Apri il menu principale

Domenico Carutti

storico, diplomatico e politico italiano
Domenico Carutti di Cantogno
Domenico Carutti.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 26 gennaio 1889 –
4 settembre 1909
Legislature XVI
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VII, VIII, XI, XII
Circoscrizione Avigliana (VII e VIII legislatura)
Aosta (XI legislatura)
Verrès (XII legislatura)
Incarichi parlamentari
Consigliere di Stato
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Destra storica
Professione storico

Domenico Carutti di Cantogno (Cumiana, 26 novembre 1821Cumiana, 4 settembre 1909) è stato uno storico, diplomatico e politico italiano.

BiografiaModifica

Fu direttore della Biblioteca Reale di Torino, collaboratore di Cavour e di Bettino Ricasoli. Fu nominato Segretario generale del Ministero degli affari esteri del Regno di Sardegna il 15 ottobre 1859 e mantenne tale carica anche dopo la proclamazione del Regno d'Italia, sino al 2 marzo 1862[1]. Per tale motivo può essere considerato il primo Segretario generale del Ministero degli esteri dello Stato unitario.

Con l'ascesa al governo di Urbano Rattazzi, Carutti di Cantogno fu nominato ambasciatore nei Paesi Bassi. Dopo l'unità d'Italia, venne nominato senatore del Regno e, nel 1879, barone[1]. Dal 1884 fu anche sindaco di Cumiana.

Fu Consigliere di Stato, deputato e senatore del Regno d'Italia. In occasione del centocinquantenario dell'Unità d'Italia, è stato inserito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministero per la Pubblica Amministrazione e per l'Innovazione, nella lista dei 150 più illustri funzionari dello Stato[2].

OpereModifica

Tra le sue opere storiografiche, si ricordano:

  • Storia del Regno di Vittorio Amedeo II (1859)
  • Storia del Regno di Carlo Emanuele III (1859)
  • Storia della diplomazia della corte di Savoia (1879)
  • Storia della corte di Savoia durante la Rivoluzione e l'Impero (1892)
  • Storia di Pinerolo (1897)

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN120696511 · ISNI (EN0000 0001 0816 0736 · SBN IT\ICCU\RAVV\082243 · LCCN (ENn93068889 · GND (DE11646402X · BNF (FRcb130074142 (data) · NLA (EN35798925 · BAV ADV10150229 · CERL cnp01078907 · WorldCat Identities (ENn93-068889