Apri il menu principale

Diocesi di Alcalá de Henares

diocesi della Chiesa cattolica in Spagna
Diocesi di Alcalá de Henares
Dioecesis Complutensis
Chiesa latina
Alcala de Henares catedral 06.JPG
Suffraganea dell' arcidiocesi di Madrid
Stemma della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Juan Antonio Reig Plá
Sacerdoti 215 di cui 130 secolari e 85 regolari
3.332 battezzati per sacerdote
Religiosi 140 uomini, 229 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 821.937
Battezzati 716.567 (87,2% del totale)
Superficie 2.583 km² in Spagna
Parrocchie 93
Erezione 23 luglio 1991
Rito romano
Cattedrale Santi Giusto e Pastore
Santi patroni Santi Giusto e Pastore
Indirizzo Plaza de Palacio 1 bis, 28801 Alcalá de Henares, España
Sito web www.obispadoalcala.org
Dati dall'Annuario pontificio 2016 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Spagna
Facciata principale del palazzo episcopale di Alcalá de Henares, che fu dal XIII al XVI secolo sede degli arcivescovi di Toledo.

La diocesi di Alcalá de Henares (in latino: Dioecesis Complutensis) è una sede della Chiesa cattolica in Spagna suffraganea dell'arcidiocesi di Madrid. Nel 2015 contava 716.567 battezzati su 821.937 abitanti. È retta dal vescovo Juan Antonio Reig Plá.

Indice

TerritorioModifica

La diocesi comprende parte della comunità autonoma di Madrid.

Sede vescovile è la città di Alcalá de Henares, dove si trova la cattedrale magistrale dei Santi Giusto e Pastore. È una delle due uniche chiese al mondo a possedere il titolo di magistrale, che comporta che tutti i suoi canonici debbano essere laureati in teologia. L'altra chiesa magistrale è quella di San Pietro nella città belga di Lovanio.

Il territorio si estende su 2.583 km² ed è suddiviso in 93 parrocchie.

StoriaModifica

La tradizione iberica attribuisce l'evangelizzazione di Complutum a sant'Eugenio di Toledo; la prima comunità cristiana si vantò della testimonianza e del martirio dei santi Giusto e Pastore, ricordati nel Martirologio Romano alla data del 6 agosto.

La prima diocesi di Complutum fu eretta nel V secolo, probabilmente da Asturio, vescovo di Toledo, che ritrovò le reliquie dei santi Giusto e Pastore e nello stesso luogo fece edificare una chiesa, che è l'odierna cattedrale, e rese la città sede vescovile. Secondo Ildefonso di Toledo, Asturio, che fu il nono vescovo toletano, fu anche il primo di Complutum.

La diocesi sopravvisse all'invasione degli Arabi e sono documentati vescovi di Complutum, che nel frattempo aveva assunto il nome di Al-Kalaga (da cui l'odierno Alcalá), dall'VIII all'XI secolo, epoca in cui questa prima diocesi fu soppressa. Il 4 maggio 1099 papa Urbano II ne aggregò il territorio all'arcidiocesi di Toledo.

Dal XIII al XVI secolo, Alcalá fu sede degli arcivescovi toletani, che qui tennero alcuni dei loro concili provinciali, dal 1325 al 1479. Alcalá fu poi rinomata in tutta la Spagna per essere stata la sede primitiva della Universidad Complutense, una delle maggiori di tutto il Paese, trasferita a Madrid nel 1836.

In seguito al concordato del 1851, con la bolla Ad vicariam di papa Pio IX del 5 settembre 1851, fu eretta la "diocesi di Madrid e Alcalá", che tuttavia trovò attuazione solo nel 1884.[1]

Il titolo Complutensis rimase unito a quello di Madrid fino a quando, il 23 luglio 1991, fu ristabilita la diocesi con la bolla In hac Beati Petri cathedram di papa Giovanni Paolo II, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Madrid, di cui contestualmente è diventata suffraganea.

Il 18 ottobre 1997 è stato inaugurato il seminario diocesano, dedicato all'Immacolata e ai santi Giusto e Pastore.

Cronotassi dei vescoviModifica

Vescovi di ComplutumModifica

  • Sant'Asturio † (inizio V secolo)
  • Facilio † (prima del 436)
  • Fulmaro † (V secolo)
  • Alusiano † (? - 522 deceduto)
  • Venerio I † (522 - 559)
  • Novelo † (prima del 579 - dopo il 589)
  • Bonito † (VI secolo)
  • Félix † (prima del 597 - dopo il 602)
  • Presidio † (menzionato nel 609)
  • Asturio II † (menzionato nel 612)
  • Amando † (VII secolo)
  • Blas † (VII secolo)
  • Hilario † (prima del 633 - dopo il 646)
  • Dadila (o Dodilo) † (prima del 653 - dopo il 656)
  • Acisclo Audala † (menzionato nel 675)
  • Gildemiro (o Subdemiro) † (menzionato nel 681)
  • Agricio † (prima del 683 - dopo il 684)
  • Espasando † (prima del 688 - dopo il 693)
  • Juan † (menzionato nel 698)
  • Asturio III † (menzionato nel 715)
  • Matano † (VIII secolo)
  • Aliano † (VIII/IX secolo)
  • Venerio II † (menzionato nell'830 circa)
  • Esteban † (IX/X secolo)
  • Salustiano † (menzionato nel 922 circa)
  • Geroncio † (menzionato nel 1008 circa)
  • Pascasio † (XI secolo)
  • Pedro de Santa Justa † (XI secolo)
    • Sede soppressa

Vescovi di Alcalá de HenaresModifica

  • Manuel Ureña Pastor (23 luglio 1991 - 1º luglio 1998 nominato vescovo di Cartagena)
  • Jesús Esteban Catalá Ibáñez (27 aprile 1999 - 10 ottobre 2008 nominato vescovo di Malaga)
  • Juan Antonio Reig Plá, dal 7 marzo 2009

StatisticheModifica

La diocesi al termine dell'anno 2015 su una popolazione di 821.937 persone contava 716.567 battezzati, corrispondenti all'87,2% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1999 650.000 740.000 87,8 188 139 49 3.457 4 93 476 89
2000 671.000 760.000 88,3 166 127 39 4.042 4 83 443 92
2001 680.000 780.000 87,2 164 138 26 4.146 4 70 399 92
2002 477.373 514.899 92,7 156 131 25 3.060 4 79 334 92
2003 545.827 584.077 93,5 155 127 28 3.521 4 68 283 92
2004 602.289 650.789 92,5 162 132 30 3.717 4 70 283 92
2006 651.540 706.629 92,2 207 141 66 3.147 4 119 317 92
2012 686.161 807.248 85,0 192 120 72 3.573 4 121 241 92
2015 716.567 821.937 87,2 215 130 85 3.332 4 140 229 93

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN264585249 · WorldCat Identities (EN264585249
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi