Apri il menu principale

Disney's Hollywood Studios

Terzo dei quattro parchi a tema costruiti a Walt Disney World
Disney's Hollywood Studios
Disney's Hollywood Studios.jpg
The Great Movie Ride and Chinese Theater at Walt Disney World.jpg
StatoStati Uniti Stati Uniti
LocalitàBay Lake, Florida
TemiCinema/Disney
ProprietarioThe Walt Disney Company
Inaugurazione1º maggio 1989
Estensione546.000 m²
Sito webSito ufficiale Studios

Coordinate: 28°21′30″N 81°33′32″W / 28.358333°N 81.558889°W28.358333; -81.558889

Disney's Hollywood Studios, precedentemente conosciuto come Disney-MGM Studios, è il terzo dei quattro parchi a tema di proprietà della Disney Parks, Experiences and Products costruiti presso il Walt Disney World Resort a Bay Lake, Florida, Stati Uniti a circa 22 km a sud ovest di Orlando, ed è stato inaugurato il 1º maggio del 1989. Il tema principale del parco è il mondo del cinema, traendo ispirazione dall'età d'oro di Hollywood, ma negli ultimi anni è diventato un parco a tema dove aprire attrazioni dei nuovi marchi acquistati e gestiti dalla Disney come Pixar e Star Wars. Inizialmente questo parco era chiamato Disney-MGM Studios ma, visto l'iniziale poco successo, nel 2008, dopo molti miglioramenti, sia nelle scenografie sia nelle attrazioni, il parco venne rinominato Disney's Hollywood Studios. Ha un parco gemello a Disneyland Paris, chiamato Walt Disney Studios.

Negli ultimi anni il parco si è ingrandito sempre di più diventando uno dei parchi più grandi e visitati del mondo, con oltre 11 milioni di visitatori all'anno.[1]

StoriaModifica

L'ideaModifica

Nel 1985, Disney e Metro-Goldwyn-Mayer stipularono un contratto di licenza che conferiva a Disney in tutto il mondo i diritti di utilizzare il marchio MGM. Intanto, dopo che Epcot venne inaugurato nel 1982, gli Imagineers della Disney avevano iniziato a pensare che cosa mancava alla zona del World Showcase, in particolare, quali settori avrebbero potuto presentare nei futuri nuovi padiglioni. In cima alla lista misero la propria industria: l'intrattenimento. Ma quello che doveva essere l'Epcot's Entertainment Pavilion è presto diventato una proposta per un terzo parco a tema al Walt Disney World Resort. Tale proposta fu ampliata e accelerata quando gli Universal Studios iniziarono a sviluppare un sito vicino per il parco a tema Universal Studios Florida nel 1986. Michael Eisner, allora capo della Walt Disney Company, decise così di dedicare il terzo parco di divertimenti del Walt Disney World Resort al mondo del cinema.[2]

Apertura ed iniziale insuccessoModifica

Tre anni dopo, il 1º maggio 1989, fu aperto il parco a tema Disney-MGM Studios, battendo gli Universal Studios Florida di un anno. Il parco fu inizialmente pensato e strutturato come un parco ispirato alle produzioni cinematografiche di Hollywood e come uno studio di produzione operativo, con servizi di produzione cinematografica e televisiva attivi, tra i quali una filiale di animazione e un backlot funzionanti.[3] Il parco però (il più piccolo parco Disney all'epoca) non offriva tante attrazioni non attirando di fatto il pubblico e fu inizialmente un flop.[2]

Ripresa e nuove attrazioniModifica

Nel 1994, avvenne una vera svolta, con la costruzione dell'attrazione Tower of Terror, che ebbe tanto successo da costruirla in quasi tutti i parchi Disney a venire; l'attrazione, caratterizzata da innovativi effetti speciali, rialzò notevolmente l'attrazione del pubblico verso il parco. Nello stesso periodo lo studio di animazione in loco della Walt Disney Animation Studios, collaborò alla realizzazione di successi quali La bella e la bestia, Aladdin, Il re leone, Mulan e Lilo & Stich. Negli anni sono stati aggiunti molti spettacoli, da uno show dedicato a La bella e la bestia a Fantasmic!, anch'esso uno spettacolo di grande successo.

Nel 2004 gli studi di animazione vennero chiusi e demoliti lasciando spazio allo spettacolo di macchine Lights, Motors, Action! Extreme Stunt Show, inaugurato nel 2005, che aveva avuto grande successo nel suo parco gemello di Parigi, il Walt Disney Studios, inaugurato nel 2002. Nel 2008, dopo una battaglia legale tra Disney ed MGM, gli studi vengono rinominati Disney's Hollywood Studios.[4] Lo stesso anno venne costruita una nuova area denominata Pixar Place, con un'ulteriore grande attrazione, Toy Story Mania!.[2]

Gli ultimi anni e l'espansioneModifica

Negli anni duemiladieci il parco ha continuato a chiudere sempre più attrazioni a tema "studio cinematografico; nell'aprile 2016, la maggior parte della Streets of America - tra cui le facciate delle strade del backlot, Lights, Motors, Action! Extreme Stunt Show, la Earffel Tower (la torre dell'acqua con le orecchie di Topolino, vecchio simbolo del parco) e le restanti aree del backstage - sono state chiuse e demolite in preparazione di Star Wars: Galaxy's Edge e Toy Story Land. A conferma della volontà di trasformarlo in un parco a tema Pixar-Star Wars, il primo maggio del 2019, per i 30 anni del parco, ne è stato aggiornato il logo che vede, oltre a Topolino, l'aggiunta di di BB-8 da Star Wars e dello Sceriffo Woody dalla Pixar. Star Wars: Galaxy's Edge, copia della land aperta qualche mese prima nel Disneyland originale in California, è la più grande espansione del parco sin dalla sua apertura ed è stata inaugurata il 29 agosto 2019.[5][6]

Aree tematicheModifica

Disney's Hollywood Studios è diviso in otto aree a tema o "land" qui di seguito elencate come appaiono in senso orario[7]:

 
Un'immagine della Hollywood Boulevard.

Hollywood BoulevardModifica

Questa land è ispirata alla vera strada omonima di Hollywood e funge da ingresso principale del parco e funziona allo stesso modo della Main Street, U.S.A. dei parchi stile Disneyland. È fiancheggiata da facciate a tema con strade e locali che vendono merchandising Disney ed offrono vari servizi. In fondo a Hollywood Boulevard si trova una replica esatta del Grauman's Chinese Theatre di Hollywood.

AttrazioniModifica

  • The Great Movie Ride (1989-2017 - attualmente chiusa): quest'attrazione si trovava all'interno della replica del Chinese Theatre ed era ispirata al mondo del cinema e verrà sostituita nel 2020 dalla nuova attrazione Mickey & Minnie's Runaway Railway.[8][9]
 
Un'immagine di Echo Lake.

Echo LakeModifica

Questa land è ispirata dal quartiere Echo Park di Los Angeles come si presentava nell'epoca d'oro di Hollywood.

AttrazioniModifica

  • Star Tours – The Adventures Continue

SpettacoliModifica

  • Jedi Training: Trials of the Temple
  • Indiana Jones Epic Stunt Spectacular!
  • For the First Time in Forever: A Frozen Sing-Along Celebration
  • Star Wars: Path of the Jedi
 
La ABC Commissary a Commissary Lane.

Commissary LaneModifica

Questa land è un breve percorso situato tra la Hollywood Boulevard e Grand Avenue.

AttrazioniModifica

  • Mickey and Minnie starring in Red Carpet Dreams

SpettacoliModifica

  • Sci-Fi Diner: un ristorante in stile drive-in anni '50 dove vengono trasmessi film Disney.

Grand AvenueModifica

Questa land è tematizzata come un quartiere storico con lo stesso nome nel centro di Los Angeles.

AttrazioniModifica

  • Muppet*Vision 3D
 
Una veduta della Star Wars: Galaxy's Edge con la copia del Millennium Falcon a grandezza naturale.

Star Wars: Galaxy's EdgeModifica

Una land ispirata ad un pianeta inedito della saga di Star Wars chiamato Batuu.[9][10]

AttrazioniModifica

  • Millennium Falcon: Smugglers Run
  • Star Wars: Rise of the Resistance
 
Toy Story Land.

Toy Story LandModifica

Questa land è ispirata alla serie di film della Disney-Pixar, Toy Story.

AttrazioniModifica

  • Toy Story Mania!: questa attrazione inaugurata nel 2008 è una di quelle di maggior successo del parco e l'ambientazione (come si intuisce nel nome) è basata sul film d'animazione Toy Story e ha ispirato anche l'omonimo videogame.
  • Slinky Dog Dash
  • Alien Swirling Saucers
 
Un'immagine di Animation Courtyard.

Animation CourtyardModifica

Questa land ospita attrazioni basate su film e personaggi creati dalla Walt Disney Animation Studios. Questa sezione del parco era originariamente il punto di partenza per lo Studio Backlot Tour.

AttrazioniModifica

  • Voyage of the Little Mermaid
  • Star Wars Launch Bay
  • Walt Disney Presents

SpettacoliModifica

  • Disney Junior Dance Party!
 
Sunset Boulevard ai Disney's Hollywood Studios.

Sunset BoulevardModifica

Questa land è ispirata al vero viale omonimo e fu la prima espansione del parco, inaugurata nel luglio 1994.

AttrazioniModifica

  • Tower of Terror: questa attrazione è una delle più grandi del parco e tratta di un viaggio in un hotel abbandonato che da una normale gita si trasformerà in una fuga senza fine verso l'uscita.

SpettacoliModifica

  • Beauty and the Beast Live on Stage: un noto balletto basato sull'omonimo film.
  • Fantasmic!: uno spettacolo notturno all'aperto con Topolino e molti altri personaggi Disney con fuochi d'artificio, laser ed effetti acquatici.
  • Lightning McQueen's Racing Academy

NoteModifica

  1. ^ Themed Entertainment Association (TEA), TEA/AECOM 2018 Theme Index and Museum Index: The Global Attractions Attendance Report (PDF), 2019. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2019).
  2. ^ a b c Theme park history: A short history of Disney's Hollywood Studios, su Theme Park Insider, 11 agosto 2013.
  3. ^ (EN) The Disney-MGM Studios Theme Park Grand Opening, su Disney Wiki.
  4. ^ (EN) History com Editors, Disney-MGM Studios becomes Disney’s Hollywood Studios, su HISTORY, 27 luglio 2019.
  5. ^ Yesterland: Disney-MGM Studios, 1989, su www.yesterland.com, 3 maggio 2019.
  6. ^ Jason Guerrasio, I went to the opening of Star Wars: Galaxy's Edge at Disney World and it was very different than how things were done at Disneyland, su INSIDER, 31 agosto 2019.
  7. ^ Disney's Hollywood Studios guidemap, 2019.
  8. ^ (EN) Mickey & Minnie’s Runaway Railway to Roll into Disneyland Park, su Disney Parks Blog, 19 aprile 2019.
  9. ^ a b (EN) Coming to Walt Disney World Resort, su Walt Disney World.
  10. ^ (EN) You Have the Chance to Go 'Back to Batuu' in a New Star Wars: Galaxy's Edge Sweepstakes, su StarWars.com, 29 agosto 2019.


Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN131477015 · LCCN (ENn90607196 · WorldCat Identities (ENn90-607196