Apri il menu principale
Massimianopoli di Palestina
Sede vescovile titolare
Dioecesis Maximianopolitana in Palaestina
Patriarcato di Gerusalemme
Sede titolare di Massimianopoli di Palestina
Mappa della diocesi civile d'Oriente (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita XVIII secolo
Stato Palestina
Diocesi soppressa di Massimianopoli di Palestina
Suffraganea di Scitopoli
Eretta ?
Soppressa ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Massimianopoli di Palestina (in latino: Dioecesis Maximianopolitana in Palaestina) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

StoriaModifica

Massimianopoli di Palestina, identificata con Rummanah in Palestina, a 17 km a nord-ovest di Jenin, è un'antica sede vescovile della provincia romana della Palestina Seconda nella diocesi civile d'Oriente. Faceva parte del patriarcato di Gerusalemme ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Scitopoli.

Sono tre i vescovi attribuiti a questa antica diocesi. Il primo è Paolo che prese parte al concilio di Nicea del 325; secondo Lequien, al concilio di Sardica del 343/344, presero parte due vescovi palestinesi di nome Paolo, ed uno di questi potrebbe essere quello che prese parte al primo concilio ecumenico. Nel VI secolo sono noti due vescovi: Megas, che sottoscrisse nel 518 la lettera sinodale di Giovanni di Gerusalemme contro Severo di Antiochia e i monofisiti; e Domno, che firmò gli atti del sinodo del 536 convocato dal patriarca Pietro contro Antimo di Costantinopoli e che vide riuniti assieme i vescovi delle Tre Palestine.

Oggi Massimianopoli di Palestina sopravvive come sede vescovile titolare; la sede è vacante dal 18 giugno 1980.

CronotassiModifica

Vescovi greciModifica

  • Paolo[1] † (menzionato nel 325)
  • Megas † (menzionato nel 518)
  • Domno † (menzionato nel 536)

Vescovi titolariModifica

  • Gaetano Mantegazza, B. † (25 giugno 1778 - 1793 deceduto)
  • Alexander Cameron † (19 settembre 1797 - 7 febbraio 1828 deceduto)
  • Kajetan von Kowalski † (15 aprile 1833 - 13 gennaio 1840 deceduto)
  • William Walsh † (15 febbraio 1842 - 27 settembre 1844 succeduto vescovo di Halifax)
  • Aleksandras Beresnevičius † (27 settembre 1858 - 30 maggio 1875 nominato vescovo di Samogizia)
  • Giovanni Battista (Ferdinando di Santa Maria) Ossi, O.C.D. † (3 aprile 1883 - 14 dicembre 1886 nominato vescovo di Quilon)
  • John Hutchinson, O.E.S.A. † (13 maggio 1887 - 28 ottobre 1897 deceduto)
  • William F. O'Hare, S.J. † (2 settembre 1919 - 11 ottobre 1926 deceduto)[2]
  • Auguste François Louis Grimault, C.S.Sp. † (24 gennaio 1927 - 18 giugno 1980 deceduto)

NoteModifica

  1. ^ Gelzer, Patrum Nicaenorum nomina, Lipsia 1898, p. LXI, nº 31; p. 10, nº 31.
  2. ^ Vescovo ignoto a Catholic Hierarchy. Gli Acta Apostolicae Sedis non indicano mai la regione di appartenenza della sede Maximianopolitana, sia alla nomina che al decesso del vescovo.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi