xiande 2).[2][3] Si dice a volte che l'imperatore Shizong abbia coniato monete con l'iscrizione Guangshun Yuanbao (廣順元寶T, 广顺元宝S, guǎng shùn yuánbǎoP) durante il suo titolo del periodo Guangshun (951–953), tuttavia non si conoscono esistere monete cash autentiche con questa iscrizione.

Il modello dello Zhouyuan Tongbao si basa su quello delle monete cash Kaiyuan Tongbao. Furono coniate con il metallo ricavato da statue di bronzo fuso di 3.336 templi buddhisti e dal comando impartito ai cittadini degli Zhou posteriori di consegnare al governo tutti i loro utensili di bronzo con la notevole eccezione degli specchi di bronzo. Shizong ordinò anche che una flotta di giunche andasse in Corea per scambiare seta cinese con rame che sarebbe stato usato per fabbricare le monete cash. Quando fu rimproverato per questo, l'Imperatore pronunciò un'osservazione criptica dicendo che il Buddha non avrebbe badato a questo sacrificio. Si dice che l'Imperatore stesso supervisionasse la fusione presso le molte grandi fornaci sul retro del palazzo. Alle monete sono assegnate proprietà amuletiche e "poteri magici" perché erano fatte dalle statue buddiste, e si dice che fossero particolarmente efficaci nell'ostetricia – di qui molte imitazioni fatte in epoca successiva che sono considerate una forma di portafortuna e amuleti. Tra questi poteri assegnati si dice che le monete cash Zhouyuan Tongbao potrebbero curare la malaria e aiutare le donne a superare un difficile travaglio. I portafortuna numismatici cinesi basati sullo Zhouyuan Tongbao raffigurano spesso sul loro rovescio un drago cinese e un fenghuang come una coppia che simboleggia o un matrimonio armonioso o l'Imperatore e l'imperatrice. Altre immagini sui portafortuna e gli amuleti dei Zhouyuan Tongbao includono raffigurazioni di Gautama Buddha, gli animali dello zodiaco cinese e altri oggetti di buon auspicio.[4][5]

A parte le monete cash, John E. Sandrock sostiene che la dinastia Zhou posteriore emise una prima forma di moneta cartacea, in quanto, a causa di una penuria di rame, il governo degli Zhou posteriori fu costretto a ricorrere a una forma di banconote. Queste banconote recavano l'avvertenza che coloro che fossero stati trovati a falsificarle nonché i loro cospiratori sarebbero stati messi a morte e i loro cadaveri esposti in pubblico.[6]

NoteModifica

  1. ^ "Zhou", Random House Webster's Unabridged Dictionary. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  2. ^ David Hartill, Cast Chinese Coins, Trafford, Regno Unito, Trafford Publishing, 2005, pp. 113–114, ISBN 978-1412054669.
  3. ^ A reference list of 5000 years of Chinese coinage. (Numista)], in Numis' Numismatic Encyclopedia, 9 dicembre 2012. Ultima modifica: 13 giugno 2013. URL consultato il 13 settembre 2018.
  4. ^ (EN) Chinese coins – 中國錢幣, su Gary Ashkenazy / גארי אשכנזי (Primaltrek – a journey through Chinese culture), 16 novembre 2016. URL consultato il 13 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Chinese Cast Coins - POSTERIOR ZHOU DYNASTY - AD 951-960 - Emperor SHIH TSUNG - AD 954-959., 2018, di Robert Kokotailo (Calgary Coin & Antique Gallery – Chinese Cast Coins). URL consultato il 13 settembre 2018.
  6. ^ (EN) John E. Sandrock, Ancient Chinese Cash Notes - The World's First Paper Money - Part II (PDF), The Currency Collector, 2018. URL consultato il 9 settembre 2018.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85024065