Apri il menu principale

Divisioni di Nintendo

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Nintendo.

Quartier generale di Nintendo of America, situato a Redmond[1]

La Nintendo è un'azienda giapponese che produce videogiochi e console. Come multinazionale, ha numerose divisioni e società controllate che operano in numerosi paesi, inclusi Stati Uniti d'America, Canada, Francia, Paesi Bassi, Spagna, Russia e Australia.[1][2]

Al 2015 l'azienda possiede tre divisioni per lo sviluppo software e una dedicata all'hardware, quest'ultima che sostituisce le due precedenti divisioni dedicate rispettivamente alle console e alle console portatili. Durante la presidenza di Satoru Iwata lo sviluppo software era diviso secondo il seguente schema:

  • Entertainment Analysis & Development Division (diretta da Shigeru Miyamoto), sviluppa software interno;
  • Software Planning & Development Division (diretta da Shinya Takahashi), lavora principalmente con compagnie esterne;
  • System Development Division (diretta da Iwata), si occupa del software di rete e di sistema (librerie, sistemi operativi, SDK).

Indice

StoriaModifica

Con l'ingresso della società nell'universo dei videogiochi, Hiroshi Yamauchi ha diviso la società in due divisioni dedicate alla ricerca e sviluppo: Research & Development 1 (R&D 1) e Research & Development 2 (R&D 2), rispettivamente guidate da Gunpei Yokoi e Masayuki Uemura. Entrambe dedicate alla creazione di software, la prima era incentrata su console portatili, mentre la seconda si occupava dello sviluppo del NES e dello SNES.[3]

Nintendo Entertainment Analysis & Development DivisionModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nintendo EAD.

La Nintendo Entertainment Analysis & Development Division (EAD) ha sede a Kyoto. Fondata nel 1989, la divisione deriva dalla precedente unità di ricerca e sviluppo denominata Nintendo Research and Development 4 (R&D4) e diretta da Shigeru Miyamoto e Takashi Tezuka.[4][5][6]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Principal Offices and Facilites
  2. ^ (EN) Nintendo's most recent list of subsidiaries, su Go Nintendo, 23 giugno 2013.
  3. ^ (EN) Osamu Inoue, "Miyamotoism" - Bringing Down the Walls, in Nintendo Magic: Winning the Videogame Wars, traduzione di Paul Tuttle Starr, Vertical, 2010, p. 77, ISBN 978-1-934287-22-4.
  4. ^ (EN) Nintendo EAD, su IGN.
  5. ^ (EN) Nintendo EAD, su GameSpy.
  6. ^ (EN) Nintendo R&D4, su IGN.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica