Donne nelle guerre del Medioevo

Le donne nelle guerre del Medioevo hanno svolto ed interpretato una gran varietà di ruoli.

Una donna in armi, tratta da un manoscritto medioevale del XIV secolo.

CronologiaModifica

V secoloModifica

  • 451: Santa Genoveffa di Parigi è accreditata per aver scongiurato il pericolo rappresentato dall'invasione degli Unni di Attila; da Parigi chiamò a raccolta la gente in preghiera e li indusse a resistere all'assalto dei barbari[1].

VI secoloModifica

  • È stata rinvenuta la tomba di una donna anglosassone sepolta armata con un coltello ed uno scudo a Lincolnshire, in Inghilterra[2].
  • 589[3]: l'ex principessa reale Basina, figlia di Chilperico I, divenuta suora assieme alla cugina Clotilda, si ribellò contro la badessa del proprio monastero (accusata di eccessivo rigore) e prese il potere nella città di Poitiers dopo aver armato ed essersi messa a capo di un esercito di banditi e suore rinnegate[4].

VII secoloModifica

  • Vita di Mo Chua, fondatrice del monastero di Balla in Irlanda. Nel racconto della sua esistenza viene descritta anche la conversione, per merito suo, di due pericolose e violente "amazzoni" (donne guerriere) di nome Bee e Lithben[5].
  • Khawla bint al-Azwar - donna di primo piano durante la vita del profeta islamico Maometto - partecipò attivamente in combattimento durante la battaglia di Adnajin travestita da maschio assieme a parecchie altre donne; prese il comando dell'esercito dei Rashidun per condurlo alla battaglia dello Yarmuk contro l'impero bizantino. Nel corso della lotta venne quasi sopraffatta da un soldato avversario quando una delle sue compagne, di nome Wafayra, gli portò aiuto decapitando il nemico greco-bizantino con un solo colpo. Questo atto intrepido rafforzò gli animi degli arabi i quali riuscirono così a vincere[6].
  • La principessa cinese Pingyang, figlia del fondatore della dinastia Tang, aiutò in armi il padre a rovesciare la precedente dinastia Sui organizzando un esercito tutto al femminile[7].
 
Statua eretta in onore della regina berbera Kahina a Khenchela in Algeria.
  • La regina Kahina, leader religioso e militare dei berberi, guidò la resistenza indigena contro l'espansione arabo-islamica in Numidia e la Conquista omayyade del Nord Africa[8].
  • Ghazāla al-Harūriyya[9], moglie del fondatore di una setta del kharigismo musulmano, condusse le truppe in battaglia[10].
  • 624: Hind bint 'Utba, donna araba appartenente alla tribù dei Quraysh, condusse il suo popolo contro gli uomini di Maometto nella battaglia di Badr ove il padre. lo zio ed il fratello rimasero uccisi sul campo[11].
  • 625: Hind bint 'Utba è tra le quindici donne che accompagnano le truppe in una battaglia nei pressi di Medina, cantando canzoni ispirate a gesta guerriere. Esulterà sopra il corpo esanime dell'uomo che gli aveva ucciso il padre, strappandogli il fegato, la pelle e le unghie[12].
  • 625: Umm 'Umara Nusayba combatte nella battaglia di Uhud in nome del Profeta dopo la sua conversione all'Islam[13]. Anche Hamna bint Jahsh partecipò alla stessa battaglia in veste di aiutante, fornendo acqua ai bisognosi e soccorrendo i feriti[14]. Rumaysa bint Milhan entrò in battaglia portando un pugnale nascosto tra le pieghe del vestito ed aiutando i feriti; tentò anche di difendere lo stesso Maometto quando la maggior parte dell'esercito nemico si era rivolto contro di lui[15].
  • 627: Rufaida Al-Aslamia, prima vera e propria infermiera musulmana, salva i feriti più gravi durante la battaglia del Fossato. Anche Rumaysa bint Milhan partecipò ai combattimenti; quando il Profeta gli chiese che cosa stesse facendo col pugnale che aveva in mano, rispose che aveva intenzione di usarlo per combattere i disertori[15].
  • 632: La profetessa Sajah, contemporanea di Maometto, guidò un esercito composto da 4 mila uomini contro la città di Medina dopo la morte del Profeta, ma fermò l'attacco dopo aver saputo della sconfitta di Tulayha[16].
  • 634: Umm Hakim riuscì da sola a sconfiggere sette soldati bizantini, armata solo di un grosso e lungo bastone, durante la battaglia di Marj al-Saffar[17].
  • 656: Aisha, vedova di Maometto, guida le truppe nella battaglia del Cammello, ove verrà sconfitta[18].
 
