Discendenza

in biologia, prodotto della riproduzione di un organismo
Disambiguazione – "Stirpe" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Stirpe (disambigua).

Con il termine discendenza si intende la norma che governa la filiazione nei gruppi sociali mediante i vincoli di parentela. La discendenza è una forma di riconoscimento sociale del lignaggio o famiglia, che varia secondo la società.

La discendenza può essere biologica o giuridica. La discendenza biologica si può trasmettere attraverso l'uomo o la donna (in forma bilaterale) o soltanto attraverso uno di essi (unilaterale). La discendenza unilaterale può essere patrilineare o matrilineare. La discendenza giuridica è la trasmissione di diritti e doveri, e include l'eredità della proprietà e la successione in una posizione sociale. Entrambe legano una generazione alla seguente in modo sistematico.

Lignaggio e clan modifica

In antropologia si distingue il lignaggio come gruppo consanguineo di discendenza matrilineare o patrilineare non molto profondo che non supera le cinque generazioni, mentre il clan è costituito da un gruppo di persone che riconoscono la loro discendenza da un lontano progenitore comune spesso mitico[1].

Note modifica

  1. ^ Emily A. Schultz e Robert H. Lavenda, Antropologia culturale, 2021, IV edizione, pag. 305, Zanichelli, ISBN 978 88 08 62032 3

Voci correlate modifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 39169 · GND (DE4137578-6