Don't Look Up

film del 2021 diretto da Adam McKay
Don't Look Up
DontLookUpimmagine.png
Jennifer Lawrence, Leonardo DiCaprio e Rob Morgan in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2021
Durata138 min
Rapporto2,39:1
Generecommedia, satirico, fantascienza, drammatico
RegiaAdam McKay
SoggettoAdam McKay e David Sirota
SceneggiaturaAdam McKay
ProduttoreAdam McKay, Kevin J. Messick
Produttore esecutivoScott Stuber, Jeff G. Waxman
Casa di produzioneBluegrass Films, Hyperobject Industries
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaLinus Sandgren
MontaggioHank Corwin
Effetti specialiDevin Maggio, Raymond Gieringer
MusicheNicholas Britell
ScenografiaClayton Hartley
CostumiSusan Matheson
TruccoJuliet Loveland
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Don't Look Up logo.png
Logo ufficiale del film

Don't Look Up è un film del 2021 scritto e diretto da Adam McKay.

L'impatto astronomico descritto nel film è un'allegoria del riscaldamento globale e il film è una satira sull'indifferenza dei governi e dei media nei confronti dell'emergenza.[1]

TramaModifica

La dottoranda in astronomia Kate Dibiasky scopre l'esistenza di una cometa non ancora identificata. Il suo professore, Randall Mindy, calcolandone la traiettoria, si accorge che il corpo celeste colpirà in pieno la Terra in circa sei mesi e che le sue dimensioni sono tali da comportare la distruzione completa di qualsiasi forma di vita sul pianeta e anche ulteriori verifiche successive confermano il calcolo del professore. I due quindi, insieme al funzionario governativo Teddy Oglethorpe che si occupa proprio di eventuali pericoli di questo tipo, si recano subito alla Casa Bianca per cercare di evitare la catastrofe, ma la presidente degli Stati Uniti, Janie Orlean, non ha alcuna intenzione di occuparsene in quanto presa dai suoi calcoli elettorali. Impone, pertanto, di mantenere segreta la notizia.

Randall, Kate e Teddy decidono di disobbedire e tentano di informare la cittadinanza attraverso un popolarissimo programma televisivo condotto da Brie Evantee e Jack Bremmer: Kate però, irritata per il tono troppo leggero e scettico con cui la notizia viene trattata durante la trasmissione, esplode in escandescenze in diretta, perdendo qualsiasi credibilità e diventando lo zimbello del web. Le cose cambiano quando la Presidente Orlean resta coinvolta in uno scandalo a luci rosse e, per deviare l'attenzione, decide di occuparsi del pericolo annunciato dai tre astronomi, assegnando a Randall il ruolo di scienziato di riferimento ufficiale per tranquillizzare la popolazione e al tempo stesso farla diventare l'eroina che salverà il mondo. Randall acquista quindi una vasta popolarità anche grazie al sostegno di Brie, che diventa sua amante e lo allontana dalla moglie.

La notizia della catastrofe imminente viene comunicata al mondo in maniera spettacolare e viene organizzato, con gran clamore mediatico, il lancio di una flotta di astronavi e missili per colpire e deviare la cometa, salvando il pianeta. L'operazione viene però annullata subito dopo il suo avvio quando l'imprenditore Peter Isherwell, fondatore e amministratore di un'azienda di alta tecnologia che realizza prodotti di successo basati sull'intelligenza artificiale e anche uno dei maggiori finanziatori della Presidente, annuncia che il nucleo della cometa è ricchissimo di materiali rari preziosi, fondamentali per le tecnologie cellulari, e che il ritorno economico che potrebbe derivarne per gli Stati Uniti sarebbe così cospicuo da valere la pena di sfruttare l'occasione. Si organizza quindi un piano alternativo, basato sulle tecnologie sviluppate da Isherwell, che prevede di frantumare la cometa in piccoli meteoriti innocui per poi sfruttarne commercialmente i materiali, una volta recuperati.

Kate e Teddy vengono emarginati ed esclusi dall'operazione, mentre Randall, finalmente resosi conto di esser stato manipolato dalla presidente e di come il piano di Isherwell sia molto più aleatorio di quanto fatto credere, dato che tutte le richieste di verifica dei calcoli vengono ignorate, si ribella alla situazione e abbandona tutto per cercare di riconciliarsi con la sua famiglia. Nel frattempo il mondo si divide ormai tra chi esige la distruzione totale della cometa, chi urla all'allarmismo ingiustificato e chi addirittura nega che la cometa esista davvero, sostenuto in questo da un'accesa campagna guidata dalla stessa Presidente e da suo figlio Jason, un incapace vanitoso nominato dalla madre capo di gabinetto.

Il folle piano della Casa Bianca però fa cilecca così, una volta capito che non ci sono più speranze, la Presidente, Peter e altri ricchissimi americani fuggono segretamente nello spazio a bordo di un'astronave ipertecnologica attrezzata per ibernare i passeggeri e raggiungere un possibile pianeta extrasolare abitabile. Nella concitazione del momento, la Presidente abbandona anche il figlio Jason, ignaro di tutto. Randall e Kate, ormai rassegnati all'inevitabile, passano i loro ultimi istanti con serenità, insieme alla riconciliata famiglia di lui, a Teddy e a Yule, un giovane innamorato di Kate. La cometa colpisce infine la Terra come previsto dai calcoli degli astronomi, causando morte e distruzione in una catastrofe totale.

Dopo più di 22 000 anni dall'impatto che ha distrutto la Terra, l'astronave presidenziale atterra su un pianeta alieno ricco di vegetazione. I suoi passeggeri si destano dal sonno criogenico e, mentre danno un'occhiata all'ambiente circostante, vengono avvicinati da colorate creature simili a struzzi e apparentemente pacifiche che però, come primo gesto, divorano la Presidente per poi circondare gli altri sopravvissuti.

Al termine dei titoli di coda, come scena finale, si vede Jason uscire dalle macerie del centro di controllo della missione fallita, unico sopravvissuto all'estinzione della vita sulla Terra e ancora illuso che la madre possa tornare da lui, mentre documenta il tutto sul suo telefono sperando di ricevere almeno qualche like.

ProduzioneModifica

L'8 novembre 2019 la Paramount Pictures ha annunciato il progetto, con Adam McKay come regista, sceneggiatore e produttore.[2] Il 19 febbraio 2020, Netflix ha acquistato il film dalla Paramount.[3]

Per partecipare al film, Leonardo DiCaprio ha percepito un compenso di 30 milioni di dollari, mentre Jennifer Lawrence ha ricevuto un cachet di 25 milioni di dollari.[4]

RipreseModifica

Le riprese del film, che sarebbero dovute iniziare nell'aprile 2020[3], furono rimandate a causa della pandemia di COVID-19,[5] per cui sono iniziate il 18 novembre 2020 a Boston[6] e si sono concluse il 18 febbraio 2021.[7]

PromozioneModifica

Il primo teaser trailer del film è stato diffuso l'8 settembre 2021,[8] mentre il trailer il 16 novembre.[9]

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito limitatamente in alcuni cinema statunitensi a partire dal 10 dicembre 2021[10], in Italia dall'8 dicembre[11] e su Netflix dal 24 dicembre dello stesso anno.[8]

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Le prime reazioni della critica statunitense sono state positive, soprattutto per il cast:[12] IndieWire definisce il film "brillante e divertente" elogiando l'interpretazione di Leonardo DiCaprio;[12] Erik Davis di Fandango promuove la "divertente satira sull'apocalisse";[12] Scott Feinberg del The Hollywood Reporter elogia "le performance di uno dei migliori cast di sempre";[12] anche Jazz Tangcay di Variety elogia il cast e pone il film tra i favoriti ai Premi Oscar 2022;[12] secondo Scott Menzel di We Live Entertainment è "il film più divertente dell'anno" augurando la candidatura agli Oscar per la canzone Just Look Up di Ariana Grande.[12]

