Apri il menu principale

Domenico Magrì

politico italiano
Domenico Magrì
Domenicomagrì.jpg

Sindaco di Catania
Durata mandato 7 luglio 1952 –
14 novembre 1953
Predecessore Ferruccio Scolaro
Successore Luigi La Ferlita

Durata mandato 3 agosto 1975 –
11 aprile 1978
Predecessore Ignazio Marcoccio
Successore Salvatore Coco

Ministro dell'Industria del commercio e dell'artigianato
Durata mandato 5 agosto 1969 –
27 marzo 1970
Presidente Mariano Rumor
Predecessore Mario Tanassi
Successore Silvio Gava

Ministro del turismo e dello spettacolo
Durata mandato 24 giugno 1968 –
12 dicembre 1968
Presidente Giovanni Leone
Predecessore Achille Corona
Successore Lorenzo Natali

Sottosegretario di Stato del Ministero della Pubblica Istruzione
Durata mandato 24 febbraio 1962 –
21 giugno 1963
Presidente Amintore Fanfani
Predecessore Giovanni Elkan
Successore Piero Caleffi

Sottosegretario di Stato del Ministero dei lavori pubblici
Durata mandato 28 luglio 1960 –
21 febbraio 1962
Presidente Amintore Fanfani
Predecessore Crescenzo Mazza
Successore Guido Ceccherini

Sottosegretario di Stato del Ministero del turismo e dello spettacolo
Durata mandato 2 aprile 1960 –
25 marzo 1960
Presidente Antonio Segni
Predecessore Ferdinando Storchi
Successore Renzo Helfer

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Durata mandato 19 febbraio 1959 –
25 marzo 1960
Presidente Antonio Segni
Predecessore Gustavo De Meo
Successore Gustavo De Meo

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I, II
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Circoscrizione Sicilia
Collegio Catania II (I leg.), Acireale (II)
Incarichi parlamentari
I legislatura
  • Membro delle Giunta consultiva per il Mezzogiorno (17 giugno 1948 - 28 luglio 1950)
  • Segretario della 6ª Commissione permanente (Istruzione pubblica e belle arti) (25 settembre 1948 - 24 giugno 1953)
  • Vicepresidente della 6ª Commissione permanente (Istruzione pubblica e belle arti) (29 luglio 1950 al 24 giugno 1953)
  • Membro della Commissione speciale pdl enti locali regione siciliana (9 marzo 1950 - 24 giugno 1953)

II legislatura

  • Membro della 6ª Commissione permanente (Istruzione pubblica e belle arti) (21 luglio 1953 - 27 luglio 1953)
  • Vicepresidente della 6ª Commissione permanente (Istruzione pubblica e belle arti) (28 luglio 1953 - 27 ottobre 1954)
  • Membro della Commissione parlamentare per il parere sulla nuova tariffa generale dei dazi doganali (19 febbraio 1954 - 8 aprile 1954)
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature III, IV, V, VI
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Collegio Catania
Incarichi parlamentari
  • Presidente della commissione difesa (1972-73)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in Lettere
Professione Insegnante e Giornalista

Domenico Magrì (Catania, 10 ottobre 1903Roma, 4 dicembre 1983) è stato un politico italiano, già ministro della Repubblica.

BiografiaModifica

Esponente della Democrazia Cristiana, fu deputato dalla III Legislatura alla VI. Patriarca, come egli stesso amava definirsi, di una grande famiglia composta dalla moglie Santina, dai suoi dieci figli e dai suoi numerosi nipoti, Domenico Magrì ha legato indissolubilmente la sua azione politica all'identità di cattolico che “ha portato l'impronta della sua interiore spiritualità in tutte le attività della sua vita” (da uno scritto del figlio Angelo Magrì).

Fu professore di discipline umanistiche nei Licei, autore di testi scolastici, fondatore dell'Istituto superiore di Magistero di Catania e da giornalista, di diversi periodici di ispirazione cattolica “La Croce”, “Presenza Cristiana”, “Iniziativa politica”. Giovanissimo fu a capo della Gioventù Cattolica e presidente dal 1936 al 1944 della Giunta diocesana di Azione cattolica: nel 1943 fu tra i fondatori della Democrazia Cristiana a Catania.

Divenne membro autorevole del partito dove arrivò a ricoprire tutti i livelli fino all'incarico di segretario organizzativo dal 1954 al 1956, sotto la segreteria Fanfani, e consigliere nazionale di diritto nel 1969. Fu più volte membro del Governo infatti fu più volte sottosegretario e Ministro.

La sua figura è legata profondamente alla sua città natale, Catania, di cui fu sindaco dal 7 luglio 1952 al 14 novembre 1953 e dal 3 agosto 1975 all'11 aprile 1978.

Incarichi di GovernoModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN21827170 · ISNI (EN0000 0000 4579 7333 · SBN IT\ICCU\RAVV\076437 · LCCN (ENno2003025872 · WorldCat Identities (ENno2003-025872