Diocesi di Garðar

sede soppressa della Chiesa cattolica
Garðar
Sede vescovile titolare
Dioecesis Gardensis
Chiesa latina
Vescovo titolareEdward William Clark
Istituita1996
StatoGroenlandia
Diocesi soppressa di Garðar
Suffraganea diLund, poi Nidaros
Eretta1126
Soppressa1378
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Garðar (in latino: Dioecesis Gardensis) è una sede soppressa della Chiesa cattolica. Fu il fulcro della religione cristiana in Groenlandia tra il XII e il XIV secolo.

Rovine del palazzo vescovile di Garðar.

StoriaModifica

Le saghe ricordano che fu Sokki Þórisson, un contadino benestante del Brattahlíð, a proporre l'istituzione di una diocesi separata per la Groenlandia verso l'inizio del XII secolo. Ebbe l'approvazione del re di Norvegia e il primo vescovo di Garðar, Arnaldur[La cronotassi ha Eirikr], fu ordinato dall'arcivescovo di Lund nel 1124. Giunse in Groenlandia nel 1126.

In quello stesso anno cominciò la costruzione della cattedrale, dedicata a san Nicola di Bari, patrono dei marinai.

La diocesi di Garðar inizialmente fu suffraganea dell'arcidiocesi di Amburgo-Brema; dal 1126 fu suffraganea dell'arcidiocesi di Lund sino al 1152. In quell'anno entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Nidaros assieme alle diocesi di Skálholt, Hólar, Man (Sodor), Orcadi e Fær Øer.

La sopravvivenza della diocesi fu sempre ostacolata dalla distanza con la madrepatria: le comunicazioni erano assai limitate e spesso i vescovi si insediavano dopo diversi anni dalla nomina; esemplare, poi, il caso del vescovo Árni, sostituito perché ritenuto morto per errore. L'istituzione seguì dunque le sorti degli insediamenti scandinavi in Groenlandia e decadde con essi verso la fine del XV secolo.

Dal 1996 Garðar è una sede vescovile titolare; l'attuale vescovo titolare è Edward William Clark, vescovo ausiliare di Los Angeles.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Eirikr † (1112/1113 - 1121)
  • Arnaldur † (1126 - 1152 nominato vescovo di Hamar)
  • Jón Knútur † (1153 - 1187 deceduto)
  • Jón Árnason detto Smyrill † (1189 - 1209 deceduto)[1]
  • Þór Helgi † (1212 - 1230 deceduto)
  • Nikulás † (1234 - 1240 deceduto)
  • Ólafur † (1242 - 1280 deceduto)
  • Þór Bokki † (1280 - 1314 deceduto)
  • Árni † (1315 - 1347)[2]
  • Álfur † (1368 - 1378 deceduto)
  • Henricus † (menzionato nel 1386)
  • Bertholdus † (menzionato nel 1407 circa)
  • Jacobus Treppe, O.F.M. † (27 marzo 1411 - dopo il 1421 deceduto)
  • Nicolaus †
  • Robertus Ryngman, O.F.M. † (30 maggio 1425 - ?)
  • Gobelinus Volant, O.E.S.A. † (1º ottobre circa 1431 - 19 marzo 1432 nominato vescovo di Børglum)
  • Johannes Erles de Moys, O.F.M. † (12 luglio 1432 - ?)
  • Bartholomeus de Sancto Hyppolito, O.P. † (1433 - 1440 deceduto)
  • Gregorius † (1440 - dopo il 1450)
  • Andreas †
  • Jacobus Blaa, O.P. † (16 giugno 1481 - ? dimesso)
  • Mathias Canuto, O.S.B. † (9 luglio 1492 - ?)
  • Vincenz Kampe, O.F.M. † (20 giugno 1519 - dopo il 1537)

Cronotassi dei vescovi titolariModifica

  • Edward William Clark, dal 16 gennaio 2001

NoteModifica

  1. ^ Tra il 1202 e il 1203 si recò in pellegrinaggio a Roma incontrando papa Innocenzo III; morì a Garðar nel 1209 e fu seppellito qui, probabilmente all'interno della cappella settentrionale della cattedrale
  2. ^ A causa delle scarse comunicazioni con la madrepatria fu ritenuto morto e nel 1343 fu ordinato al suo posto Jón Skalli Eiríksson; risolto l'equivoco, quest'ultimo rinunciò alla carica e non giunse mai in Groenlandia. Nel 1358 fu nominato vescovo di Hólar.

FontiModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi