Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Domenico Santoro (disambigua).

Domenico Santoro (Alvito, 1868Foggia, 1922) è stato un filologo e storico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Dopo aver compiuto gli studi nel liceo Tulliano di Arpino, si iscrisse all'Università di Pisa. Qui ebbe come maestri il filologo Alessandro D'Ancona e lo storico Amedeo Crivellucci, dal cui insegnamento fu molto influenzato: nelle due discipline, filologia e storia, si svilupparono le sue ricerche, condotte con grande scrupolo scientifico.

Durante il periodo pisano si recava settimanalmente a Siena, dove si era trasferito lo zio don Antonio Santoro, che gli aveva fornito la prima istruzione in Alvito. Durante una di queste visite a Siena scoprì nella biblioteca comunale un trattato inedito e sconosciuto attribuito al suo conterraneo Mario Equicola, umanista del XVI secolo che aveva trascorso gran parte della vita a Mantova. Il ritrovamento de Il novo Cortigiano[1] gli fece acquisire assai presto una notevole fama nel mondo degli studiosi italiani di filologia e storia letteraria e lo indirizzò all'approfondimento dell'opera e della biografia di Mario Equicola[2].

Fu insegnante negli istituti tecnici di Cagliari, Chieti, Caserta e Sassari, concludendo la sua carriera in quello di Foggia, dove fu anche preside dal 1913 alla morte[3]. Accanto agli studi di storia e di filologia, Santoro si dedicò alla poesia, in lingua italiana e in dialetto alvitano.

OpereModifica

Filologia e letteraturaModifica

  • Delineamenti storici dei generi letterari. Lanciano: R. Carabba, 1913
  • Della vita e delle opere di Mario Equicola. Chieti: Tip. N. Jecco, 1906.
  • Della vita e delle opere di Pietro Paolo Parzanese. Teramo: Rivista Abruzzese, 1901.
  • Due studi sulla Divina Commedia. Firenze: L.S. Olschki, 1904.
  • Giampaolo Flavio da Alvito e la sua orazione per la pace di Castel Cambresis. Pisa: Tip. Simoncini, 1906
  • Note dantesche. Pisa: Tip. di Francesco Mariotti, 1901
  • Il Parzanese poeta; a cura di Attilio Franza; introduzione di Stanislao Scapati. Napoli: Guida, [2005].
  • Prime istituzioni letterarie, per uso delle scuole medie. Lanciano : R. Carabba, 1912.
  • Il salotto di Donna Lucia de Thomasis a Napoli, 1837-1848. Chieti : pei tipi di G. Ricci, 1906.
  • Studi sul Parzanese. Chieti: Tip. N. Jecco, 1904.
  • Il viaggio di Isabella Gonzaga in Provenza. Napoli : Tip. Melfi e Joele, 1913.

StoriaModifica

  • Un episodio del dominio spirituale degli arcivescovi di Pisa su la Sardegna (con un documento inedito) [S.l. : s.n., 19..] Dal vol.: Miscellanea storico-letteraria in onore del cav. F. Mariotti, nel 50. anniversario della sua carriera tipografica.
  • Notizie storiche sui grandi terremoti dell'alta Campania e specialmente della Valle Cominese ; a cura di Luigi Gulia ; presentazione di Giuseppe Zamberletti . Sora: Centro di studi sorani Vincenzo Patriarca, 1985
  • Pagine sparse di storia alvitana. 2 voll. Chieti: Tip. N. Jecco, 1908-1909
  • Le relazioni tra Pisa e la Sardegna dal 1015 al 1165. Roma: Tip. Forzani e C., 1896
  • Sora negli anni del Baronio

PoesiaModifica

  • Echi lirici. Pontedera : Tip. Ristori, 1895
  • Folia labentia : versi . Pontedera : co' tipi Ristori, 1895 .Ed. di 104 esempl. Nell'occh. : Per le nozze Flamini-Fanelli
  • Nuovi versi. Pisa : Tipografia editrice galileiana dell'amm. della Real Casa, 1891.
  • Poesie dialettali: (1906-1907); a cura di Gerardo Vacana . Casalvieri-Alvito, 1982
  • Rime. Livorno : Giusti, 1901
  • Versi. Pisa : Tip. T. Nistri e C., 1891

NoteModifica

  1. ^ D.E. Rhodes, Whose New Courtier?, in C.H. Clough (a cura di), Cultural aspects of the Italian Renaissance. Essays in honour of Paul Oskar Kristeller, Manchester University Press, New York 1976, pp. 373-375; P. Cherchi, Ritocchi al canone dell'Equicola con atetesi del Novo corteggiano, in «Studi di Filologia Italiana», 1986, XLIV, pp. 209-222.
  2. ^ P. Cherchi, Equicola, Mario, in «Dizionario Biografico degli Italiani», vol. 43, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma 1993; G. Vacana, Il saggio sull'Equicola di Domenico Santoro: un'opera esemplare del metodo storico, in Id. (a cura di), Mario Equicola, Atti del Convegno (Alvito, 5-7 ottobre 1979), Centro Studi Letterari "Val di Comino", Alvito 1983, pp. 179-194. Diversamente dai precedenti, è più critico, nei confronti della biografia santoriana dell'Equicola, S. Kolsky, Mario Equicola. The Real Courtier, Droz, Ginevra 1991, specie pp. 15-16
  3. ^ V. Pizzuti, Alvitani illustri e notevoli dal sec. XV ad oggi, Tip. dell'Abbazia di Casamari, Casamari 1957, pp. 79-80, ad vocem.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89422532 · ISNI (EN0000 0000 6301 0549 · SBN IT\ICCU\CFIV\129493 · LCCN (ENno2009110837 · GND (DE1055453164 · BAV ADV11173417
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie