Apri il menu principale

Donald Cerrone

artista marziale misto e thaiboxer statunitense
Donald Cerrone
Donald Cerrone.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Peso 77 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Muay Thai, Kickboxing, Jiu jitsu brasiliano, Gaidojutsu, Pugilato
Categoria Pesi welter

Pesi leggeri

Squadra Stati Uniti Jackson's Submission Fighting
Carriera
Soprannome Cowboy
Combatte da Stati Uniti Albuquerque, Stati Uniti
Vittorie 36
per knockout 9
per sottomissione 16
Sconfitte 11
No contest 1
 

Donald Anthony Cerrone (Columbus, 29 marzo 1983) è un lottatore di arti marziali miste e thaiboxer statunitense.

Combatte nella categoria dei pesi welter per l'organizzazione statunitense UFC. Dal 2007 al 2010 ha lottato nella promozione WEC, nella quale era uno degli atleti di punta nella sua categoria di peso ed ha avuto tre opportunità per vincere il titolo, venendo tuttavia sconfitto in tutte e tre le occasioni.

In passato è stato campione nazionale di Muay Thai ed è stato premiato Breakthrough Fighter of the Year ai Fighters Only World MMA Awards nel 2011[1].

BiografiaModifica

Cerrone, di chiare origini italiane, è nato a Columbus ma è cresciuto a Denver. Affetto alla nascita da cheiloschisi, successivamente tale problema è stato eliminato chirurgicamente; sempre in giovane età ha sofferto di disturbo da deficit di attenzione e iperattività, che sfogava in frequenti risse.

Durante il periodo delle scuole superiori ha vissuto con i nonni a causa del divorzio dei genitori e a circa vent'anni viene introdotto da un amico alle arti marziali, in particolare Taekwondo e Kickboxing, mettendo insieme un invidiabile record di 13-0 come dilettante.

Carriera nel Muay ThaiModifica

Cerrone gode di un passato da protagonista nel Muay Thai, essendo stato incoronato campione statunitense S-1 e campione dei Pesi Mediomassimi Dominion Warrior nel 2006. Vanta una serie positiva di ben 25 vittorie.

Carriera nelle arti marziali misteModifica

 
Donald Cerrone durante una cerimonia del peso

World Extreme CagefightingModifica

Dopo un ottimo inizio di carriera nel quale sconfigge anche Anthony Njokuani e firma un record di 7-0, Cerrone esordisce nel WEC con una vittoria per sottomissione su Kenneth Alexander, poi modificata in un "No Contest" in quanto lo stesso Cerrone venne trovato positivo a sostanze proibite dalla federazione.

Cerrone infila due vittorie consecutive, la seconda delle quali fu un match eliminatorio per il titolo dei pesi leggeri contro Rob McCullough; poté così sfidare il campione in carica Jamie Varner, contro il quale perse di poco ai punti.

Nel 2009 dopo una vittoria ha un'ulteriore chance, questa volta per il titolo ad interim, ma viene nuovamente sconfitto ai punti da Benson Henderson.

L'anno successivo ha la possibilità di rivincita contro Ben Henderson, sempre per il titolo, ma viene sconfitto per sottomissione.

Dopo due vittorie ottenute nel 2010 il WEC viene assorbito dall'UFC, e quindi Cerrone terminata la sua esperienza con tale franchigia con un record di 6-3 (1), venendo a mancare in tutte le occasioni di massimo rilievo.

Ultimate Fighting ChampionshipModifica

Esordisce in UFC il 5 febbraio 2011 con la vittoria su Paul Kelly, la prima di una serie di quattro vittorie consecutive, fino alla sconfitta per decisione contro Nate Diaz.

Nel 2012 torna alla vittoria con un successo su Jeremy Stephens venuto per decisione unanime dei giudici di gara. Lo stesso anno sconfigge in modo spettacolare Melvin Guillard con un KO che lo proietta tra i possibili futuri contendenti al titolo.

Nel 2013 in una sfida cruciale contro l'ex campione WEC Anthony Pettis, lottatore che proprio Cerrone sfidò apertamente, il thaiboxer finì KO per la prima volta nella sua carriera. Successivamente sconfigge nettamente l'ex campione Elite XC e a lungo contendente nella Strikeforce K.J. Noons.

Lo stesso anno viene sconfitto dal numero 10 dei ranking Rafael dos Anjos che porta a casa una vittoria ai punti grazie ad una kickboxing all'altezza e ad alcuni takedown ben eseguiti. Torna alla vittoria in novembre con un'ottima prova contro Evan Dunham, dove ha la meglio sia nello striking, sia nel grappling e conclude l'incontro con una sottomissione che gli vale il premio Submission of the Night.

Combatte anche nel gennaio 2014 contro il brasiliano Adriano Martins vincendo per mezzo di uno spettacolare calcio alla testa ed ottenendo il premio Knockout of the Night. In aprile sconfigge anche uno dei più forti striker della divisione in Edson Barboza, vincendo per sottomissione durante il primo round. In luglio batte per KO il numero 7 dei ranking Jim Miller ottenendo il premio Performance of the Night.

Il 27 settembre avrebbe dovuto affrontare il top fighter Chabib Nurmagomedov all'evento UFC 178: Johnson vs Cariaso, ma quest'ultimo s'infortunò al ginocchio e venne rimpiazzato dal debuttante e due volte campione Bellator Eddie Alvarez: Cerrone subì l'ottima boxe dell'avversario nel primo round ma riuscì ad imporsi nelle rimanenti due riprese, ottenendo un'ulteriore vittoria di prestigio.

Nel gennaio 2015 sconfigge con merito il numero 8 dei ranking Myles Jury. Cerrone accettò addirittura di tornare a combattere solamente due settimane dopo per sostituire l'infortunato Eddie Alvarez contro l'ex campione UFC e WEC Ben Henderson, contro il quale Cerrone aveva già perso due volte ai tempi della WEC: Cerrone questa volta la spuntò con il punteggio di 29-28 da parte di tutti e tre i giudici di gara, anche se il verdetto fece molto discutere.

A maggio doveva affrontare il russo Chabib Nurmagomedov in un match valido come eliminatori per il titolo dei pesi leggeri UFC. Tuttavia, il 30 aprile, Nurmagomedov si infortunò al ginocchio e non poté prendere parte all'incontro; al suo posto venne inserito John Makdessi. Cerrone vinse l'incontro al secondo round per KO tecnico, dopo aver rotto la mascella di Makdessi con un calcio.

A dicembre, all'ultimo evento della UFC del 2015, dovette affrontare Rafael dos Anjos per il titolo dei pesi leggeri UFC. Dopo poco più di un minuto dall'inizio dell'incontro, Cerrone venne colpito al corpo con una ginocchiata che lo costrinse a indietreggiare verso le pareti dell'ottagono; nonostante resisté ad un grande numero di colpi al volto, Cerrone cadde al suolo e dopo un poderoso ground and pound venne sconfitto per KO Tecnico. Questa fu la sua prima sconfitta per KO Tecnico dovuta ad una serie di pugni.

Nel febbraio del 2016, avrebbe dovuto affrontare in un match valido per la categoria dei pesi welter Tim Means. Tuttavia, il 3 febbraio, venne annunciata una potenziale violazione delle regole anti-doping della USADA al di fuori dalle competizioni da parte di Means. Poiché non c'era abbastanza tempo per effettuare ulteriori indagini, Means venne rimosso dal combattimento e rimpiazzato il giorno dopo da Alex Oliveira. Al primo round, dopo alcuni scambi in piedi e molti tentativi di clintch, Cerrone riuscì a portare al tappeto il suo avversario e con molta facilità raggiunse la posizione montata; da tale posizione riusci a chiudere Oliveira in uno strangolamento a triangolo effettuato con le gambe, costringendo il brasiliano a cedere quasi immediatamente. Con questa vittoria ottenne anche il riconoscimento Performance of the Night.

A giugno dello stesso anno affrontò Patrick Côté in Canada. Nel primo e nel second round, Cerrone mandò più volte al tappeto il suo avversario sia con dei takedown e sia con una serie di colpi. Alla terza ripresa, ormai evidente la netta superiorità in piedi da parte di Cerrone, Donald andò a segno con un sinistro e un destro mandando al tappeto Côté, che sfinito, venne finalizzato con il ground and pound. Cerrone fu il secondo lottatore a mettere in serie difficoltà il veterano Côté con lo striking. Con questa vittoria ottenne il riconoscimento Performance of the Night.

Il 20 agosto affrontò Rick Story all'evento UFC 202. Dopo 3 minuti dall'inizio del secondo round, Cerrone andò a segno con due potenti diretti, una al corpo e uno in pieno volto che costrinsero Story ad indietreggiare, in questo piccolissimo frangente Cowboy lo colpì violentemente al volto con un calcio, stordendolo pesantemente. Una volta avvicinatosi al suo avversario pose fine al match con una combinazione di pugni. Con questa vittoria ottenne il premio Performance of the Night.

A novembre avrebbe dovuto affrontare l'ex campione dei pesi welter Robbie Lawler. Tuttavia, Lawler annunciò di voler prendere una pausa per potersi preparare al meglio dopo la sconfitta avvenuta per KO per mano di Tyron Woodley. Al suo posto venne inserito Kelvin Gastelum. Durante la cerimonia del peso, Gastelum non si presentò annunciando via twitter di aver superato di molto il limite di peso e quindi di non poter affrontare Cerrone all'evento.

Il 10 dicembre del 2016 dovette affrontare il suo compagno di allenamento Matt Brown all'evento UFC 206. Il match fu molto entusiasmante, dove entrambi gli atleti si scambiarono pesanti colpi, tra calci alti e gomitate al volto. Dopo due riprese, Brown si trovò in difficoltà nel fronteggiare la velocità dei pugni di Cerrone e in un tentativo di attacco molto azzardato, venne colpito in pieno volto da un calcio sinistro, andando KO in modo netto.

A gennaio del 2017 dovette affrontare Jorge Masvidal. Verso la fine della prima ripresa, Cerrone venne colpito al volto con un gancio ben piazzato, rischiando di perdere l'incontro. Al secondo round, un Cerrone ancora molto provato, tentò di mettere a segno un calcio piazzato ma venne intercettato da un altro gancio in pieno volto, consegnando la vittoria al suo avversario per KO tecnico.

Il 29 luglio 2017, all'evento UFC 214, affronta l'ex campione dei pesi welter Robbie Lawler, match che si sarebbe dovuto tenere a UFC 205 ma che Lawler preferì posticipare per riprendersi dalla perdita del titolo contro Tyron Woodley: Cowboy viene sconfitto per decisione unanime. Il 21 ottobre viene sconfitto per KO tecnico da Darren Till mentre il 18 febbraio 2018 torna alla vittoria mettendo KO Yancy Medeiros.

Il 10 novembre 2018 batte per sottomissione Mike Perry, infrangendo così i record UFC per il maggior numero di vittorie (21) e per il maggior numero di finalizzazioni (15) e ottenendo il riconoscimento Performance of the Night. Il 19 gennaio 2019 ritorna a combattere nei pesi leggeri e si impone per KO tecnico su Alexander Hernandez, fissando così i nuovi record UFC per numero di finalizzazioni, vittorie e riconoscimenti post-combattimento.

Il 4 maggio batte per decisione unanime l'ex contendente al titolo dei pesi leggeri Al Iaquinta, ottenendo un altro riconoscimento Fight of the Night; la sua striscia positiva si interrompe l'8 giugno contro Tony Ferguson, da cui viene battuto per KO tecnico dovuto allo stop dei medici. Entrambi ricevono il riconoscimento Fight of the Night.

Risultati nelle arti marziali misteModifica

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Sconfitta 36-12 (1)   Tony Ferguson KO tecnico (stop medico) UFC 238: Cejudo vs. Moraes 8 giugno 2019 2 5:00   Chicago, Stati Uniti Fight of the Night
Vittoria 36-11 (1)   Al Iaquinta Decisione (unanime) UFC Fight Night: Iaquinta vs. Cowboy 4 maggio 2019 5 5:00   Ottawa, Canada Fight of the Night
Vittoria 35-11 (1)   Alexander Hernandez KO tecnico (calcio alla testa e pugni) UFC Fight Night: Cejudo vs. Dillashaw 19 gennaio 2019 2 3:43   New York, Stati Uniti Performance of the Night, Fight of the Night
Vittoria 34-11 (1)   Mike Perry Sottomissione (armbar) UFC Fight Night: Korean Zombie vs. Rodriguez 10 novembre 2018 1 4:46   Denver, Stati Uniti Performance of the Night
Sconfitta 33-11 (1)   Leon Edwards Decisione (unanime) UFC Fight Night: Cowboy vs. Edwards 23 giugno 2018 5 5:00   Kallang, Singapore
Vittoria 33-10 (1)   Yancy Medeiros TKO (pugni) UFC Fight Night: Cowboy vs. Medeiros 18 febbraio 2018 1 4:58   Austin, Stati Uniti
Sconfitta 32-10 (1)   Darren Till KO tecnico (pugni) UFC Fight Night: Cerrone vs. Till 21 ottobre 2017 1 4:20   Danzica, Polonia
Sconfitta 32-9 (1)   Robbie Lawler Decisione (unanime) UFC 214: Cormier vs. Jones 2 29 luglio 2017 3 5:00   Anaheim, Stati Uniti
Sconfitta 32-8 (1)   Jorge Masvidal KO Tecnico (pugni) UFC on Fox: Shevchenko vs. Peña 28 gennaio 2017 2 1:00   Denver, Stati Uniti
Vittoria 32-7 (1)   Matt Brown KO (calcio alla testa) UFC 206: Holloway vs. Pettis 10 dicembre 2016 3 0:44   Toronto, Canada
Vittoria 31-7 (1)   Rick Story KO Tecnico (calcio alla testa e pugni) UFC 202: Diaz vs. McGregor 2 20 agosto 2016 2 2:02   Las Vegas, Stati Uniti Performance of the Night
Vittoria 30-7 (1)   Patrick Côté KO Tecnico (pugni) UFC Fight Night: MacDonald vs. Thompson 18 giugno 2016 3 2:35   Ottawa, Canada Performance of the Night
Vittoria 29-7 (1)   Alex Oliveira Sottomissione (strangolamento a triangolo) UFC Fight Night: Cowboy vs. Cowboy 21 febbraio 2016 1 2:33   Pittsburgh, Stati Uniti Passa ai pesi welter, Performance of the Night
Sconfitta 28-7 (1)   Rafael dos Anjos KO Tecnico (ginocchiata al corpo e pugni) UFC on Fox: dos Anjos vs. Cerrone 2 19 dicembre 2015 1 1:06   Orlando, Stati Uniti Per il titolo dei pesi leggeri UFC
Vittoria 28-6 (1)   John Makdessi KO Tecnico (ritiro) UFC 187: Jones vs. Johnson 23 maggio 2015 2 4:44   Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 27-6 (1)   Ben Henderson Decisione (unanime) UFC Fight Night: McGregor vs. Siver 18 gennaio 2015 3 5:00   Boston, Stati Uniti
Vittoria 26-6 (1)   Myles Jury Decisione (unanime) UFC 182: Jones vs. Cormier 3 gennaio 2015 3 5:00   Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 25-6 (1)   Eddie Alvarez Decisione (unanime) UFC 178: Johnson vs Cariaso 27 settembre 2014 3 5:00   Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 24-6 (1)   Jim Miller KO (calcio alla testa e pugni) UFC Fight Night: Cerrone vs. Miller 16 luglio 2014 2 3:31   Atlantic City, Stati Uniti
Vittoria 23-6 (1)   Edson Barboza Sottomissione (rear naked choke) UFC on Fox: Werdum vs. Browne 19 aprile 2014 1 3:15   Orlando, Stati Uniti
Vittoria 22-6 (1)   Adriano Martins KO (calcio alla testa) UFC on Fox: Henderson vs. Thomson 25 gennaio 2014 1 4:40   Chicago, Stati Uniti
Vittoria 21-6 (1)   Evan Dunham Sottomissione (triangolo) UFC 167: St-Pierre vs. Hendricks 16 novembre 2013 2 3:49   Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 20-6 (1)   Rafael dos Anjos Decisione (unanime) UFC Fight Night: Condit vs. Kampmann 2 28 agosto 2013 3 5:00   Indianapolis, Stati Uniti
Vittoria 20-5 (1)   KJ Noons Decisione (unanime) UFC 160: Velasquez vs. Bigfoot 2 25 maggio 2013 3 5:00   Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 19-5 (1)   Anthony Pettis KO (calcio al corpo e pugni) UFC on Fox: Johnson vs. Dodson 26 gennaio 2013 1 2:35   Chicago, Stati Uniti
Vittoria 19-4 (1)   Melvin Guillard KO (calcio alla testa e pugno) UFC 150: Henderson vs. Edgar II 11 agosto 2012 1 1:16   Denver, Stati Uniti
Vittoria 18-4 (1)   Jeremy Stephens Decisione (unanime) UFC on Fuel TV: Korean Zombie vs. Poirier 15 maggio 2012 3 5:00   Fairfax, Stati Uniti
Sconfitta 17–4 (1)   Nate Diaz Decisione (unanime) UFC 141: Lesnar vs Overeem 30 dicembre 2011 3 5:00   Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 17–3 (1)   Dennis Siver Sottomissione (rear naked choke) UFC 137: Penn vs. Diaz 29 ottobre 2011 1 2:22   Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 16–3 (1)   Charles Oliveira KO Tecnico (pugni) UFC Live: Hardy vs. Lytle 14 agosto 2011 1 3:01   Milwaukee, Stati Uniti
Vittoria 15–3 (1)   Vagner Rocha Decisione (unanime) UFC 131: Dos Santos vs. Carwin 11 giugno 2011 3 5:00   Vancouver, Canada
Vittoria 14–3 (1)   Paul Kelly Sottomissione (rear naked choke) UFC 126: Silva vs. Belfort 5 febbraio 2011 2 3:48   Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 13–3 (1)   Chris Horodecki Sottomissione (triangolo) WEC 53: Henderson vs. Pettis 16 dicembre 2010 2 2:43   Glendale, Stati Uniti
Vittoria 12–3 (1)   Jamie Varner Decisione (unanime) WEC 51: Aldo vs. Gamburyan 30 settembre 2010 3 5:00   Broomfield, Stati Uniti
Sconfitta 11–3 (1)   Ben Henderson Sottomissione (ghigliottina) WEC 48: Aldo vs. Faber 24 aprile 2010 1 1:57   Sacramento, Stati Uniti Per il titolo dei pesi leggeri WEC
Vittoria 11–2 (1)   Ed Ratcliff Sottomissione (rear naked choke) WEC 45: Cerrone vs. Ratcliff 19 dicembre 2009 3 3:47   Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 10–2 (1)   Ben Henderson Decisione (unanime) WEC 43: Cerrone vs. Henderson 10 ottobre 2009 5 5:00   San Antonio, Stati Uniti Per il titolo dei pesi leggeri WEC ad interim
Vittoria 10–1 (1)   James Krause Sottomissione (rear naked choke) WEC 41: Brown vs. Faber 2 7 giugno 2009 1 4:38   Sacramento, Stati Uniti
Sconfitta 9–1 (1)   Jamie Varner Decisione (non unanime) WEC 38: Varner vs. Cerrone 25 gennaio 2009 5 3:10   San Diego, Stati Uniti Per il titolo dei pesi leggeri WEC
Vittoria 9–0 (1)   Rob McCullough Decisione (unanime) WEC 36: Faber vs. Brown 5 novembre 2008 3 5:00   Hollywood, Stati Uniti
Vittoria 8–0 (1)   Danny Castillo Sottomissione (armbar) WEC 34: Faber vs. Pulver 1º giugno 2008 1 1:30   Sacramento, Stati Uniti
No Contest 7–0 (1)   Kenneth Alexander No Contest (doping) WEC 30: McCullough vs. Crunkilton 5 settembre 2007 1 0:56   Las Vegas, Stati Uniti Debutto in WEC
Vittoria 7–0   Yasunori Kanehara Sottomissione (triangolo) GCM: Cage Force 3 9 giugno 2007 2 2:46   Tokyo, Giappone
Vittoria 6–0   Anthony Njokuani Sottomissione (triangolo) ROF 29: Aftershock 28 aprile 2007 1 4:30   Broomfield, Stati Uniti
Vittoria 5–0   Ryan Roberts Sottomissione (armbar) ROF 28: Evolution 16 febbraio 2007 1 1:49   Broomfield, Stati Uniti
Vittoria 4–0   Jesse Brock Sottomissione (triangolo) ROF 26: Relentless 9 settembre 2006 1 1:35   Castle Rock, Stati Uniti
Vittoria 3–0   Craig Tennant Sottomissione (armbar) ROF 24: Integrity 17 giugno 2006 1 1:26   Castle Rock, Stati Uniti
Vittoria 2–0   Cruz Chacon Sottomissione (triangolo) ACF: Genesis 24 febbraio 2006 2 2:25   Denver, Stati Uniti
Vittoria 1–0   Nate Mohr Sottomissione (triangolo) ROF 21: Full Blast 11 febbraio 2006 1 1:42   Castle Rock, Stati Uniti

FilmografiaModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica