Diocesi di Pinsk

Diocesi di Pinsk
Dioecesis Pinskensis Latinorum
Chiesa latina
Цэнтр Пінска 08.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Minsk-Mahilëŭ
Mappa della diocesi
Vescovo Antoni Dziemianko
Ausiliari Kazimierz Wielikosielec, O.P.
Sacerdoti 49 di cui 32 secolari e 17 regolari
1.061 battezzati per sacerdote
Religiosi 24 uomini, 42 donne
Abitanti 2.800.000
Battezzati 52.000 (1,9% del totale)
Superficie 72.700 km² in Bielorussia
Parrocchie 85 (7 vicariati)
Erezione 28 ottobre 1925
Rito romano
Indirizzo vul. Lenina 16, 225710 Pinsk, Belarus'
Sito web pcd.by
Dati dall'Annuario pontificio 2020 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Bielorussia

La diocesi di Pinsk (in latino: Dioecesis Pinskensis Latinorum) è una sede della Chiesa cattolica in Bielorussia suffraganea dell'arcidiocesi di Minsk-Mahilëŭ. Nel 2019 contava 52.000 battezzati su 2.800.000 abitanti. È retta dal vescovo Antoni Dziemianko.

Il seminario vescovile "San Tommaso d'Aquino" a Pinsk.

TerritorioModifica

La diocesi comprende le regioni di Brėst e di Homel' nella parte meridionale della Bielorussia.

Sede vescovile è la città di Pinsk, dove si trova la cattedrale dell'Assunzione di Maria Vergine.

Il territorio è suddiviso in 7 decanati e in 85 parrocchie.

StoriaModifica

La diocesi è stata eretta il 28 ottobre 1925 da papa Pio XI con la bolla Vixdum Poloniae unitas, ricavandone il territorio dalla diocesi di Minsk. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Vilnius.

Con la morte del vescovo Kazimierz Bukraba, la sede vescovile rimase vacante per oltre 50 anni ed amministrata da vicari capitolari. Durante il periodo sovietico operò un seminario clandestino, che permise l'ordinazione segreta di una decina di sacerdoti.[1]

Con la fine del regime sovietico, furono riprese tutte le attività diocesane.

Il 13 aprile 1991 in forza della bolla Quia ob rerum di papa Giovanni Paolo II ha subito delle variazioni territoriali ed è divenuta suffraganea dell'arcidiocesi di Minsk-Mahilëŭ.

Il 5 giugno 1991 ha ceduto la porzione del suo territorio che dal termine della Seconda guerra mondiale si trovava in Polonia, a vantaggio dell'erezione della diocesi di Drohiczyn.

Cronotassi dei vescoviModifica

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

  • Zygmunt Łoziński † (28 ottobre 1925 - 26 marzo 1932 deceduto)
  • Kazimierz Bukraba † (10 luglio 1932 - 6 maggio 1946 deceduto)
  • Antoni Dziemianko, dal 3 maggio 2012

StatisticheModifica

La diocesi nel 2019 su una popolazione di 2.800.000 persone contava 52.000 battezzati, corrispondenti all'1,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 319.603 ? ? 153 153 2.088 35 133
1970 88.000 174.000 50,6 81 80 1 1.086 1 49 35
1999 50.000 3.100.000 1,6 33 13 20 1.515 13 27 64
2000 50.000 3.100.000 1,6 33 13 20 1.515 31 43 60
2001 50.000 3.100.000 1,6 33 14 19 1.515 31 52 60
2002 50.000 3.100.000 1,6 40 17 23 1.250 35 53 60
2003 50.000 3.100.000 1,6 40 17 23 1.250 37 43 60
2004 50.000 3.100.000 1,6 43 19 24 1.162 41 47 60
2013 50.000 3.110.000 1,6 52 29 23 961 31 46 76
2016 42.100 3.108.000 1,4 50 31 19 842 23 51 81
2019 52.000 2.800.000 1,9 49 32 17 1.061 24 42 85

NoteModifica

  1. ^ Dal sito web della diocesi.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1171156012400749700009
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi