Tello di Castiglia

nobile castigliano
(Reindirizzamento da Don Tello di Castiglia)
Tello Alfonso
Sarcophagi of Tello of Castille 001.jpg
Sarcofago policromo di Tello di Castiglia nel convento di San Francesco a Palencia (Castiglia e León, Spagna)
Signore di Aguilar de Campoo
Stemma
Nascita Merida, Giugno 1337
Morte Medellín, 15 ottobre 1370
Luogo di sepoltura Chiesa di San Francesco (Palencia)
Dinastia Casa di Borgogna (Castiglia)
Padre Alfonso XI di Castiglia
Madre Eleonora di Guzmán
Consorte Giovanna di Lara

Tello Alfonso di Castiglia (Merida, giugno 1337Medellín, 15 ottobre 1370) fu il settimo dei dieci figli illegittimi di Alfonso XI di Castiglia ed Eleonora di Guzmán.[1] Fu un principe di Castiglia e il Primo Signore di Aguilar de Campoo. In spagnolo è conosciuto come Tello de Castilla, Infante de Castilla; Señor de Aguilar de Campoo, de Vizcaya, de Castañeda e de Lara.

Origine familiareModifica

Figlio di Alfonso XI di Castiglia e di Eleonora di Guzmán, i suoi nonni paterni erano Ferdinando IV di Castiglia e la regina Costanza del Portogallo. E dal lato materno, era il nipote di Pedro Núñez de Guzmán e Giovanna Ponce de León. Aveva diversi fratelli, tra cui Enrico II di Castiglia e Fadrique Alfonso di Castiglia, maestro dell'Ordine di Santiago, ed era un fratellastro del re Pietro I di Castiglia

BiografiaModifica

Il 10 gennaio 1339, suo padre gli concesse in signoria l'antica regalità delle merindades di Aguilar de Campoo che il suo defunto fratello Pedro de Aguilar[1] e Liébana avevano avuto in Cantabria.

Dopo l'assassinio di sua madre nel 1351 per ordine di Maria del Portogallo, Tello si rifugiò a Palenzuela. Il suo fratellastro, il re, voleva incontrarlo e mandò Juan García Manrique per impedire a Tello di fuggire. Secondo La crónica de los reyes de Castilla di Pero López de Ayala, Tello andò a Palencia per incontrare suo fratello e rendergli omaggio. Quando il re Pedro gli ricordò la morte di sua madre, Eleonora di Guzmán, Tello, che a quel tempo aveva appena quattordici anni, rispose: Señor, yo non he otro padre, nin otra madre salvo la vuestra merced (Signore, non ho altro padre, nessun'altra madre tranne la vostra misericordia).

Come signore della Valle Toranzo aveva un terreno di caccia con una grande casa a Esponzués (Corvera de Toranzo), così come alcuni altri possedimenti in questa regione che appartenevano alla Corona di Castiglia. A Esponzués ordinò l'allevamento di cinghiali e l'attività di falconeria.

Ha partecipato alla guerra civile che ha affrontato il suo fratellastro Pietro I di Castiglia con suo fratello Enrico II di Castiglia, anche se ha mostrato un comportamento irregolare, soprattutto quando ha lasciato il campo di battaglia di Nájera con i suoi ospiti. Essendo signore di Biscaglia, fondò le città di Marquina (1355), Elorrio (1356), Guernica e Guerricaiz (1366).

Testamento e morteModifica

Tello Alfonso di Castilla ha lasciato testamento nel 1368 e nel 1370. Nel suo ultimo testamento, ha lasciato in eredità la Biscaglia e Valmaseda a suo fratello, il re Enrico II di Castiglia.

Come capitano generale del confine con il Portogallo, ha partecipato alla guerra con quel paese, sebbene non sia morto in combattimento ma di malattia il 15 ottobre 1370 a Medellín. Uno studio antropologico dell'Università di Granada, condotto nel 2012, ha permesso a vari ricercatori, di trovare indicazioni che la morte di Tello di Castilla nel XIV secolo potrebbe non essere stata naturale.

DiscendenzaModifica

 
Statua di Tello di Castiglia (Guernica)

Nel 1353 sposò Giovanna di Lara (figlia di Giovanni Núñez III di Lara), che fu assassinata nel 1359, per ordine del suo fratellastro re Pietro I di Castiglia. Tello e Giovanna non ebbero figli. Tello tenne segreta la notizia della sua morte per mantenere il possesso della sua dote.

Tello ebbe diversi figli illegittimi:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Sancho IV di Castiglia Alfonso X di Castiglia  
 
Violante d'Aragona  
Ferdinando IV di Castiglia  
Maria di Molina Alfonso di Molina  
 
Mayor Alonso de Meneses  
Alfonso XI di Castiglia  
Dionigi del Portogallo Alfonso III del Portogallo  
 
Beatrice di Castiglia e Guzmán  
Costanza del Portogallo  
Isabella d'Aragona Pietro III d'Aragona  
 
Costanza di Hohenstaufen  
Tello di Castiglia  
Álvaro Perez de Guzman Pedro Nuñez de Guzman, Signore Derruña and San Romano  
 
Teresa Rodriguez Brizuela  
Pedro Núñez de Guzmán  
Maria Giron Gonzalo Rodriguez Giron  
 
Elvira Diaz de Castañeda  
Eleonora di Guzmán  
Fernán Pérez Ponce de León, Signore Cangas e la Puebla Pedro Ponce de Cabrera  
 
Aldonza Alonso de León  
Beatriz Ponce de León  
Urraca Gutiérrez de Meneses Gutierre Suarez de Meneses, Signore di la Osa, San Felices and Dosbarrios  
 
Elvira Anes de Sousa  
 

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica