Domenico Valentino

pugile italiano
Domenico Valentino
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 60 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi leggeri
Squadra Fiamme Oro
Carriera
Incontri disputati
Totali 11
Vinti (KO) 9
Persi (KO) 2
Pareggiati 0
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Chicago 2007 leggeri
Oro Milano 2009 leggeri
Bronzo Baku 2011 leggeri
Bronzo Almaty 2013 leggeri
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Pola 2004 leggeri
Argento Ankara 2011 leggeri
Transparent.png Campionati EU
Oro Madrid 2004 leggeri
Oro Cagliari 2005 leggeri
Oro Pécs 2006 leggeri
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Almeria 2005 leggeri
Oro Pescara 2009 leggeri
 

Domenico Valentino, noto anche con lo pseudonimo di Mirko Valentino o Mister Tatoo (Marcianise, 17 maggio 1984), è un pugile italiano. Vincitore dei mondiali Dilettanti nel 2009 e del titolo italiano professionisti nel 2018 per la categoria dei pesi leggeri.

BiografiaModifica

Domenico Valentino è nato nel 1984 a Marcianise, in provincia di Caserta. Ha iniziato a praticare il pugilato all'età di 11 anni. Nel 2009 ha sposato Rossana, una sua compaesana, dalla quale ha avuto il piccolo Tommaso nel 2012 e la piccola Brenda nel 2015.

Dal 2017 è entrato in servizio operativo nella Polizia di Stato presso la questura di Napoli.

CarrieraModifica

Domenico Valentino è stato, tra i dilettanti, il pugile con il maggior numero di incontri disputati di tutte le sigle italiane nella categoria dei Pesi Leggeri, con uno score di 151 incontri, di cui 120 vittorie, 3 pareggi e 28 sconfitte (superando così il record di 127 incontri, con 109 vittorie e 18 sconfitte, detenuto da Patrizio Oliva).

Nel corso della sua carriera dilettantistica ha partecipato a ben tre edizioni dei giochi olimpici, figurando sempre tra i favoriti della vigilia, senza però mai riuscire a salire sul podio. Ha ottenuto il suo primo piazzamento di prestigio agli europei di pugilato del 2004 disputati a Pola. La buona affermazione continentale gli è valsa la prima storica convocazione alle Olimpiadi di Atene 2004, dove è stato eliminato ai quarti di finale dal kazako Serik Eleuov. Ci ha riprovato alle successive Olimpiadi di Pechino dove è stato eliminato agli ottavi di finale dal cubano Yordenis Ugás ai punti per 10-2.[1]

Nel 2007 ha partecipato ai mondiali di Chicago 2007, dove ha battuto il favorito Kim Song-guk in semifinale, per poi perdere la finale contro l'inglese Frankie Gavin. Si è riscattato l'anno dopo aggiudicandosi i Mondiali di Milano 2008. Nell'ambito della stessa manifestazione si è anche classificato secondo nella speciale classifica della critica al "Miglior Pugile del Mondiale", assegnato al compagno e amico Roberto Cammarelle.

Nel maggio 2012 con il Team della Dolce & Gabbana Milano, ha conquistato le World Series of Boxing, la prima competizione di boxe a squadre. Le ottime prestazioni individuali gli sono valse la terza convocazione olimpica per i Giochi della XXX Olimpiade Londra che lo hanno visto fermarsi nuovamente ai quarti di finale, sconfitto dal lituano Evaldas Petrauskas.

Nel 2017 ha deciso di passare professionista, e dopo un anno è diventato il campione Italiano dei Pesi Leggeri Professionisti. Tra il 2019 e il 2020, è stato prima co-sfidante al titolo europeo EBU, match perso contro l'altro italiano Francesco Patrera, e poi sfidante al titolo internazionale IBF perso contro l'italo-tunisino Mohamed Khalladi.

OnorificenzeModifica

  Collare d'oro al merito sportivo
— Salone d'onore del Comitato olimpico nazionale italiano, 19 aprile 2012

NoteModifica

  1. ^ TuttoJuve, Domenico Valentino: "Juve in campo a Monaco senza paura", in http://www.tuttojuve.com/primo-piano/esclusiva-tj-domenico-valentino-juve-in-campo-a-monaco-senza-paura-232430.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica