Discussione:Differenza di potenziale elettrico

Discussioni attive
Crystal Clear app ksirtet.pngQuesta voce rientra tra gli argomenti trattati dal progetto tematico sottoindicato.
Puoi consultare le discussioni in corso, aprirne una nuova o segnalarne una avviata qui.
Nuvola apps katomic.svgFisica
Monitoraggio fatto.svgLa voce è stata monitorata per definirne lo stato e aiutarne lo sviluppo.
Ha ottenuto una valutazione di livello minimo (febbraio 2012).
CSeri problemi relativi all'accuratezza dei contenuti. Importanti aspetti del tema non sono trattati o solo superficialmente. Altri aspetti non sono direttamente attinenti. Alcune informazioni importanti risultano controverse. Potrebbero essere presenti uno o più avvisi. (che significa?)
CSeri problemi di scrittura. Linguaggio comprensibile, ma con stile poco scorrevole. Strutturazione in paragrafi carente. (che significa?)
DGravi problemi relativi alla verificabilità della voce. Molti aspetti del tema sono completamente privi di fonti attendibili a supporto. Presenza o necessità del template {{F}}. (che significa?)
BLievi problemi relativi alla dotazione di immagini e altri supporti grafici nella voce. Mancano alcuni file o altri sono inadeguati. (che significa?)
Monitoraggio effettuato nel febbraio 2012

Perché chiamarla con il nome meno comune?Modifica

Chiunque la chiama tensione elettrica, non capisco perché fare il redirect dalla voce più cercata. Un po' di buon senso.

Non penso che sia il nome meno comune. Durante la mia carriera universitaria l'ho sempre chiamata differenza di potenziale elettrico. Il termine "tensione elettrica" forse lo usano di più gli elettricisti, non i fisici. E poi il termine "tensione" rimanda alla mente un'azione meccanica, quindi è pure poco appropriato. Comunque, fornisci qualche fonte (ad esempio da Google Libri) dove viene utilizzato maggiormente il termine "tensione elettrica" così possiamo verificare fonti alla mano. --Daniele Pugliesi (msg) 17:32, 21 ott 2013 (CEST)

La sezione "Effetti sul corpo umano" deve averla scritta un idraulico!

ddp elettrica vs Tensione ElettricaModifica

Sono nuovo di Wikipedia e quindi esprimo un parere con la speranza di dare un contributo costruttivo. Nella stragrande maggioranza di libri di fisica si riporta il termine ddp elettrica o potenziale elettrico mentre bisogna convenire che nell’uso comune è pressoché sconosciuto e viene sostituito dal termine Tensione elettrica. Vedo che sia nella Wikipedia in italiano che quella in inglese ci sono due voci che derivano da 3. In quella in italiano Tensione Elettrica viene ridiretta su ddp elettrica mentre Potenziale elettrico è a se stante. In quella in inglese Potential difference viene ridiretta su Voltage mentre Electric ( o Electrostatic ) Potential è a se stante. Penso che questa divisione in due di un'unica grandezza fisica abbia un senso solo nel momento in cui le due voci siano sviluppate in maniera e per utenti differenti. Questa differenza la noto nella versione in inglese mentre in quella italiana è meno evidente. Insomma se siete d’accordo proporrei di tenere Potenziale Elettrico come riferimento degli specialisti e del portale della Fisica, mentre favorire Tensione elettrica nel reindirizzamento da ddp elettrica. Fatto questo però bisognerebbe sviluppare meglio la voce Tensione Elettrica per allargarne l’utilizzo. Mi offro di tradurre parti della voce inglese che mi sembra fatta molto bene. Tra l’altro la voce ddp elettrica mi sembra contenga un errore : " ….φ l'angolo compreso tra il vettore campo elettrico e la retta congiungente a e b…" . L’angolo varia lungo il percorso in quanto può variare sia la direzione del campo che il segmento dl.

Sezione "Effetti sul corpo umano" - Dell'aggiunta del template Controllare e della cancellazione di alcune frasi.Modifica

In attesa di trovare il tempo di riformulare e ampliare l'intera sezione.....

Dopo avere messo il template "Controllare" nella sezione in oggetto ho riletto e non ho potuto fare a meno di cancellare le frasi:

"Infatti, un generatore ideale di tensione con intensità di corrente nulla, potrebbe ipoteticamente generare anche 50kV (ddp) che non recherebbe ugualmente alcun danno all'uomo. Tuttavia, la resistenza interna di qualsiasi generatore reale di tensione è sempre maggiore di zero e ciò significa che, anche se di pochi milliampere (ad esempio), è pur sempre presente una certa intensità di corrente che potrebbe interagire col corpo umano, danneggiandolo anche mortalmente. Ad esempio, con tensioni di 50VAC o 120VDC, una intensità di corrente che supera i 10mA, diventa pericolosa per l'uomo."

Viene applicata la teoria dei circuiti elettrici in maniera quanto meno poco appropriata confondendo la resistenza interna dei generatori con la resistenza elettrica del corpo umano. Se si applica una differenza di potenziale al corpo umano, quello che determina la corrente che transita nel corpo, e quindi il danno, è il suo valore di resistenza elettrica, non il valore di resistenza interna del generatore. La frase " ..un generatore ideale di tensione con intensità di corrente nulla, potrebbe ipoteticamente generare anche 50kV (ddp) che non recherebbe ugualmente alcun danno all'uomo." è priva di significato perchè esiste un solo modo affinchè non sia arrecato nessun danno all'uomo: la tensione ipotetica di 50 kV non deve essere applicata al corpo umano. Nel caso particolare e ipotetico riportato del "generatore ideale di tensione con intensità di corrente nulla", la corrente è nulla solo se il generatore funziona a circuito aperto, a vuoto. Se invece chiudo il generatore ideale su un "carico" qualsiasi: resistenza, motore, corpo umano, la corrente è tutt'altro che nulla, come ci dice la legge di Ohm. L'idealità richiamata del generatore, per sua stessa definizione, fà sì che la tensione ai suoi capi rimanga costante anche al variare della corrente ma nulla ha a che vedere con la presunta assenza di pericolosità del generatore ideale di tensione.--Egidio24 (msg) 13:00, 4 ott 2020 (CEST)

Rileggendo, mi è sorto un dubbio: forse l'estensore delle frasi che mi sono permesso di cancellare voleva riferirsi a tensioni applicate al corpo umano in condizioni di isolamento da terra? Forse, come me, ha visto in gioventù un film di James Bond nel quale il protagonista si cala da un elicottero su i fili dell'alta tensione senza riceverne alcun danno oppure ha osservato che gli uccelli si posano tranquillamente sopra i conduttori dell'alta tensione senza problemi? Anche se così fosse, si tratta di tutt'altro tipo di configurazioni circuitali che la formulazione delle frasi non riusciva a descrivere adeguatamente. A mio parere inoltre, all'interno di una sezione dal titolo "Effetti sul corpo umano", non è opportuno ipotizzare situazioni circuitali "ideali". Credo che ci debba limitare, per il perimetro stesso individuato dal titolo della sezione, a quanto accade in situazioni circuitali reali che per la complessità dei casi ipotizzabili sono già un campo molto vasto e articolato meritevole di essere analizzato, magari non approfonditamente, ma limitandosi solo alla realtà.--Egidio24 (msg) 13:23, 4 ott 2020 (CEST)
Ritorna alla pagina "Differenza di potenziale elettrico".