Donkey Kong Jr. Math

videogioco del 1983
Donkey Kong Jr. Math
videogioco
DKJrMathESCover.jpg
Copertina della versione spagnola del gioco
Titolo originaleドンキーコングJR.の算数遊び Donkī Kongu JR. no Sansū Asobi?
PiattaformaNES
Data di pubblicazioneNES :
Giappone 12 dicembre 1983
Flag of the United States.svg 18 ottobre 1985
Flag of Europe.svg 1986
Wii (Virtual Console):
Giappone 27 marzo 2007
Flag of the United States.svg 20 aprile 2007
Flag of Europe.svg 3 settembre 2007
GenereEducativo, piattaforme
TemaMatematica
OrigineGiappone
SviluppoNintendo R&D2
PubblicazioneNintendo
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
SupportoCartuccia
Distribuzione digitaleVirtual Console

Donkey Kong Jr. Math (ドンキーコングJR.の算数遊び Donkī Kongu JR. no Sansū Asobi?) è un videogioco educativo pubblicato da Nintendo per NES. È stato pubblicato nel 1983 in Giappone e nel 1985 in Nord America, come uno dei 18 titoli di lancio della console. In Europa è giunto l'anno successivo[1]. In Giappone fu anche distribuito insieme a Donkey Kong Jr. in un'unica cartuccia (chiamata Donkey Kong Jr. + Jr. Math Lesson) insieme al C1 NES TV[2]; questa cartuccia venne poi venduta separatamente dall'agosto 1995[2]. Nel 2007 è stato distribuito tramite Virtual Console[3].

È presente in Animal Crossing, come uno dei numerosi mini-giochi[4].

Modalità di giocoModifica

Il personaggio controllato è Donkey Kong Jr.. Donkey Kong compare nella parte alta dello schermo reggendo un cartello con su scritto un numero, che il giocatore deve comporre raccogliendo due o più numeri e il simbolo matematico adatto per compiere addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. La meccanica di gioco è molto simile a quella di Donkey Kong Jr.: i numeri sono infatti appesi a delle liane, e bisogna arrampicarsi per poterli raggiungere[5].

Il gioco comprende due modalità, una a giocatore singolo e una a due giocatori, entrambe da giocarsi nella medesima schermata fissa.

La modalità due giocatori è suddivisa in due livelli di difficoltà, chiamati "CALCULATE A" e "CALCULATE B". Il primo è semplice, mentre il secondo è il livello più alto, con numeri negativi. Il secondo giocatore controlla un altro Donkey Kong Jr. con una diversa tavolozza di colori, che cambia la sua pelle da marrone a rosa.

AccoglienzaModifica

Fin dalla sua pubblicazione, Donkey Kong Jr. Math ha ricevuto critiche fortemente negative, tra i titoli di lancio del NES è il più grande insuccesso in termini di vendite[6].

Tom Sarris, portavoce di Nintendo, confermò lo scarso successo del gioco, aggiungendo che nessuno ne era veramente entusiasta; sentiva che se fosse stato più ben accolto, avrebbe portato più titoli educativi alla serie di Donkey Kong.

Andy Slaven criticò l'idea stessa del gioco, deridendo Nintendo per aver unito un ottimo gioco, con la matematica: generalmente poco apprezzata dai bambini[7]. Inside Higher Ed non lo trovò divertente[6], mentre 1UP.com lo definì il peggior titolo di lancio per NES, criticando la sua mancanza di valori, e comparando i movimenti di Donkey Kong Jr. a quelli di un infante[8]. Al contrario, Allgame disse che fu un uso creativo della grafica e del gameplay di Donkey Kong Jr.[5]. IGN invece, definì i controlli scarsi e imperfetti[9], e che il gioco fosse «troppo costoso anche se fosse stato gratis»[10]; includendo il gioco nella sua lista dei peggiori giochi messi in commercio su Virtual Console.[11] Infine, GameSpot affermò che il gioco dava noia rapidamente e criticò i problemi matematici, troppo facili per i giocatori più giovani e troppo noiosi per quelli più anziani.

Donkey Kong Jr. Math ricevette critiche anche per i suoi contenuti educativi. Elizabeth Sweedyk disse che sebbene realistico come gioco educativo, comunque non divertente[6]. 1UP disse che non dovrebbe essere giudicato come un gioco educativo, soprattutto se comparato a The Oregon Trail e Where in the World Is Carmen Sandiego?[12]. Ars Technica lo paragonò ad altri titoli educativi, chiamandolo "no-Brain Age"[13]. Traci Lawson, sviluppatrice di videogiochi educativi, si chiese se Bookworm fosse stato ben accolto dai giocatori quando erano bambini; sentì che sarebbero stati intimiditi da esso, comparando questo a come si sentì giocando a Donkey Kong Jr. Math[14].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Donkey Kong Jr. Math Release Information for NES, su GameFAQs. URL consultato il 12 novembre 2021.
  2. ^ a b (JA) NEWSCLUB Premium Goods プレミアム グッズ - プレミア付、ってだけで興味あるでしょ? : 金では売れん自慢の一品. Famicom Tsūshin. No.347. Pg.179. 11 August 1995.
  3. ^ (EN) Donkey Kong Jr. Math Release Information for NES, su GameFAQs. URL consultato il 12 novembre 2021.
  4. ^ (EN) Donkey Kong Jr. Math (GameCube Download), su GameSpy (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2011).
  5. ^ a b (EN) Scott Alan Marriott, Donkey Kong Jr. Math, su AllGame (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2014).
  6. ^ a b c (EN) David Epstein, Joystick Nation, su InsideHigherEd, 26 ottobre 2005 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2015).
  7. ^ (EN) Andy Slaven, Video Game Bible, 1985-2002, Trafford Publishing, 2004, p. 102.
  8. ^ (EN) Bob Mackey, Launch Failure, su 1UP.com (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2009).
  9. ^ (EN) Donkey Kong Jr. Math Review, su IGN. URL consultato il 15 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2007).
  10. ^ (EN) Virtual Console AU Buyer's Guide - Part 4, su IGN. URL consultato il 15 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2010).
  11. ^ (EN) The Worst Games on Virtual Console: Part 1, su IGN. URL consultato il 15 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2010).
  12. ^ (EN) Retro Roundup: 1st Anniversary Edition - Sonic, Zonk, Wrecking Crew, su 1UP.com (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2012).
  13. ^ (EN) Frank Caron, Virtual Console Monday (9-03-07): a labor day foursome, su Ars Technica, 3 settembre 2007. URL consultato il 12 novembre 2021.
  14. ^ (EN) Daniel Johnson, Analysis: The Fun Of Language Development with Bookworm Adventures, su Gamasutra, 25 agosto 2009. URL consultato il 12 novembre 2021.

Collegamenti esterniModifica