Apri il menu principale

Dizione della lingua italiana

Pronuncia corretta dell'italiano standard

La dizione della lingua italiana è la dizione e pronuncia delle parole della lingua italiana, con riferimento, se non altrimenti specificato, alla varietà derivata dal fiorentino e tradizionalmente individuata come standard.

Indice

RegoleModifica

La pronuncia "standard" di una parola italiana solitamente non viene insegnata a scuola, anche se è solitamente riportata nei dizionari. Nel territorio dello stato italiano e nei territori italofoni esteri sono tuttavia sovente usate, in primis dai madrelingua, pronunce delle parole italiane non afferenti lo standard.

La maggior parte delle regole ortoepiche riguardano le vocali toniche e / o, la cui pronuncia aperta o chiusa può talvolta determinare una differenza di significato, e alcune consonanti quali la s e la z. Sono in genere le origini latine del vocabolo a determinare il grado di apertura o di chiusura. Come ogni parola che termina in -endo, -ente (derivata dalle terminazioni latine -ĕndo, -ĕnte) presenta una vocale aperta, così le vocali derivanti da una vocale chiusa (come legno, da lignum o messa da missa) ereditano la medesima caratteristica. Come in latino, inoltre, le parole che terminano in consonante hanno in genere una vocale tonica aperta.

Principi eufonici univoci regolano la maggior parte delle parole della lingua, con un numero di eccezioni e casi controversi nell'ordine di poche centinaia, sugli oltre 150.000 vocaboli comunemente utilizzati che compongono la lingua italiana. In alcuni casi l'apertura o chiusura della vocale distingue due termini, determinandone il significato, come per i due omografi, ma non omofoni, pèsca (il frutto) e pésca (l'azione).

La è apertaModifica

La è aperta [ɛ], nella genesi della lingua italiana, deriva nella maggior parte dei casi dalla ĕ breve latina e dal dittongo ae della lingua latina classica; si trova inoltre nel dittongo eu derivato dallo stesso dittongo in latino (neutrum>neutro). L'evoluzione della lingua ha però dato luogo a significative eccezioni.

La è si pronuncia aperta nei casi seguenti:

  • Nel digramma ie [jɛ, ɛ], come in (Es.: bandièra, ièri, cavalière, lièto, diètro, insufficiènte).
    • Eccezioni [je]:
      • nei suffissi dei vocaboli di derivazione etnica (Es.: ateniése);
      • nei suffissi dei diminutivi in "-iett" [jett] (Es.: magliétta, fogliétto, vecchiétto);
      • nei suffissi dei sostantivi in "-iezz" [jetts] (Es.: ampiézza);
      • nei vocaboli chiérico e bigliétto.
  • Quando è seguita da vocale (Es.: colèi, costèi, fèudo, idèa, lèi).
    • Eccezioni:
      • nella desinenza ei [ˈei] del passato remoto (chiedéi);
      • nelle preposizioni articolate (déi, néi, péi);
      • in quéi;
  • Quando è seguita da una consonante dopo la quale vengono due vocali (assèdio, gènio, egrègio, prèmio):
    • Eccezioni:
      • in frégio e sfrégio;
      • seguita da gui, gua, guo (diléguo, perséguo, séguito, trégua);
  • In vocaboli di origine straniera che terminano con una consonante (la parola latina rèbus, hotèl, rècord, sèxy, prèmier, sèltz, nègus).
  • In vocaboli tronchi di origine straniera (caffè, bignè, (bevanda), gilè)
  • Nelle declinazioni verbali del modo condizionale 1º persona singolare (-èi), 3º persona singolare (-èbbe) e plurale (-èbbero) (vorrèi, andrèi, colpirèbbe, leggerèbbe, potrèbbero, verrèbbero).
  • Nelle terminazioni in -eca, -eco, -eche, -echi [ˈɛka, ˈɛko, ˈɛke, ˈɛki] (Es. tèca, èco, gèco, cortèco, trichèchi, discotèche, enotèca, bibliotèca, paninotèca, videotèca, comprendendo anche i nomi di popolo come Grèco, Guatemaltèco, Aztèco, Zapotèco, Toltèco, Uzbèco).
  • Nei suffissi in -edine [ˈɛdine] (Es.: salsèdine, pinguèdine, raucèdine, torpèdine, intercapèdine, acrèdine)
  • Nei diminutivi in -èllo e nei vocaboli che finiscono in -èllo, -èlla [ˈɛllo, ˈɛlla], (es.: pagèlla, mastèllo, sorèlla, fratèllo, orpèlli, caramèlle, torèlli, giovincèlle)
  • Nei suffissi applicati ai vocaboli che terminano in -èmo, -èma, -èno, -èna [ˈɛmo, ˈɛma, ˈɛno, ˈɛna], compresi i suffissi dei nomi etnici in -èno, -èna (Es. rèmo (sostantivo e verbo), dèmo, blasfèmo, estrèmo, suprèmo, strèmo, postrèmo, crisantèmo, teorèma, poèma, tèma (l'elaborato scritto), sistèma, schèma, eritèma, problèma, crèma, oscèno, fièno, alièno, pièno, amèno, cilèno, trèno, stèno, scèna, ièna, golèna, polèna, pergamèna, novèna, murèna, lesèna, cantilèna, falèna).
    • Eccezioni:
      • scémo, témo (verbo; anche tèmo),
      • téma (timore)
      • baléno, veléno, méno, séno, nemméno, terréno, seréno, fréno (anche frèno)
      • altaléna, baléna, céna, Maddaléna, réna, péna
  • Nei verbi uscenti in -èndere [ˈɛndere]:
    • accèndere, fèndere, pèndere, rèndere, prèndere, tèndere
    • Eccezioni: scéndere e véndere.
  • Negli aggettivi e sostantivi uscenti in -èndo e nei gerundi (stupèndo, tremèndo, addèndo, leggèndo, partèndo)
  • Nei vocaboli in -ènne [ˈɛnne] (Es.perènne, indènne, maggiorènne)
    • Eccezione: nella 3º persona singolare passato remoto modo indicativo (es.: (egli) vénne, otténne).
  • Nei vocaboli derivati dai numerali in -ènne e -ènnio [ˈɛnne, ˈɛnnjo] (Es.: quadriènnio, ventènnio, decènni, ventènne, quarantènne, ventitreènne).
  • In aggettivi e sostantivi uscenti in -ènse, -ènso, -ènte, -ènto, -ènti [ˈɛnse, ˈɛnso, ˈɛnte, ˈɛnto, ˈɛnti] e nei participi presenti (esempi: statunitènse, ripènse, circènse, eracleènse, amanuènse, cisterciènse (o cistercènse), cènso, sènso, immènso, dènso, propènso, melènso, intènso, torrènte, tenènte, gènte, sovènte, ingènte, dènte, lènte, parènte, pendènte, decadènte, accènto, redènto, talènto, lènto, argènto, cènto, vènto (fenomeno atmosferico), stuzzicadènti, accidènti).
    • Eccezioni:
      • vénti (numero), trénta
      • nei sostantivi in -ménto, -ménte, -ménta, -ménti (Es. ménto, ceménto, medicaménto, fondaménto, sbancaménto, moménto, soffocaménto, paviménto, ménte, seménte, ménta, torménta, ferraménta, giuménta, pariménti, altriménti)
      • in tutti gli avverbi in -ménte (veraménte, praticaménte, benevolménte, simpaticaménte, assolutaménte.
  • Nei vocaboli uscenti in -ènza [ˈɛntsa] (Es. crescènza, lènza, evidènza, precedènza, sciènza, conoscènza, eccellènza, frequènza, sènza).
  • Nelle terminazioni -èrbo o -èrba [ˈɛrbo, ˈɛrba] (Es. risèrbo, acèrbo, sèrbo, supèrbo, èrba, sèrba).
  • Nelle terminazioni -èrbia [ˈɛrbja] (Es. supèrbia).
  • Nei vocaboli uscenti in -èrio, -èria [ˈɛrjo, ˈɛrja] (Es. desidèrio, putifèrio, sèrio, cèrio, critèrio, deutèrio, artèria, matèria, misèria).
  • Nei vocaboli uscenti in -èrno e -èrna [ˈɛrno, ˈɛrna] (es. pèrno, matèrno, altèrno, etèrno, odièrno, infèrno, stèrna, lantèrna, tèrna, cavèrna, tavèrna, cistèrna)
    • Eccezione: schérno.
  • Nei vocaboli in -èrro e -èrra [ˈɛrro, ˈɛrra] (Es.: tèrra, fèrro, guèrra, affèrro, sottèrro, sèrra, vèrro, sottèrra).
  • Nei vocaboli in -èrso e -èrsa [ˈɛrso, ˈɛrsa] (Es.: pèrso, emèrso, vèrso, tèrso, sommèrso, dispèrsa, detèrsa, rivèrsa).
  • Nei vocaboli in -èrto, -èrta e -èrte [ˈɛrto, ˈɛrta, ˈɛrte] (Es.: apèrto, copèrta, incèrto, soffèrto, consèrte, cèrto).
    • Eccezioni: nei vocaboli érta (salita), érto (scosceso) e nell'espressione all'érta.
  • Nelle terminazioni in -ervo, -erva [ˈɛrvo, ˈɛrva] (Es.:sèrvo, cèrvo, risèrva, nèrvo).
  • Nelle terminazioni in -ervia [ˈɛrvja] (Es.:protèrvia, Cèrvia, impèrvia).
  • Nelle terminazioni in -errimo [ˈɛrrimo] (es.:integèrrimo, aspèrrimo, acèrrimo).
  • Negli aggettivi numerali in -èsimo [ˈɛzimo] (Es. centèsimo, millèsimo, quarantèsimo; anche infinitèsimo). (Contrasta con il suffisso -ésimo nel significato di -ismo).
  • Nelle terminazioni in -estre, -estra, -estro, -estri [ˈɛstre, ˈɛstra, ˈɛstro, ˈɛstri] (es.: alpèstre, terrèstre, palèstra, canèstro, finèstra, pedèstre, maldèstro, ambidèstro, dèstra).
    • Eccezione: maestro, pronunciato anche maéstro.
  • Nell'imperfetto indicativo del verbo essere: io èro, tu èri, egli èra, essi èrano.
  • Nelle forme rafforzate del modo indicativo passato remoto nella seconda coniugazione ètti, ètte, èttero [ˈɛtti, ˈɛtte, ˈɛttero](Es. io credètti, egli credètte, essi credèttero).

La é chiusaModifica

La é chiusa [e], nella genesi della lingua italiana a partire dal latino deriva nella maggior parte dei casi dalla ē lunga latina, dalla i breve, dal dittongo oe o dalla e in posizione atona.

  • < (ablativo)
  • pésce < pisce (ablativo)
  • péna < poena (ablativo)
  • mare < mare

La é si pronuncia chiusa nei seguenti casi:

  • In posizione atona (vedere, veloce, male, verde).
  • Nei monosillabi atoni (é (congiunzione), mé, né, té, sé, ré (monarca), vé, pér)
    • Eccezione: il vocabolo (nota musicale).
  • Nei suffissi avverbiali in –mente [ˈmente] (assolutaménte, inutilménte, veloceménte…)
  • Nelle terminazioni in mento e menta [ˈmento, ˈmenta] (sentiménto, proponiménto, moménto, ménta, struménto, torménto, godiménto, struggiménto, falliménto).
    • Eccezioni: nella coniugazione del verbo mentire: mènto, ma anche possibile con é chiusa: ménto[1]
    • Eccezioni: vocaboli demènte, clemènte, non essendo avverbi.
  • Nei vocaboli tronchi in -ché [ke] (perché, giacché, anziché, poiché, fuorché, sicché, macché)
  • Nelle terminazioni -eccio e -eccia [ˈettʃo, ˈettʃa] (fréccia, féccia, tréccia, libéccio, villeréccio, intréccio, cicaléccio).
  • Nelle terminazioni -efice [ˈefitʃe] ( oréfice, carnéfice, artéfice, pontéfice).
  • Nelle terminazioni -eggio, -eggia, -eggi, egge [ˈeddʒo, ˈeddʒa, ˈeddʒi, ˈeddʒe] (campéggio, manéggio, postéggio, pontéggio, alpéggio, cartéggio, légge (sostantivo), puléggia).
    • Eccezioni:
      • I vocaboli règgia, sèggio, pèggio.
      • Tutte le voci del verbo lèggere.
  • Negli aggettivi in -esco [ˈesko] (pazzésco, burlésco, guerrésco, goliardésco, principésco, farsésco, manésco).
  • Nelle terminazioni -ese, -eso, -esa, -esi [ˈese, ˈeso, ˈesa, ˈesi] (arnése, frésa, sospéso, paése, francése, imprésa, péso, illéso).
    • Eccezioni:
      • nei vocaboli nei quali la "e" fonica forma dittongo con la "i" [jɛ] (Es.: chièsa)
      • nei vocaboli "blèso, obèso, tèsi (sostantivo), catechèsi, esegèsi".
  • Nei suffissi in -esimo [ˈezimo] corrispondenti a -ismo (battésimo, umanésimo, cristianésimo, paganésimo). (Contrasta con il suffisso ordinale -èsimo).
  • I sostantivi in -essa [ˈessa] (dottoréssa, principéssa, contéssa, elefantéssa, badéssa).
  • I sostantivi in -eto e -eta [ˈeto, ˈeta] (fruttéto, meléto, pinéta, agruméto, roséto).
  • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi diminutivi e collettivi in "-etto", "-etta" [ˈetto, ˈetta] (librétto, casétta, chiesétta, pezzétto, navétta, terzétto, quintétto, palchétto, porchétta, forchétta, carrétta, collétto).
  • Nelle terminazioni in "-eguo", "-egua" [ˈeɡwo, ˈeɡwa] (séguo, adéguo, trégua, diléguo).
  • Nei suffissi di aggettivi che al singolare terminano in "-evole" [ˈevole] (lodévole, incantévole, ammirévole, caritatévole, deplorévole, cedévole, arrendévole).
  • Nei suffissi di sostantivi in "-ezza" [ˈettsa] (bellézza, debolézza, chiarézza, salvézza, dolcézza, mitézza, arrendevolézza, segretézza).
  • Nelle preposizioni articolate (dél, délla, déllo, dégli, délle, déi, nél, néllo, nélla, négli, nélle, néi, péi).
  • Nei pronomi personali (égli, élla, ésso, éssa, éssi, ésse).
  • Negli aggettivi dimostrativi (quésto, quésta, quéste, quésti, quéllo, quélla, quégli, quélli, quélle, codésto, codésta, codésti, codéste).
  • Nelle desinenze -émo, -éte [ˈemo, ˈete] del futuro indicativo (faremo, farete).
  • Nelle desinenze dell'imperfetto congiuntivo -ésse, -éssi, -éste, -éssimo, -éssero [ˈesse, ˈessi, ˈeste, ˈessimo, ˈessero] (facéssero, mordéssi, leveréste, tendéssimo, voléssero).
  • Nelle desinenze del condizionale -resti, -remmo, -reste [ˈresti, ˈremmo, ˈreste].
  • Nelle desinenze dell'imperfetto -évo, -évi, -éva, -évano: [ˈevo, ˈevi, ˈeva, ˈevano] (facévo, mettévi, ardéva, ponévano).
  • Nelle desinenze del passato remoto -éi, -ésti, -éste, -émmo, -érono -é [ˈei, ˈesti, ˈeste, ˈemmo, ˈerono] (voléi, mettésti, sostenéste, tendémmo, volérono, perdé).
  • Nelle desinenze dell'indicativo presente e dell'imperativo in -ete [ˈete] (prendéte, cadéte, rompéte, voléte, potéte, dovéte).
  • Nelle desinenze dell'infinito dei verbi della seconda coniugazione [ˈere] (tenére, avére, cadére, volére, bére, giacére).

La ò apertaModifica

La ò aperta [ɔ], nella genesi della lingua italiana a partire dal latino deriva nella maggior parte dei casi dalla ŏ breve latina e dal dittongo au della lingua latina classica.

  • pòrta < porta
  • òro < auru(m) (accusativo, per caduta della m finale, precedentemente nasalizzata, e apertura della "u" breve)

La o si pronuncia aperta nei seguenti casi:

  • Nel dittongo uo [wɔ] (tuòno, scuòla, uòmo, suòi, tuòi, buòi, vuòi, suòcera, nuòra, suòra, cuòre).
    • Eccezioni:
      • quando il dittongo fa parte dei suffissi di sostantivi in -uosa, -uoso [ˈwosa, ˈwoso].
      • nei vocaboli liquóre, languóre.
  • Nei vocaboli tronchi in comprese le forme verbali del futuro e del passato remoto (però, falò, andrò, arrivò, cercò, sognò, pedalò, ritirò, acquistò).
  • Nei vocaboli in cui o sia seguita da consonante e poi due vocali (negòzio, sòcio, petròlio).
  • Nei vocaboli in -orio e -oria [ˈɔrjo, ˈɔrja] (stòria, glòria, dormitòrio, conservatòrio).
  • Nei vocaboli di origine straniera entrati a far parte del linguaggio comune (bòxe, gòng, yògurt, lòden, lòrd, pòster).
  • Nelle terminazioni in -occio e -occia [ˈɔttʃo, ˈɔttʃa] (cartòccio, saccòccia, bòccia, grassòccio, ròccia, figliòccio).
    • Eccezioni: i vocaboli dóccia e góccia.
  • Nelle terminazioni in -odo, -oda e -ode (bròdo, chiòdo, sòda, mòda, pagòda, chiòdo, lòdo, òdo, fròdo, fròde).
    • Eccezioni:
      • nel verbo ródere [ˈrodere] e nei suoi composti (Es.: ródo, eródo, corródo, ecc.)
      • nel vocabolo códa [ˈkoda]
  • Nelle terminazioni in -oge, -ogia, -ogio, -oggia, -oggio, -oggi [ˈɔdʒe, ˈɔdʒa, ˈɔdʒo, ˈɔddʒa, ˈɔddʒo, ˈɔddʒi] (dòge, fòggia, òggi, piòggia, barbògio, allòggio, fròge, appòggia, appòggio).
  • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in -oide [ˈɔide] (tiròide, mattòide, collòide, steròide, pazzòide).
  • Nei suffissi di sostantivi in -olo e -ola [ˈɔlo, ˈɔla] (carriòla, tritòlo, stagnòla, tagliòla, bagnaròla, mariuòlo, mentòlo).
    • Eccezioni:
      • i vocaboli sólo, vólo;
      • le voci del verbo colare e i suoi derivati (Es.: cólo, scólo, ecc.)
  • Nei suffissi -osi e -osio [ˈɔzi, ˈɔzjo] in sostantivi usati in campo scientifico e medico (calcolòsi, fibròsi, tubercolòsi, artròsi, ipnòsi, lattòsio, destròsio, maltòsio, saccaròsio, glucòsio)
  • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in "-otto" e in generale nelle terminazioni in -otto, -otta [ˈɔtto, ˈɔtta] (sempliciòtto, bambolòtto, lòtto, bòtta, còtto, còtta, salòtto, dòtto, decòtto)
    • Eccezioni:
      • Nei verbi derivati dal latino ducere (Es.: indótto, condótto, ridótto, tradótto, ecc.).
      • nei vocaboli ghiótto, rótto, sótto.
  • Nei suffissi dei sostantivi in -ottolo e -ottola [ˈɔttolo, ˈɔttola] (viòttolo, collòttola, naneròttolo, pallòttola)
  • Nei suffissi dei sostantivi in -ozzo e -ozza [ˈɔttso, ˈɔttsa] (tinòzza, tavolòzza, còzzo, tòzzo, còzza, piccòzza).
    • Eccezioni: i vocaboli gózzo, pózzo, singhiózzo, rózzo, sózzo.
  • Nei suffissi dei sostantivi in -olgia e -orgia [ɔldʒa, ɔrdʒa] (bòlgia, fòrgia, òrgia).
  • Nelle terminazioni del passato remoto -olsi, -olse, -olsero [ˈɔlsi, ˈɔlse, ˈɔlsero] (còlsi, tòlsero, sconvòlsero, vòlsero, vòlsi, avvòlsero, raccòlsi).
  • Nei participi passati in -osso [ˈɔsso] (mòsso, scòssa, percòsso).
  • Nei suffissi di derivazione greca -ologo, -ogico, -ografo, -omico [ˈɔlogo, ˈɔdʒiko, ˈɔɡrafo, ˈɔmiko] (pròlogo, psicològico, fotògrafo, còmico).

La ó chiusaModifica

La ó chiusa [o], nella genesi della lingua italiana a partire dal latino deriva nella maggior parte dei casi dalla ō lunga latina, dalla ŭ breve, dalla o in posizione atona e dalle terminazioni -us e -um:

  • óra < hōra
  • fóndo < fŭndum (accusativo, come per "òro")
  • senato < senatus

La ó è chiusa [o] nei seguenti casi:

  • Alla fine della parola, se non accentata (pero, vedo, bello, poco, io).
  • Nei monosillabi che terminano in consonante (cón, nón, cól)
    • Eccezioni: i vocaboli sòl (nota musicale e non troncamento di sole) e dòn (suono di campane e non appellativo ad es. di preti)
  • Nelle terminazioni in -oce [ˈotʃe] (cróce, feróce, atróce, fóce, nóce)
    • Eccezioni:
      • nei casi in cui la o sia preceduta dalla vocale u formando il dittongo -uo- [wɔ] (Es.: nuòce, cuòce, ecc.);
      • nel vocabolo precòce.
  • Nelle terminazioni in -ogno, -ogna [ˈoɲɲo, ˈoɲɲa] (bisógno, carógna, sógno, cicógna, zampógna, rampógna).
  • Nei suffissi di aggettivi in -ognolo [ˈoɲɲolo] (amarógnolo, giallógnolo).
  • Nelle terminazioni in -one [ˈone] (missióne, ottóne, nasóne, calzóne, coccolóne, briccóne, mascalzóne, pantalóne, giaccóne, veglióne, torrióne, bastióne).
  • Nelle terminazioni in -zione [ˈ(t)tsjone] (azióne, creazióne, dizióne, lezióne, situazióne)
  • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in -oio, -oia [ˈojo, ˈoja] (abbeveratóio, galoppatóio, mangiatóia, mattatóio, corridóio, feritóia, cesóia, tettóia).
    • Eccezioni: i vocaboli sòia, salamòia.
  • Nelle terminazioni in -ondo, -onda [ˈondo, ˈonda] (fóndo, móndo, secóndo, sónda, ónda).
  • Nelle terminazioni in -onto, -onte, -onta [ˈonto, ˈonte, ˈonta] (frónte, cónto, ónta, mónte, scónto, accónto, viscónte).
  • Nei suffissi di sostantivi in -onzolo [ˈontsolo] (medicónzolo, pretónzolo, girónzolo [dʒiˈrontsolo, dʒiˈrondzolo], frónzolo [ˈfrondzolo]).
  • Nelle terminazioni in -ore, -ora [ˈore, ˈora] (dolóre, amóre, óra, ancóra, finóra, attóre, candóre, tenóre, fattóre, corridóre, calóre, livóre, fervóre, colóre, nuotatóre, pescatóre).
    • Eccezioni: nei casi in cui la o sia preceduta dalla vocale u formando il dittongo -uo- [wɔ] (Es.: nuòra, cuòre, ecc.).
  • Nelle terminazioni in -orno, -orna [ˈorno, ˈorna] (giórno, contórno, fórno, adórna, ritórna, ritórno).
    • Eccezioni: i vocaboli còrno, còrna, pòrno.
  • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in -oso, -osa [ˈoso, ˈosa] (affettuóso, afóso, erbósa, gioióso, dolorósa, ambizióso, contenzióso, collósa, medicamentósa, curióso, pallósa, sediziósa, caloróso, stizzóso, baldanzósa, borióso).
    • Eccezioni: i vocaboli ròsa (fiore e colore), còsa, iòsa, spòsa.
  • Nei pronomi personali (nói, vói, lóro, costóro, colóro).

La i vocaleModifica

La i è vocale [i]:

  • se preceduta da vocale e seguita da consonante o alla fine della parola (mai [ˈmai]);
  • se si trova fra due consonanti (costituisce quindi una sillaba) (piccolo [ˈpikkolo]);
  • se preceduta da consonante e seguita da vocale ma accentata (sia [ˈsia]);

La i consonanteModifica

La i è semiconsonante [j]:

  • se seguita da vocale e non accentata (piove [ˈpjɔve]); ieri [ˈjɛri]);
  • in posizione intervocalica (gaio [ˈɡajo]).
    • Quando l'articolo il e la proposizione in si trovano fra due parole, la i spesso non viene pronunciata, soprattutto nei discorsi veloci, lasciando spazio solo alla /l/ o /n/; la trascrizione fonetica è quindi in] e il], poiché nella trascrizione un carattere in corsivo significa che può essere letto o meno (es. mangio il pane [mandʒoilˈpane].

La s sordaModifica

La s è sorda [s]:

  • all'inizio della parola se seguita da vocale (Sara [ˈsara]) o da consonante sorda (spuntare [spunˈtare];
  • se preceduta da una consonante qualsiasi (transitare [transiˈtare]);
  • se seguita da consonante sorda (raspa [ˈraspa]);
  • nel gruppo ss (grosso [ˈɡrɔsso];
  • quando è iniziale del secondo componente di un vocabolo composto: affittasi, disotto, girasole, prosegue, risapere, unisono, preservare, riservare, reggiseno, pluristrato, multistrato, preside, presidio, preservare, presentimento questi vocaboli sono nati dall'unione di una parola iniziante in /s/ ad un prefisso.
  • alcuni dizionari fonetici stabiliscono che il suono della s debba essere aspro anche in molti altri casi come casa, cosa, così, mese, naso, peso, cinese, piemontese, goloso, bisognoso e altri. In realtà la pronuncia di queste parole varia da regione a regione, con una preferenza per la sonora nel nord del paese e per la sorda nel sud e in buona parte del Lazio. In Toscana e in alcune zone del Lazio la pronuncia sorda o sonora varia a seconda delle parole (mese [ˈmese], ma viso [ˈvizo]).

La s sonoraModifica

La s è sonora [z]:

  • se seguita da consonante sonora (sbranare [zbraˈnare]).
  • in alcuni casi quando si trova fra due vocali (paese [paˈeze]), ma si veda quanto detto sopra sulla variazione della pronuncia della s nelle varie zone d'Italia. In generale, la s intervocalica è sempre sonora al nord e sempre sorda al sud e in buona parte del Lazio. In Toscana e in alcune zone del Lazio la pronuncia può essere sorda o sonora a seconda della parola

La u vocale e semivocaleModifica

La u, come i, può essere vocale [u] o semivocale [w], con le stesse regole per la i.

  • Sono possibili cluster di /j/ + /w/:
    • nella parola aiuola [aˈjwɔla];
    • Nei verbi in cui le desinenze dell'infinito -are, -ere, ire sono precedute da semivocale [w] nelle desinenze inizianti per i + vocale (esempio: continuiamo [kontiˈnwjamo]).

La zModifica

La z rappresenta le affricate sorda [ts] o sonora [dz]:

    • è normalmente sorda [ts]:
    • è invece sonora [dz]:
      • nei suffissi dei verbi in -izzare (organizzare [organidˈdzare];
      • se è lettera iniziale di un vocabolo ed è seguita da due vocali (zaino [ˈdzaino];
        • eccezione: nel vocabolo zio [ˈtsio] e suoi derivati che rientrano nella regola della z o sorda perché presentano la vocale i seguita da un'altra vocale;
      • se è lettera iniziale di un vocabolo e la seconda sillaba inizia con consonante sonora (zebra [ˈdzɛbra]);
      • se è semplice (non raddoppiata) in mezzo a due vocali semplici (azalea [addzaˈlɛa]);
    • In posizione intervocalica e tra vocale e "semiconsonante" (le consonanti /j/, /w/) è sempre rafforzato /tts/ e /ddz/, ma non sempre è segnalato con una doppia: i gruppi finali vocale +zione, zioni, zia, zie, zio sono sempre rafforzati ma si scrivono con un z soltanto (razzo [ˈraddzo], stazione [statˈtsjone], polizia [politˈtsia]); raddoppia invece nei gruppi derivati da parole con doppia z: pazzo > pazzia; corazza > corazziere.

Il raddoppiamento fonosintattico (o rafforzamento)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Raddoppiamento fonosintattico.

NoteModifica

Voci correlateModifica