Antonio Dipollina de la Repubblica definisce il film «capolavoro o pasticcio»;[13] Roberto Nepoti, sempre su la Repubblica, ha ritenuto che la pellicola rappresentasse con una certa banalità i temi trattati, dando un voto di 2,5 su 5;[14] Teresa Marchesi, di Domani, si sofferma sul «genere indefinibile» del film, che «oscilla tra la satira politica e il catastrofismo consapevole, passando per la fantascienza profetica», esprimendo un giudizio positivo sulla pellicola;[15] per Gianmaria Tammaro, de La Stampa, la pellicola propone un sistema dei personaggi che, seppur ben congegnato, rappresenta la realtà con eccessiva semplificazione, andando a proporre una critica superficiale della società.[16]

PrimatiModifica

Il film è risultato essere il più visto su Netflix in Italia nel periodo di Natale 2021[17] e nel gennaio 2022 è diventato il secondo film più visto di sempre sulla piattaforma.[18][19]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Donna Lu, 'It parodies our inaction': Don't Look Up, an allegory of the climate crisis, lauded by activists, in The Guardian, 29 dicembre 2021.
  2. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Adam McKay On New Paramount Film Deal, The Meteor Movie He’ll Next Helm & The Superhero As Cinema Argument, su Deadline Hollywood, 8 novembre 2019. URL consultato l'8 settembre 2021.
  3. ^ a b (EN) Anthony D'Alessandro, Netflix Takes Adam McKay Meteor Movie ‘Don’t Look Up’; Jennifer Lawrence To Star, su Deadline Hollywood, 19 febbraio 2020. URL consultato l'8 settembre 2021.
  4. ^ Luca Scarselli, DON'T LOOK UP: JENNIFER LAWRENCE È STATA PAGATA MENO DI LEONARDO DICAPRIO, su Movieplayer.it, 23 novembre 2021. URL consultato il 30 novembre 2021.
  5. ^ (EN) Kasey Moore, Every Netflix Production Halted Due to Coronavirus, su whats-on-netflix.com, 22 aprile 2020. URL consultato l'8 settembre 2021.
  6. ^ (EN) Borys Kit, Leonardo DiCaprio, Meryl Streep Join Jennifer Lawrence in Adam McKay’s ‘Don’t Look Up’, su The Hollywood Reporter, 14 ottobre 2020. URL consultato l'8 settembre 2021.
  7. ^ (EN) Kevin Slane, ‘Don’t Look Up’ wraps filming after 3 months in Massachusetts, su Boston.com, 18 febbraio 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  8. ^ a b   Netflix, DON’T LOOK UP - Official Teaser Trailer, su YouTube, 8 settembre 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  9. ^   Netflix, DON’T LOOK UP - Trailer ufficiale, su YouTube, 16 novembre 2021. URL consultato il 16 novembre 2021.
  10. ^ (EN) Rebecca Rubin, Netflix Releases Dates for Leonardo DiCaprio and Jennifer Lawrence’s ‘Don’t Look Up,’ Jane Campion’s ‘The Power of the Dog’ and More, su Variety, 23 agosto 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  11. ^ Don't Look Up, su Comingsoon.it. URL consultato il 26 novembre 2021.
  12. ^ a b c d e f Matteo Marescalco, DON'T LOOK UP, LE PRIME REAZIONI DELLA CRITICA USA AL FILM: "BRILLANTE E DIVERTENTE", su Movieplayer.it, 20 novembre 2021. URL consultato il 30 novembre 2021.
  13. ^ Antonio Dipollina, Capolavoro o pasticcio, l’importante è parlare di “Don’t look up”, in la Repubblica, 28 dicembre 2021. URL consultato il 28 dicembre 2021 (archiviato il 29 dicembre 2021).
  14. ^ Roberto Nepoti, «Dont' look up», Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence, due star in un film senza fuoco, in la Repubblica, 23 dicembre 2021. URL consultato il 28 dicembre 2021 (archiviato il 29 dicembre 2021).
  15. ^ Teresa Marchesi, Don't look up, il nuovo dottor Stranamore tra satira politica e catastrofismo, in Domani, 7 dicembre 2021. URL consultato il 29 dicembre 2021 (archiviato il 29 dicembre 2021).
  16. ^ Gianmaria Tammaro, «Don't look up», la catastrofe che ci meritiamo dove solo buoni e cattivi sono facili da distinguere, in La Stampa, 28 dicembre 2021. URL consultato il 29 dicembre 2021 (archiviato il 29 dicembre 2021).
  17. ^ Luca Scarselli, DON'T LOOK UP È IL TITOLO PIÙ VISTO SU NETFLIX A NATALE 2021, su Movieplayer.it, 2 gennaio 2022. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  18. ^ Valentina D'Amico, DON'T LOOK UP È IL SECONDO FILM PIÙ VISTO DI SEMPRE SU NETFLIX, su Movieplayer.it, 12 gennaio 2022. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  19. ^ Sara Palmas, Netflix: i film più visti del 2021 e le novità che ci attendono, su Best Movie, 29 gennaio 2022. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  20. ^ (EN) Brent Lang, Jordan Moreau e Wyatte Grantham-Philips, Oscar Nominations 2022: ‘Power of the Dog’ Leads With 12 Nods, ‘Dune’ Follows With 10 (Full List), su Variety, 8 febbraio 2022. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  21. ^ (EN) GOLDEN GLOBE NOMINATIONS 2022: THE FULL LIST OF NOMINEES, su Rotten Tomatoes, 13 dicembre 2021. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  22. ^ Beatrice Pagan, LICORICE PIZZA È IL MIGLIOR FILM DEL 2021 PER LA NATIONAL BOARD OF REVIEW, su movieplayer.it, Movieplayer.it, 2 dicembre 2021. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  23. ^ (EN) Nominees for the 72nd Annual ACE EDDIE AWARDS, su American Cinema Editors. URL consultato l'8 marzo 2022.
  24. ^ Laura Silvestri, BAFTA 2022, LE NOMINATION: DA DUNE A IL POTERE DEL CANE, su Movieplayer.it, 3 febbraio 2022. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  25. ^ (EN) Manori Ravindran, BAFTA Awards Nominations Unveiled: ‘Dune,’ ‘Power of the Dog’ Lead Field, Will Smith Earns First BAFTA Nod, su Variety, 3 febbraio 2022. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  26. ^ (EN) LADY GAGA AND NICHOLAS CAGE SNAG NOMINATIONS AT THE 2022 CRITICS CHOICE AWARDS, su Rotten Tomatoes, 13 dicembre 2021. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  27. ^ Valentina D'Amico, CRITICS CHOICE SUPER AWARDS 2022: SPIDER-MAN: NO WAY HOME, JUSTICE LEAGUE E MIDNIGHT MASS TRA I CANDIDATI, su movieplayer.it, Movieplayer.it, 23 febbraio 2022. URL consultato il 4 marzo 2022.
  28. ^ Davide Stanzione, David di Donatello 2022, È stata la mano di Dio e Freaks Out guidano le nomination: ecco tutte le candidature, su Best Movie, 4 aprile 2022. URL consultato il 4 aprile 2022.
  29. ^ Beatrice Pagan, MTV MOVIE & TV AWARDS 2022, SPIDER-MAN: NO WAY HOME ED EUPHORIA DOMINANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 11 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  30. ^ (EN) Erik Pedersen, PGA Awards Nominations: ‘Licorice Pizza’, ‘Don’t Look Up’, ‘Dune’, ‘King Richard’ & ‘CODA’ Among Pics Vying For Marquee Prize, su Deadline Hollywood, 27 gennaio 2022. URL consultato l'8 marzo 2022.
  31. ^ (EN) imdb.com, https://www.imdb.com/event/ev0000580/2022/1/.
  32. ^ Davide Stanzione, SAG Awards 2021: annunciate le nomination dei premi degli attori americani, su Best Movie, 12 gennaio 2022. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  33. ^ Valentina D'Amico, WGA 2022: WEST SIDE STORY, DUNE E LICORICE PIZZA TRA LE CANDIDATURE, su Movieplayer.it, 28 gennaio 2022. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  34. ^ Valentina D'Amico, WGA AWARDS 2022: A DON'T LOOK UP E CODA - I SEGNI DEL CUORE I PREMI PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA, su Movieplayer.it, 21 marzo 2022. URL consultato il 22 marzo 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica