Apri il menu principale

Domenico Di Carlo

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo carabiniere, vedi Domenico Di Carlo (carabiniere).
Domenico Di Carlo
Domenico Di Carlo.jpeg
Di Carlo nel 2010
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179[1] cm
Peso 74[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra L.R. Vicenza
Ritirato 2001 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Cassino
Squadre di club1
1979-1981 Cassino 37 (1)
1981-1982 Treviso 26 (1)
1982-1984 Como 0 (0)
1984-1986 Treviso 55 (3)
1986-1987 Ternana 30 (3)
1987-1990 Palermo 97 (6)
1990-1999 Vicenza 268 (9)
1999-2000 Lecce 4 (0)
2000-2001 Livorno 27 (0)
2001 Südtirol 0 (0)
Carriera da allenatore
2001-2003 Vicenza Primavera
2003-2007 Mantova
2007-2008 Parma
2008-2010 Chievo
2010-2011 Sampdoria
2011-2012 Chievo
2014 Livorno
2014-2015 Cesena
2015-2017 Spezia
2018 Novara
2018-2019 Chievo
2019- L.R. Vicenza
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º giugno 2019

Domenico Di Carlo (Cassino, 23 marzo 1964) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, tecnico del L.R. Vicenza.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Primi anni, Serie C, DModifica

Ha iniziato a giocare nella squadra della sua città, il Cassino, nel campionato di Serie C2 1979-1980; l'anno successivo ha disputato il campionato Interregionale sempre a Cassino venendo acquistato dal Treviso in Serie C1.

Passato alle giovanili del Como nel 1982, dopo 2 stagioni senza gare nei professionisti è tornato nella Marca per 2 stagioni in cui vive la retrocessione in Serie C2. Dopo l'anno alla Ternana, in Serie C2, passa all'appena rifondato Palermo con cui conquista subito promozione in Serie C1. Gioca altre 2 stagioni in Sicilia (divenendo capitano rosanero)[2][3] raggiungendo la finale di Coppa Italia Serie C 1987-1988, persa nel doppio confronto col Monza, giocando entrambe le sfide.

A ottobre 1990 va al Vicenza.

Anni a VicenzaModifica

 
Domenico Di Carlo e Francesco Guidolin al Vicenza nella stagione 1994-1995.

Dopo la 1ª stagione, arriva sulla panchina berica Renzo Ulivieri che nel 1993 ha guidato il Vicenza alla promozione in Serie B: ha segnato un gol all'ultima giornata nella gara vinta dal Vicenza sulla Vis Pesaro 2-1.

A 29 anni, nel 1993, ha esordito in Serie B disputando 2 campionati cadetti sotto la guida di Francesco Guidolin con cui ha conquistato la promozione in Serie A nel 1995.

Esordiente in serie A a 31 anni, ha disputato 4 campionati, vinto la Coppa Italia 1996-1997[4], raggiunto la semifinale di Coppa delle Coppe 1997-1998.[5]

Fine carrieraModifica

Lasciato il Vicenza dopo 9 anni in cui colleziona oltre 250 presenze in campionato, nel 1999 si trasferisce al Lecce, dove gioca 6 gare.

Chiuse la carriera da giocatore al Livorno in serie C1 nel campionato 2000-2001, perdendo la promozione in B ai playoff col Como, una delle sue prime squadre; a novembre è ingaggiato in C2 del Südtirol, ma non scende mai in campo.

AllenatoreModifica

Inizi, MantovaModifica

Dopo 2 anni alla Primavera del Vicenza, arrivando al 4º posto al Torneo di Viareggio 2003,[6] è passato in Serie C2 2003-2004 al Mantova, guidandolo a 2 promozioni consecutive in 2 anni portando i virgiliani in Serie B dopo 32 anni.

Nella stagione seguente il Mantova accede, 4° in campionato, ai play-off, venendo eliminato: dopo aver eliminato in semifinale il Modena, pareggia 5-5 dopo la doppia sfida (4-2 a Mantova per i virgiliani, sconfitta 3-1 a Torino col Torino, risultato che porta il Torino in Serie A, piazzatesi meglio in classifica generale).

Sfiorata la 3ª promozione in altrettanti campionati, resta al Mantova e l'anno successivo conclude la stagione all'8º posto, sconfiggendo Juventus,[7] Napoli e Genoa.

ParmaModifica

L'estate 2007 va al Parma del neo-patron Tommaso Ghirardi in Serie A. La squadra ha un andamento deludente nelle prime otto giornate stabilendosi al terzultimo posto. La vittoria casalinga contro il Livorno per 3-2 salva la sua panchina. Nelle seguenti nove partite, Di Carlo ottiene due vittorie, quattro pareggi e quattro sconfitte e alla fine del girone d'andata, il Parma si stabilisce al 15º posto con 18 punti. Il girone di ritorno è negativo con soli sette punti conquistati in otto partite ed è esonerato dopo la sconfitta casalinga (1-2) con la Sampdoria del 9 marzo 2008 e il terzultimo posto.[8] In Parma-Catania, 1ª gara, ha una discussione con l'allenatore dei siciliani Silvio Baldini, con quest'ultimo che mentre Di Carlo si va a risedere sulla propria panchina, gli dà un calcio nel sedere. I 2 poi si sono chiariti e Baldini si è scusato con Di Carlo.[9][10]

ChievoVeronaModifica

Il 4 novembre 2008 Giuseppe Iachini è esonerato dal presidente del ChievoVerona Luca Campedelli in Serie A, che al suo posto chiama Di Carlo alla guida dei gialloblù alla ricerca della salvezza.[11]

Esordisce sulla panchina dei clivensi con sconfitta 0-2 dalla Juventus, seguita da quelle con Milan 1-0, Siena 0-2. Il 1° risultato utile è la vittoria in trasferta con l'Udinese 0-1, che spezza la serie di risultati negativi. Dopo la sconfitta in casa col Genoa 0-1, nel 2009 arrivano 4 sconfitte (Fiorentina, Milan, Udinese, Napoli), 6 vittorie (Napoli, Reggina, Atalanta, Lazio, Palermo, Siena) e 11 pari (tra cui 3-3 a Torino con la Juventus, 0-0 con la Roma, 2-2 con Inter). Porta il Chievo dall'ultimo posto in classifica, al 16º posto finale con 38 punti di cui 32 ottenuti dal suo arrivo, conquistando la salvezza il 24 maggio 2009, con una gara d'anticipo.[12]

La stagione successiva, confermato dal ChievoVerona, chiude la stagione con la 5ª miglior difesa e la salvezza a quota 44 punti.[13]

Il 3 marzo 2010 è il 1° tesserato di Serie A a essere squalificato in una gara di campionato per aver bestemmiato in campo.[14]

Il 26 maggio 2010 il Chievo e Di Carlo si separano.[15]

SampdoriaModifica

Il 26 maggio 2010 la Sampdoria lo ingaggia con un contratto biennale,[16] affiancato da Roberto Murgita come allenatore in 2ª e Gianni Brignardello come preparatore.[17]

Il suo primo compito a guida della Sampdoria è quello di superare l'ultimo turno preliminare per accedere alla fase a gironi di Champions League 2010-2011, ma la squadra è sconfitta nel doppio confronto coi tedeschi del Werder Brema. La squadra è eliminata alla fase a gironi d'Europa League e in Coppa Italia. Il 7 marzo 2011, dopo la sconfitta interna col Cesena 2-3, con la squadra a 3 punti sopra la zona retrocessione,[18] è esonerato.[17] Il 7 giugno lui e il suo staff rescindono il contratto con la Sampdoria consensualmente.[19]

Ritorno al ChievoVeronaModifica

Il 9 giugno 2011 è ufficializzato il suo ritorno al ChievoVerona.[20] Termina la stagione 2011-2012 a 49 punti al 10º posto (miglior risultato ottenuto da quando allena in Serie A). Il 16 maggio 2012 rinnova il contratto fino al 30 giugno 2013.[21]

Il 2 ottobre 2012, a seguito della vittoria alla 1ª gara di campionato seguita da 5 sconfitte consecutive e il terz'ultimo posto, è esonerato.[22]

LivornoModifica

Il 21 gennaio 2014 diventa allenatore del Livorno.[23] Il 19 aprile 2014, dopo la sconfitta 3-0 col Milan, è nuovamente esonerato.[24] In 14 gare ha raccolto 12 punti (3 vittorie, 3 pari, 8 sconfitte) e il penultimo posto in classifica.

CesenaModifica

L'8 dicembre 2014 è ingaggiato da tecnico del Cesena in Serie A 2014-2015,[25] sostituendo l'esonerato Pierpaolo Bisoli[26].[27] Il 14 dicembre all'esordio perde 1-4 in casa con la Fiorentina. Ottiene la 1ª vittoria al Cesena il 25 gennaio 2015, 1ª gara del girone di ritorno, battendo il Parma al Tardini 2-1 portando la squadra al penultimo posto in classifica a 12 punti. Ottiene la 2ª vittoria alla 2ª di ritorno battendo la Lazio 2-1. Dopo la sconfitta 2-0 a Empoli il Cesena pareggia al Manuzzi 2-2 con la Juventus. Il 1º marzo batte in casa l'Udinese 1-0 salendo a 19 punti in classifica in zona retrocessione, a 4 punti sotto la zona salvezza.

Il 6 giugno 2015, a fine stagione, conclusa con la retrocessione in Serie B dei romagnoli, è esonerato.[28]

SpeziaModifica

Il 23 novembre 2015 diventa allenatore dello Spezia che dopo 4 giornate si trova al 14º posto con 17 punti, sostituendo l'esonerato Nenad Bjelica.[29] Riesce a portare gli aquilotti fino ai quarti di Coppa Italia venendo eliminato dall'Alessandria mentre in campionato arriva 7º e perde la semifinale play-off contro il Trapani. L'anno seguente arriva 8º perdendo poi il preliminare dei play-off contro il Benevento. Il 14 giugno 2017 viene così sostituito da Fabio Gallo.

NovaraModifica

Il 5 febbraio 2018 subentra sulla panchina del Novara, al posto dell'esonerato Eugenio Corini, siglando un contratto fino al 30 giugno 2019[30] ma non riesce ad evitare la retrocessione in Serie C.

Secondo ritorno al ChievoModifica

Il 13 novembre 2018 torna per la terza volta sulla panchina del Chievo in Serie A dopo le dimissioni di Gian Piero Ventura, che lascia la squadra clivense all'ultimo posto a un punto.[31] Nonostante ciò, il 25 novembre, al debutto stagionale, pareggia 0-0 contro il Napoli, secondo in classifica, allo Stadio San Paolo. Di Carlo riesce a portare a 5 il numero di risultati utili consecutivi (5 pareggi contro, appunto, Napoli, Lazio, Parma, SPAL ed Inter) e, dopo una sconfitta esterna contro la Sampdoria, il 29 dicembre 2018 riesce a trovare la prima vittoria stagionale, nonché prima in stagione del club veronese, contro il Frosinone, per 1-0. Tuttavia non riesce a salvare il club clivense dalla retrocessione in Serie B classificandosi all’ultimo posto.

VicenzaModifica

Il 1º giugno 2019 diventa allenatore del L.R. Vicenza, in Serie C, squadra dove ha militato dal 1990 al 1999 e di cui è stato allenatore della Primavera dal 2001 al 2003.[32]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1979-1980   Cassino C2 7 0
1980-1981 D 33 10
Totale Cassino 40 10
1981-1982   Treviso C1 26 1
1982-1983   Como B 0 0
1983-1984 B 0 0
Totale Como 0 0
1984-1985   Treviso C1 29 0
1985-1986 C2 26 3
Totale Treviso 81 4
1986-1987   Ternana C2 32 3
1987-1988   Palermo C2 29 3
1988-1989 C1 34 2
1989-1990 C1 31 1
ago.-nov. 1990 C1 3 0
Totale Palermo 97 6
nov. 1990-1991   Vicenza C1 22 0
1991-1992 C1 31 0
1992-1993 C1 29 1
1993-1994 B 35 1
1994-1995 B 37 3
1995-1996 A 27 2
1996-1997 A 29 0
1997-1998 A 31 2
1998-1999 A 27 0
Totale L.R. Vicenza 268 9
1999-2000   Lecce A 4 0
2000-2001   Livorno C1 27 0
nov. 2001   Südtirol C2 0 0
Totale carriera 574 32

Statistiche da allenatoreModifica

Statistiche aggiornate al 7 ottobre 2019. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2003-2004   Mantova C2 34 17 13 4 CI-C 8 3 2 3 - - - - - - - - - - 42 20 15 7 47,62 (promozione)
2004-2005 C1 36+4[33] 18+4 10 8 CI-C 4 2 1 1 - - - - - - - - - - 44 24 11 9 54,55 (promozione)
2005-2006 B 42+4[33] 18+1 15+2 9+1 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 47 19 17 11 40,43
2006-2007 B 42 15 19 8 CI 2 1 1 0 - - - - - - - - - - 44 16 20 8 36,36
Totale Mantova 162 73 59 30 15 6 4 5 - - - - - - - - 177 79 63 35 44,63
2007-2008   Parma A 27 5 10 12 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 28 5 10 13 17,86 Esonerato
2008-2009   Chievo A 28 7 11 10 - - - - - - - - - - - - - - - 28 7 11 10 25,00 Subentrato, 16º
2009-2010 A 38 12 8 18 CI 3 2 0 1 - - - - - - - - - - 41 14 8 19 34,15 14º
2010-2011   Sampdoria A 28 7 10 11 CI 2 0 1 1 UCL+UEL 2+6 1+1 0+2 1+3 - - - - - 38 9 13 16 23,68 Esonerato
2011-2012   Chievo A 38 12 13 13 CI 4 3 0 1 - - - - - - - - - - 42 15 13 14 35,71 10º
2012-2013 A 6 1 0 5 CI 1 1 0 0 - - - - - - - - - - 7 2 0 5 28,57 Esonerato
2013-2014   Livorno A 14 3 3 8 - - - - - - - - - - - - - - - 14 3 3 8 21,43 Subentrato, esonerato
2014-2015   Cesena A 24 3 7 14 - - - - - - - - - - - - - - - 24 3 7 14 12,50 Subentrato, 19º (retrocessione)
2015-2016   Spezia B 28+3[33] 13+1 10 5+2 CI 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 34 15 11 8 44,12 Subentrato, 7º
2016-2017 B 42+1[33] 15 15 12+1 CI 4 2 1 1 - - - - - - - - - - 47 17 16 14 36,17
Totale Spezia 74 29 25 20 7 3 2 2 - - - - - - - - 81 32 27 22 39,51
feb.-giu. 2018   Novara B 18 3 8 7 CI - - - - - - - - - - - - - - 18 3 8 7 16,67 Subentrato, 20º (retrocessione)
nov. 2018-2019   Chievo A 26 2 11 13 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 27 2 11 14 &&7,41 Subentrato, 20º (retrocessione)
Totale Chievo 136 34 43 58 9 6 0 3 - - - - - - - - 145 40 43 61 27,59
2019-2020   L.R. Vicenza C 8 5 3 0 CI+CI-C 1+0 0+0 0+0 1+0 - - - - - - - - - - 9 5 3 1 55,56 in corso
Totale carriera 491 162 168 161 35 15 7 13 8 2 2 4 - - - - 534 179 177 178 33,52

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Calciatori Panini 1997-1998
  2. ^ Di Carlo, una gloria rosanero capitano dalla rinascita alla C1 ricerca.repubblica.it
  3. ^ Di Carlo, il capitano della rinascita Livesicilia.it
  4. ^ Vicenza-Napoli 3-0 Archiviato il 4 marzo 2010 in Internet Archive.
  5. ^ Chelsea-Vicenza 3-1, su www2.raisport.rai.it. URL consultato il 4 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ La "Guidolin band" è finita sul ponte di comando Ladomenicadivicenza.it
  7. ^ Mantova-Juventus 1-0
  8. ^ Esonerato mister Di Carlo[collegamento interrotto] Tuttoilcalcio.org
  9. ^ Calcio a Di Carlo, Baldini nella bufera. Alla fine si scusa: "Gli stringo la mano" Repubblica.it
  10. ^ Baldini scalcia Di Carlo, è polemica[collegamento interrotto] Lastampa.it
  11. ^ Di Carlo alla guida del Chievo[collegamento interrotto] Corrieredellosport.it
  12. ^ Di Carlo si gode la salvezza "La favola Chievo continua", Repubblica.it, 25 maggio 2009.
  13. ^ Serie A TIM 2009-10 Legaseriea.it
  14. ^ Domenico Di Carlo squalificato per bestemmia sport.repubblica.it
  15. ^ Di Carlo lascia il Chievo Verona[collegamento interrotto], chievoverona.it, 26 maggio 2010.
  16. ^ Domenico Di Carlo è il nuovo tecnico della Sampdoria, Sampdoria.it, 26 maggio 2010.
  17. ^ a b Di Carlo sollevato dall'incarico, Cavasin nuovo allenatore (Sampdoria.it), 7 marzo 2011.
  18. ^ [1] calcio.excite.it
  19. ^ U.C. Sampdoria: comunicato stampa 7 giugno 2011 Sampdoria.it
  20. ^ È Domenico Di Carlo il nuovo mister gialloblù Archiviato il 22 giugno 2011 in Internet Archive. Chievoverona.tv
  21. ^ Di Carlo e Chievo: un altro anno insieme Archiviato il 9 dicembre 2014 in Internet Archive. Chievoverona.it
  22. ^ Comunicato stampa: Di Carlo non è più l'allenatore del Chievo Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive. Chievoverona.it
  23. ^ Di Carlo nuovo allenatore del Livorno Calcio (Livornocalcio.it), 21 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2014).
  24. ^ Di Carlo sollevato dall'incarico. Torna Nicola, Livornocalcio.it, 19 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2014).
  25. ^ DI CARLO NUOVO TECNICO DEL CESENA CALCIO, cesenacalcio.it, 8 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2014).
  26. ^ COMUNICATO UFFICIALE, cesenacalcio.it, 8 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2015).
  27. ^ Atalanta-Cesena 3-2, a segno Defrel (due), Benalouane, Stendardo e Moralez, gazzetta.it, 7 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014.
  28. ^ UFFICIALE: Cesena, Di Carlo non è più il tecnico dei romagnoli, tuttomercatoweb.com, 6 giugno 2015. URL consultato il 6 giugno 2015.
  29. ^ UFFICIALE: Spezia, Di Carlo è il nuovo allenatore. Contratto fino al 2017 tuttomercatoweb.com
  30. ^ Ufficiale: Domenico Di Carlo nuovo tecnico del Novara novaracalcio.com
  31. ^ UFFICIALE: DOMENICO DI CARLO È IL NUOVO ALLENATORE GIALLOBLÙ, chievoverona.it, 13 novembre 2018.
  32. ^ Domenico Di Carlo torna a casa: sarà lui a guidare i biancorossi lrvicenza.net
  33. ^ a b c d Play-off.

Collegamenti esterniModifica