Apri il menu principale
Domiciano Cavém
Benfica1965.jpg
Il Benfica nel 1965
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 178 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1969
Carriera
Squadre di club1
1955-1969Benfica279 (77+)
Nazionale
1957-1965 Portogallo Portogallo 18 (5)[1]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2011

Domiciano Barrocal Gomes Cavém (Vila Real de Santo António, 21 dicembre 193212 gennaio 2005) è stato un calciatore portoghese, di ruolo centrocampista.

Indice

CarrieraModifica

In 14 stagioni da professionista con il Benfica segnò 125 reti.[1] Contribuì alla vittoria di nove campionati e di due Coppe dei Campioni consecutive, nel 1961 e nel 1962. Nella finale di quest'ultima competizione, vinta per 5-3 contro il Real Madrid il 2 maggio 1962 ad Amsterdam, segnò il secondo gol della sua squadra.

Vincendo la Coppa dei Campioni, il Benfica partecipò alla Coppa Intercontinentale nel 1961 e nel 1962 ma perse in entrambe le occasioni, prima contro gli uruguaiani del Peñarol e poi contro il Santos di Pelé.

Il Benfica raggiunse la finale della Coppa dei Campioni anche nella stagione 1962-1963, perdendo contro il Milan per 2-1, nel 1965 perdendo contro l'Inter di Helenio Herrera, che vinse il secondo titolo consecutivo grazie a un gol di Jair, e nel 1968, venendo sconfitto per 4-1 dal Manchester United di Matt Busby, che vinse il titolo per la prima volta. Si ritirò nel 1969.

Collezionò 18 presenze con la Nazionale portoghese.[1]

È considerato uno dei migliori giocatori della storia del Benfica.[1]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Benfica: 1956-1957, 1959-1960, 1960-1961, 1962-1963, 1963-1964, 1964-1965, 1966-1967, 1967-1968, 1968-1969
Benfica: 1956-1957, 1958-1959, 1961-1962, 1963-1964, 1968-1969

Competizioni internazionaliModifica

Benfica: 1960-1961, 1961-1962

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Benfica mourn Cavém's passing, in Uefa.com, 11 gennaio 2005. URL consultato il 24 luglio 2011.

Collegamenti esterniModifica