Diocesi di Kielce

Diocesi di Kielce
Dioecesis Kielcensis
Chiesa latina
Kielce-Kirche-5.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Cracovia
Vescovo Jan Piotrowski
Ausiliari Marian Florczyk, Andrzej Kaleta
Sacerdoti 717 di cui 657 secolari e 60 regolari
1.072 battezzati per sacerdote
Religiosi 76 uomini, 313 donne
Abitanti 805.147
Battezzati 769.000 (95,5% del totale)
Superficie 8.319 km² in Polonia
Parrocchie 304
Erezione 13 giugno 1805
Rito romano
Cattedrale Assunzione di Maria Vergine
Indirizzo ul. Jana Pawła II, 3, 25-013 Kielce, Polska
Sito web www.diecezja.kielce.pl
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Polonia

La diocesi di Kielce (in latino: Dioecesis Kielcensis) è una sede della Chiesa cattolica in Polonia suffraganea dell'arcidiocesi di Cracovia. Nel 2016 contava 769.000 battezzati su 805.147 abitanti. È retta dal vescovo Jan Piotrowski.

TerritorioModifica

La diocesi comprende i distretti di Kielce, di Busko-Zdrój, di Jędrzejów, di Kazimierza Wielka, di Pińczów, di Kielce, e di Włoszczowa nella parte occidentale del Voivodato della Santacroce.

Sede vescovile è la città di Kielce, dove si trova la cattedrale dell'Assunzione di Maria Vergine. In diocesi sorgono 3 basiliche minori: la basilica del Santo Sepolcro a Miechów, la basilica della Natività della Beata Vergine Maria a Wiślica, e la basilica di San Martino di Tours a Pacanów.

Il territorio è suddiviso in 27 decanati e 304 parrocchie.

StoriaModifica

La diocesi di Kielce fu eretta il 13 giugno 1805 da papa Pio VII con la bolla Indefessum personarum, ricavandone il territorio dalle diocesi di Cracovia e di Chełm e dall'arcidiocesi di Gniezno. Il capitolo della cattedrale di Tarnów, la cui diocesi fu soppressa, fu trasferito a Kielce.

Il 30 giugno 1818 la sede vescovile fu traslata a Sandomierz dallo stesso Pio VII con la bolla Ex imposita nobis, dando origine alla diocesi di Sandomierz, con la contestuale soppressione della diocesi di Kielce.

Nella seconda metà dell'Ottocento Kielce fu sede di vicari apostolici, a cui fu affidata l'amministrazione della parte della diocesi di Cracovia, che faceva parte del Regno del Congresso, stato vassallo dell'Impero russo. Furono amministratori Maciej Majerczak, vescovo titolare di Gerico (1862-1870), e Tomasz Teofil Kuliński, vescovo titolare di Satala di Armenia (1872-1883).

Il 28 dicembre 1882 papa Leone XIII con la bolla Ut primum Catholicae Ecclesiae ristabilì la diocesi di Kielce, suffraganea dell'arcidiocesi di Varsavia.

Il 28 ottobre 1925 la diocesi cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Częstochowa (oggi arcidiocesi), e contestualmente entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Cracovia.

Negli anni cinquanta il vescovo Kaczmarek fu accusato di spionaggio e incarcerato dal 1951 al 1957.

Il 25 marzo 1992 la riorganizzazione territoriale in forza della bolla di papa Giovanni Paolo II Totus tuus Poloniae populus ha modificato i confini diocesani e l'assetto dei decanati in cui è suddivisa la diocesi. Contestualmente ha ceduto una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Sosnowiec.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Wojciech Górski † (26 giugno 1805 - 1º febbraio 1818 deceduto)
    • Sede soppressa (1818-1882)
  • Tomasz Teofil Kuliński † (15 marzo 1883 - 8 gennaio 1907 deceduto)
    • Sede vacante (1907-1910)
  • Augustyn Łosiński † (26 aprile 1910 - 3 marzo 1937 deceduto)
  • Czesław Kaczmarek † (24 maggio 1938 - 26 agosto 1963 deceduto)
  • Jan Jaroszewicz † (20 marzo 1967 - 17 aprile 1980 deceduto)
  • Stanisław Szymecki (27 marzo 1981 - 15 maggio 1993 nominato arcivescovo di Białystok)
  • Kazimierz Ryczan † (17 luglio 1993 - 11 ottobre 2014 ritirato)
  • Jan Piotrowski, dall'11 ottobre 2014

Galleria d'immaginiModifica

StatisticheModifica

La diocesi nel 2016 su una popolazione di 805.147 persone contava 769.000 battezzati, corrispondenti al 95,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 840.000 842.000 99,8 392 369 23 2.142 25 428 241
1970 897.860 920.400 97,6 579 525 54 1.550 79 518 247
1980 933.973 1.000.000 93,4 616 557 59 1.516 78 535 258
1990 969.993 974.783 99,5 680 614 66 1.426 91 522 321
1999 815.000 840.000 97,0 671 598 73 1.214 89 397 297
2000 810.000 820.000 98,8 653 603 50 1.240 62 386 297
2001 793.239 817.587 97,0 660 610 50 1.201 63 382 300
2002 767.604 792.993 96,8 682 622 60 1.125 84 402 300
2003 768.525 788.824 97,4 687 627 60 1.118 87 417 300
2004 761.510 785.248 97,0 687 627 60 1.108 84 404 300
2006 774.142 796.246 97,2 718 658 60 1.078 88 411 303
2013 768.743 813.525 94,5 729 669 60 1.054 85 352 303
2016 769.000 805.147 95,5 717 657 60 1.072 76 313 304

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN124961161 · WorldCat Identities (ENviaf-124961161
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi