Diocesi di Kigoma

Diocesi di Kigoma
Dioecesis Kigomaensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Tabora
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Joseph Mlola, O.S.S.
Vescovi emeriti arcivescovo Protase Rugambwa
Sacerdoti 63 di cui 50 secolari e 13 regolari
9.249 battezzati per sacerdote
Religiosi 58 uomini, 152 donne
Abitanti 2.339.000
Battezzati 582.700 (24,9% del totale)
Superficie 45.056 km² in Tanzania
Parrocchie 25
Erezione 27 settembre 1880
Rito romano
Cattedrale Nostra Signora della Vittoria
Indirizzo P.O. Box 71, Kigoma, Tanzania
Sito web kigomadiocese.org
Dati dall'Annuario pontificio 2020 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Tanzania

La diocesi di Kigoma (in latino: Dioecesis Kigomaensis) è una sede della Chiesa cattolica in Tanzania suffraganea dell'arcidiocesi di Tabora. Nel 2019 contava 582.700 battezzati su 2.339.000 abitanti. È retta dal vescovo Joseph Mlola, O.S.S.

Jean-Baptiste-Frézal Charbonnier, primo vicario apostolico del Tanganica.

TerritorioModifica

La diocesi comprende la regione di Kigoma in Tanzania.

Sede vescovile è la città di Kigoma, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora della Vittoria.

Il territorio è suddiviso in 25 parrocchie.

StoriaModifica

Il pro-vicariato apostolico del Tanganica fu eretto il 27 settembre 1880 con il decreto Cum Reverendus della Congregazione di Propaganda Fide, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico dell'Africa centrale (oggi arcidiocesi di Khartoum).

L'11 gennaio 1887, in forza del breve Quae catholico di papa Leone XIII, cedette porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico di Unianyembé (oggi arcidiocesi di Tabora) e del vicariato apostolico del Congo superiore (oggi diocesi di Kalemie-Kirungu), e contestualmente fu elevato al rango di vicariato apostolico.

Il 31 luglio 1889 e il 18 luglio 1932 cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della prefettura apostolica di Nyassa (oggi arcidiocesi di Lilongwe) e della missione sui iuris di Tukuyu (oggi arcidiocesi di Mbeya).

Il 10 maggio 1946 in forza della bolla Quo maiora di papa Pio XII cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico di Karema (oggi diocesi di Sumbawanga) e contestualmente cambiò il proprio nome in vicariato apostolico di Kigoma.

Il 25 marzo 1953 il vicariato apostolico è stato elevato a diocesi con la bolla Quemadmodum ad Nos dello stesso papa Pio XII.

Cronotassi dei vescoviModifica

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

  • Jean-Baptiste-Frézal Charbonnier, M.Afr. † (14 gennaio 1887 - 16 marzo 1888 deceduto)
  • Léonce Bridoux, M.Afr. † (15 giugno 1888 - 21 ottobre 1890 deceduto)
  • Adolphe Lechaptois, M.Afr. † (19 giugno 1891 - 30 novembre 1917 deceduto)
  • Joseph-Marie Birraux, M.Afr. † (22 aprile 1920 - 22 aprile 1936 nominato superiore generale dei Missionari d'Africa)
  • John van Sambeek, M.Afr. † (19 novembre 1936 - 22 novembre 1957 dimesso[1])
  • James Holmes-Siedle, M.Afr. † (5 agosto 1958 - 15 dicembre 1969 dimesso[2])
  • Alphonse Daniel Nsabi † (15 dicembre 1969 - 16 agosto 1989 deceduto)
  • Paul Runangaza Ruzoka (10 novembre 1989 - 25 novembre 2006 nominato arcivescovo di Tabora)
  • Protase Rugambwa (18 gennaio 2008 - 26 giugno 2012 nominato segretario aggiunto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli e presidente delle Pontificie opere missionarie)
    • Sede vacante (2012-2014)
  • Joseph Mlola, O.S.S., dal 10 luglio 2014

StatisticheModifica

La diocesi nel 2019 su una popolazione di 2.339.000 persone contava 582.700 battezzati, corrispondenti al 24,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 14.702 355.000 4,1 43 2 41 341 41 17
1969 76.801 496.649 15,5 44 2 42 1.745 52 67 16
1980 100.135 474.000 21,1 33 8 25 3.034 28 54 14
1990 165.002 850.300 19,4 36 15 21 4.583 23 70 15
1999 342.633 1.035.284 33,1 58 39 19 5.907 26 91 16
2000 398.975 1.238.356 32,2 56 39 17 7.124 25 64 17
2001 419.576 1.247.178 33,6 52 39 13 8.068 22 96 17
2002 427.404 1.247.178 34,3 59 46 13 7.244 22 105 17
2003 429.304 1.259.694 34,1 64 46 18 6.707 25 98 18
2004 409.900 1.680.009 24,4 66 46 20 6.210 29 132 18
2006 439.508 1.824.000 24,1 56 47 9 7.848 20 144 19
2013 515.701 2.000.650 25,8 55 42 13 9.376 42 165 22
2016 541.571 2.138.117 25,3 54 43 11 10.029 39 146 23
2019 582.700 2.339.000 24,9 63 50 13 9.249 58 152 25

NoteModifica

  1. ^ Nominato vescovo titolare di Tracula.
  2. ^ Nominato vescovo titolare di Árd Mór.

BibliografiaModifica

  • (LA) Decreto Cum Reverendus, in: Auguste Roeykens, La politique religieuse de l'Etat Indépendant du Congo. Documents I. Léopold II, le Saint-Siège et les Missions catholiques dans l'Afrique Equatoriale (1876-1885), Bruxelles, 1965, p. 256 (nº 223)
  • (LA) Breve Quae catholico, in «Leonis XIII pontificis maximi acta», vol. VII, p. 16
  • (LA) Bolla Quo maiora, AAS 39 (1947), p. 80
  • (LA) Bolla Quemadmodum ad Nos, AAS 45 (1953), p. 705

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN128029565 · LCCN (ENn99909751 · WorldCat Identities (ENlccn-n99909751
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi