Dmitrij Manuil'skij

politico sovietico
Dmitrij Manuil'skij
Dmitry Manuilsky.PNG

Presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite
Durata mandato Luglio 1948 –
Luglio 1949
Predecessore Arne Sunde
Faris al-Khoury
Successore Semën Carapkin
Jakov Aleksandrovič Malik

Ministro degli Affari Esteri della RSS Ucraina
Durata mandato 1944 –
1952
Predecessore Oleksandr Kornijčhuk
Successore Anatolij Baranovskij

Leader del Partito Comunista dell'Ucraina
Durata mandato 15 dicembre 1921 –
10 aprile 1923
Predecessore Feliks Kon
Successore Ėmmanuil Ionovič Kviring

Rappresentante permanente della RSS Ucraina presso le Nazioni Unite
Durata mandato 1945 –
1952
Predecessore Carica istituita
Successore Anatolij Baranovskij

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Università Università statale di San Pietroburgo
Università di Parigi
Professione Giornalista, diplomatico

Dmitrij Zacharovič Manuil'skij (in russo: Дмитрий Захарович Мануильский?) o Dmytro Zacharovyč Manuïl's'kyj (in ucraino: Дмитро Захарович Мануїльський?) (Kremenec', 3 ottobre 1883Kiev, 22 febbraio 1959) è stato un politico sovietico. Fu un importante bolscevico e segretario dell'Internazionale Comunista (Comintern) dal dicembre 1926 alla sua dissoluzione nel maggio 1943.

BiografiaModifica

Manuils'skij nacque da una famiglia di contadini a Kremenec'. Dopo la scuola secondaria, si iscrisse all'Università statale di San Pietroburgo nel 1903 e si unì ai bolscevichi nel 1904.[1] Durante la rivoluzione del 1905 fu assegnato dai bolscevichi alla base navale di Kronštadt dove prese parte alla rivolta navale di luglio. Arrestato, fu detenuto nella prigione di Kronštadt nel 1905-1906, poi esiliato, ma fuggì, arrivando a Kiev e poi, nel 1907, a Parigi. Lì si allineò con il gruppo di estrema sinistra guidato da Aleksandr Bogdanov, che sfidò Lenin per la guida dei bolscevichi e lavorò sul giornale Vpered. Dopo lo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914, lavorò sul giornale Naše Slovo e fungeva da principale contatto tra i bolscevichi e il gruppo più piccolo associato a Lev Trockij. Dopo il suo ritorno in Russia nel maggio 1917, si unì al gruppo di Trockij, il Mežrajoncij, che si unì ai bolscevichi nell'agosto del 1917.

Durante la guerra civile, Manuil'skij lavorò nel Commissariato popolare per l'alimentazione, prima di essere inviato in Ucraina, dove Lenin gli assegnò il compito di organizzare la popolazione contadina intorno a Char'kov per sconfiggere l'Armata Bianca del generale Denikin. Nel gennaio del 1919, lui e Inessa Armand furono inviati a Parigi, nella speranza che potessero far scoppiare una rivoluzione in Francia, ma fu arrestato e deportato. Fu il commissario popolare per l'alimentazione nella Repubblica Socialista Sovietica Ucraina nel 1920-21, poi passò al giornalismo e dal 1922 lavorava per l'Internazionale Comunista. Era un membro del Comitato Centrale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica, (1923-1952), nonché un membro del circolo interno d'élite noto come "malaja komisija", un gruppo di cinque membri che governava la Segreteria politica, composta da undici membri.[2] Nel 1926, soppiantò Nikolaj Ivanovič Bucharin come capo della delegazione dell'Unione Sovietica all'esecutivo del Comintern e rappresentante principale nei congressi dei partiti comunisti francese, tedesco e cecoslovacco.[3] Dal 1935 fino allo scioglimento di Comintern nel 1943, fu sostituto del suo segretario generale, Georgi Dimitrov. Nel 1944-52 ricoprì l'incarico in gran parte insignificante di Ministro degli Esteri dell'Ucraina. Nel 1952-53 fu ambasciatore ucraino presso le Nazioni Unite.

Durante le epurazioni del 1936-40, quasi tutti i vecchi bolscevichi con un legame passato con Trockij furono uccisi o imprigionati, tranne Manuil'skij, che Stalin disprezzava ma dal quale non si sentiva in alcun modo minacciato. Nel 1939, disse a Dimitrov: "Manuil'skij è un leccapiedi! Era un trockista! Lo abbiamo criticato per il silenzio e per non aver parlato durante le epurazioni dei banditi trockisti, e ora ha iniziato a fare il leccapiedi!"[4]. Il comunista montenegrino Milovan Đilas, che conobbe Manuils'skij nel 1944, ammirò il suo talento di apprendere e scrivere, ma lo ricordò come "un veterano lieve e già curvo, dai capelli scuri, con i baffi tagliati [che] parlava con un sussurro, quasi delicatamente e – cosa che mi ha stupito in quel momento – senza molta energia". Vedendolo di nuovo cinque anni dopo, Đilas lo considerava un "quasi senile, piccolo vecchio uomo che stava rapidamente scomparendo mentre scivolava giù per la ripida scala della gerarchia sovietica".[5]

NoteModifica

  1. ^ Georges, and Marie, Jean-Jacques Manuilsky's biography from a 1920s edition of the Great Soviet Encyclopaedia is in translation in Haupt, Makers of the Russian Revolution, London, George Allen & Unwin, 1974.
  2. ^ Ton That Thien, Ho Chi Minh and the Comintern (PDF), Singapore, Information and Resource Center, 1990, p. 21, ISBN 978-9810021399.[collegamento interrotto]
  3. ^ Makers of the Russian Revolution: Biographies of Bolshevik Leaders, Ithaca, NY, Cornell University Press, 1974, ISBN 978-0801408090.
  4. ^ Georgi Dimitrov, The Diary of Georgi Dimitrov, New Haven, Yale U.P., 2003, p. 104, ISBN 0-300-09794-8.
  5. ^ Milovan Djilas, Conversations with Stalin, London, Penguin, 1969, pp. 28-29.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49271746 · ISNI (EN0000 0000 8127 4572 · LCCN (ENn84159261 · GND (DE128855029 · NDL (ENJA00524144 · WorldCat Identities (ENlccn-n84159261