La donna guerriera vichinga Lagertha.

VIII secoloModifica

IX secoloModifica

 
La regina Emma di Baviera.
 
Statua dedicata alla sovrana Ethelfleda.

X secoloModifica

  • 912–22: Ethelfleda è sovrana del regno di Mercia; comandò eserciti, fece innalzare città fortificate e sconfisse i danesi in battaglia. Riuscì anche a sconfiggere i gallesi costringendoli a renderle omaggio e a pagarle un tributo[26].
  • 934: la regina Emma di Francia fu un'attiva leader militare; morirà durante una campagna militare in cui aiutava il proprio sposo contro un gruppo di vassalli ribelli.
  • 968: Olga di Kiev difese attivamente e con determinazione la propria città durante l'assedio di Kiev da parte dei Peceneghi.
  • 971: Svjatoslav I di Kiev attacca l'impero bizantino nei suoi territori bulgari. Quando i Variaghi furono sconfitti nell'assedio di Dorostolon, i vincitori rimasero assai colpiti nello scoprire molte Skjaldmær tra i guerrieri caduti[27].
  • 975: Adelaide d'Angiò, agendo per i suoi figli Guy e Bertrand, portò rinforzi guidando un esercito con l'intento di ristabilire la pace a Le Puy-en-Velay, per favorire una Tregua di Dio[28].
  • 975: Elvira Ramírez assieme al nipote guida l'esercito leonese nell'assedio della moresca Gormaz.
  • 986: la vedova reggente Kitai, l'imperatrice Xiao Yanyan della dinastia Liao, assunse il potere trentenne nel 982. Quattro anni dopo condusse personalmente il proprio esercito contro la dinastia Song e li sconfisse in battaglia, costringendo l'esercito avversario ad una precipitosa ritirata[29][30][31][32][33]. Ordinò poi la castrazione di un centinaio di ragazzi di etnia cinese Han che erano stati catturati, integrando in tal modo la fornitura di eunuchi atti a servire alla sua corte, tra i quali vi era Wang Ji'en (futuro generale militare). I ragazzi erano tutti sotto i dieci anni e vennero selezionati per il loro bell'aspetto[34][35][36][37]. La "Storia di Liao" descrive e loda a tal proposito la cattura e la castrazione di massa dei ragazzi cinesi all'interno della biografia dedicata a Wang Ji'en[38][39][40][41][42][43][44][45][46][47][48].
  • Fine X secolo: ribellione della regina falascia Gudit contro il regno di Axum in Etiopia[49].

XI secoloModifica

 
Florine di Borgogna in un'incisione di Gustave Doré.
  • 1097: Florine di Borgogna partecipò alla prima crociata con il coniuge, cadendo in combattimento al suo fianco, mentre il suo esercito fu attaccato e distrutto in Anatolia[57].

XII secoloModifica

XIII secoloModifica

  • 1201: la donna giapponese Hangaku Gozen difese un forte come arciere fino a quando non fu ella stessa uccisa da una freccia[69].
  • 1221: una delle figlie di Gengis Khan, khagan dell'impero mongolo, fece massacrare gli abitanti di Nishapur per vendicare la morte del marito rimasto ucciso in battaglia.
  • 1230: la reggente di Francia Bianca di Castiglia organizzò e guidò personalmente l'esercito francese per sottomettere la ribelle Bretagna.
  • 1236–1239: regno di Raziya al-Din, detta "la Sultana"[70]; condusse regolarmente le proprie truppe in battaglia[71].
  • 1236–1294: guerrieri femminili parteciparono regolarmente alle campagne dei mongoli.
  • 1258: Doquz Khatun, principessa turca dei kereiti sposata col sovrano mongolo Hulagu Khan, accompagnò il marito nelle sue campagne militari di conquista. Durante il sacco di Baghdad nel 1258 i mongoli massacrarono decine di migliaia di abitanti ma, per ordine esplicito di Doquz, i cristiani vennero risparmiati[72].
 
La regina indiana Rudrama Devi.

XIV secoloModifica

  • Urduja, principessa filippina, prese parte a diverse battaglie; molti storici però ritengono invece trattarsi di un personaggio mitico[81].
  • Giovanna di Fiandra condusse le proprie truppe in battaglia; tra i suoi antagonisti maggiori vi fu Giovanna di Penthièvre, la duchessa di Bretagna.
  • 1326: Isabella di Francia invase l'Inghilterra assieme a Ruggero Mortimer, I conte di March e rovesciò il legittimo sovrano Edoardo II d'Inghilterra, sostituendolo con il figlio Edoardo III d'Inghilterra, mentre lei e de Mortimer si assusnsero il ruolo di reggenti[82].
  • 1331: la monarca giavanese dell'impero Majapahit, Tribhuwana Wijayatunggadewi, condusse il proprio esercito in armi per schiacciare una ribellione scoppiata nelle zone di Sadeng e Keta.
  • 1334: Agnes Randolph difese con successo il suo castello contro un assedio da parte del conte di Salisbury d'Inghilterra.
  • 1335: durante la seconda guerra d'indipendenza scozzese Christina Bruce si pose al comando del presidio al castello di Kildrummy e volse con successo contro le forze guidate da David III Strathbogie favorevoli alla casa di Balliol.
  • 1335: Gli scozzesi sconfiggono una forza militare guidata dal conte di Namur. Tra le vittime del conte vi era anche un lanciere femminile che aveva ucciso il suo avversario, Richard Shaw, nello stesso momento in cui lui l'aveva uccisa. Il suo genere è stata scoperto solo quando i corpi venivano spogliati delle armature alla fine della battaglia. "Il cronista Bower sembra essere stato almeno altrettanto impressionato dalla rarità di due soldati a cavallo che si trafissero contemporaneamente l'un l'altro con le loro lance come per il fatto che uno di loro era una donna"[83].
  • 1338: Agnes Randolph, contessa di Dunbar e March, difese la fortezza di Dunbar in Scozia contro l'assedio inglese durato ben cinque mesi.
  • 1341: Anna di Trebisonda marcia alla testa di un esercito per assumere il trono di Trebisonda.
  • 1342 : Giovanna di Fiandra conquista la città di Redon e difende Hennebont durante la guerra di successione bretone.
  • 1347: Filippa di Hainaut convince il marito di non colpire i borghesi di Calais che aveva appena sconfitto[84].
  • 1351–63: Han E serve come soldato dell'esercito cinese nei panni di un uomo con il nome di Han Guanbao, ed è promossa a tenente[85].
  • 1351–1357: Cia Ordelaffi, nata Marzia degli Ubaldini aiutò Lodovico Ordelaffi durante la battaglia di Dovadola nel conflitto tra Guelfi e Ghibellini. Nel 1357 prese parte alla difesa di Cesena durante la crociata contro i Forlivesi indotta da papa Innocenzo VI.[86]
  • 1354: Ibn Battuta riferisce di aver veduto donne guerriere nel sudest asiatico[87].
  • 1358: Richardis, duchessa di Schleswig, difese il castello di Sønderborg contro Valdemaro IV di Danimarca[88].
  • 1364–1405: Tamerlano utilizzò arcieri femminili per difendere i bagagli delle carovane[87].
  • 1387: la regina Edvige di Polonia condusse due campagne militare.
  • 1389: la reggente di stirpe frisone Foelke Kampana condusse gli eserciti ad assistere il coniuge Ocko Kenisna tom Brok - padrone di una vasta area intorno alla città di Aurich -; dopo aver trovato il territorio conquistato dal nemico durante la sua assenza, se lo riprende con la forza militare[89].
  • 1392: Maria di Sicilia conquistò l'isola sconfiggendo i baroni ribelli in qualità di capo di un esercito a fianco del consorte.
  • 1398: Ram Pyari Gurjar fu un comandante di sesso femminile che ebbe a combattere contro Tamerlano, quando questi invase le regioni della pianura indo-gangetica da Haridwar all'antica Delhi.

XV secoloModifica

NoteModifica

  1. ^ Hayward, John, The Book of Religions: Comprising the Views, Creeds, Sentiments, Or Opinions of all the Principal Sects in the World, Particularly of All Christian Denominations in Europe and America to which are added Church and Missionary Statistics together with Biographical Sketches, Boston: Sanborn, Carter, Bazin and Company, 1857, p. 428.
  2. ^ South Carlton Lincolnshire, 25 January 2004: Saxon Burials on the Ridge from channel.4.com, su channel4.com. URL consultato il 7 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2008).
  3. ^ People, Personal Expression, and Social Relations in Late Antiquity, Volume 1, Ralph W. Mathisen University of Michigan Press, 2003 - Foreign Language Study. p.234
  4. ^ Tours Gregory of, Chapter 15, in Historia Francorum, Book X.
  5. ^ *(EN) Sidney Lee (a cura di), {{{display}}}, in Dictionary of National Biography, vol. 38, Londra, Smith, Elder & Co, 1894.
  6. ^ Hale, Sarah Josepha Buell, Woman's Record: Or, Sketches of All Distinguished Women, from "The Beginning Till A.D. 1850, Arranged in Four Eras, with Selections from Female Writers of Every Age, Harper Brothers, 1853, p. 120.
  7. ^ Barbara Bennett, editor in chief Peterson, He Hong Fei, Wang Jiu, Han Tie, Zhang Guangyu e Associate editors, Notable Women of China: Shang Dynasty to the Early Twentieth Century, M.E. Sharpe Inc., New York, 2000, p. 177, ISBN 978-0-7656-0504-7.
  8. ^ Hannoum, Abdelmajid, Post-Colonial Memories: The Legend of the Kahina, a North African Heroine (Studies in African Literature), 2001, ISBN 978-0-325-00253-8.
  9. ^ For God's Sake By Jane Caro, Antony Loewenstein, Simon Smart, Rachel Woodlock
  10. ^ Leila Ahmed, Women and Gender in Islam: Historical Roots of a Modern Debate (Yale University Press, 1992) p.71
  11. ^ Olsen, Kirstin, Chronology of women's history, Greenwood Publishing Group, 1994, p. 31, ISBN 978-0-313-28803-6.
  12. ^ Olsen, p. 31
  13. ^ Girl Power Archiviato il 15 gennaio 2016 in Internet Archive.. ABC News. Template:WebCite
  14. ^ Role of Muslim woman in society, Afzal-ur-Rahman Seerah Foundation, 1986, p.74
  15. ^ a b Prophet Muhammad And His Companions. URL consultato il 16 luglio 2013.
  16. ^ Historical Dictionary of Women in the Middle East and North Africa By Ghada Talhami, p.287
  17. ^ Women and Gender in Islam: Historical Roots of a Modern Debate. URL consultato il 16 luglio 2013.
  18. ^ Edwin Black, Banking on Baghdad: Inside Iraq's 7,000 Year History of War, Profit, and Conflict, John Wiley and Sons, 2004, p. 34, ISBN 978-0-471-70895-7.
  19. ^ Otté, Elise C., Scandinavian History, Macmillan & co., 1874, p. 28.
  20. ^ Macculloch, J.A., The Celtic and Scandinavian Religions, Cosimo, Inc., 2005, p. 125, ISBN 978-1-59605-416-5.
  21. ^ Lindquist, Herman, Historien om Sverige ("History of Sweden"), Book (In Swedish).
  22. ^ Mike Ashley, The Mammoth Book of British Kings and Queens, London, Robinson Publishing, 1998, p. 309.
  23. ^ Golden, Peter, Khazar Studies: An Historio-Philological Inquiry into the Origins of the Khazars, Budapest: Akademia Kiado, 1980.
  24. ^ Regan, Geoffrey, The Brassey's book of military blunders, Brassey's Inc, Dulles, Virginia, 2000, pp. 68, ISBN 1-57488-252-X.
  25. ^ Bury,J.B., Cambridge Medieval History, Macmillan, 1922. Vol. III, p. 58; Blair, John e J. Willoughby Rosse, Blair's Chronological Tables, Revised and Enlarged: Comprehending the Chronology and History of the World from the Earliest Times to the Russian Treaty of Peace, April 1856, H.G. Bohn, York Street, Convent Garden, London, 1856, p. 300.
  26. ^ King, William C., Woman; Her Position, Influence, and Achievement Throughout the Civilized World. Her Biography and History, The King-Richardson co., Springfield, Massachusetts, 1902, p. 177.
  27. ^ Harrison, D. & Svensson, K. (2007). Vikingaliv. Fälth & Hässler, Värnamo. ISBN 978-91-27-35725-9. p. 71
  28. ^ Jerome Kroll, Bernard S. Bachrach, Medieval Dynastic Decisions: Evolutionary Biology and Historical Explanation, The Journal of Interdisciplinary History,, Vol. 21, No. 1 (Summer, 1990), p. 9
  29. ^ Peterson(2000), 259.. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  30. ^ Derven(2000), 199.. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  31. ^ Bauer(2010), 569.. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  32. ^ Wang(2013).. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  33. ^ Keay(2010).. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  34. ^ McMahon(2013), 261.. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  35. ^ McMahon(2013), 269.. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  36. ^ *The EUNUCHS AND SINICIZATION IN THE NON-HAN CONQUEST DYNASTIES OF CHINA Archiviato il 5 settembre 2013 in Archive.is.
  37. ^ Tuotuo 1974, pp.109.1480-82 (or Liaoshi, 109.1480-82)
  38. ^ 国学导航-遼史 (遼史卷一百0九 列傳第三十九), su guoxue123.com. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2014).
  39. ^ guji.artx.cn, 中国古籍全录 (卷一百一 列传第三十九), su guji.artx.cn. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  40. ^ 梦远书城 > 辽史 > (卷一百一 列传第三十九), su my285.com. URL consultato il 10 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2013).
  41. ^ 遼史 卷七一至一百十五 (列傳 第一至四五) (遼 史 卷 一 百 九) (列 傳 第 三 十 九)(伶 官) Archiviato il 12 ottobre 2013 in Internet Archive.
  42. ^ 辽史-卷一百九列传第三十九 - 文学100, su wenxue100.com. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2014).
  43. ^ 《辽史》作者:脱脱_第115页_全文在线阅读_思兔 - 思兔阅读, su book.sto.cc. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2014).
  44. ^ 王继恩传_白话二十四史 - 中学生读书网 (当前位置:中学生读书网 >> 白话二十四史)
  45. ^ 王继恩_英语例句-英文例子-在线翻译_栗子搜!([例句2] 来源:王继恩), su liziso.com. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2014).
  46. ^ 白话辽史-王继恩传 - 文学100, su wenxue100.com. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2018).
  47. ^ 王继恩传, su yw.eywedu.com. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  48. ^ (ZH) 脫脫 (Tuotuo), 遼史/卷109 列傳第39: 伶官 宦官 (History of Liao), 維基文庫 (Chinese Wikisource). URL consultato il 5 settembre 2013.
  49. ^ Kessler, David, The Falashas: A Short History of the Ethiopian Jews, Routledge, 1996, p. 79, ISBN 978-0-7146-4646-6.
  50. ^ Dan L. Thrapp, Encyclopedia of Frontier Biography: In Three Volumes, University of Nebraska Press, 1991, p. 521, ISBN 978-0-8032-9418-9.
  51. ^ Campbell, James M e R E Enthoven, Gazetteer of the Bombay Presidency, Volume I, Part II, History of the Konkan Dahkan and Southern Maratha Country, Govt. Central Press, Bombay, India, 1904, p. 435.
  52. ^ De Pauw, Linda Grant, Battle Cries and Lullabies: Women in War from Prehistory to the Present, University of Oklahoma Press, 2000, p. 86, ISBN 978-0-8061-3288-4.
  53. ^ Corinne J. Saunders, Françoise Hazel Marie Le Saux, Neil Thomas, Writing War: Medieval Literary Responses to Warfare, DS Brewer, 2004, p. 190, ISBN 978-0-85991-843-5.
  54. ^ Williams, Henry Smith, The Historians' History of the World, Hooper & Jackson, 1908, p. 611.
  55. ^ https://en.wikisource.org/wiki/Catholic_Encyclopedia_%281913%29/Matilda_of_Canossa
  56. ^ Edgington, Susan e Sarah Lambert, Gendering the Crusades, Columbia University Press, 2002, pp. 53–54, ISBN 978-0-231-12598-7.
  57. ^ Histoire des l'Académie Royale des Inscriptions et Belles Letres, Paris, 1736, t.IX, p.196.
  58. ^ Stephens, H. Morse, The Story of the Nations: Portugal, New York, G.P Putnam's Sons, London, T. Fisher Unwin, 1891, p. 29.
  59. ^ Jinhua Dai, JingWang e Tani E. Barlow, Cinema and Desire: Feminist Marxism and Cultural Politics in the Work of Dai Jinhua, Verso, 2002, p. 147, ISBN 978-1-85984-264-5.
  60. ^ Lloyd, Sir John E., A History of Carmarthenshire, Pub. Caerdydd, 1935, p. 140.
  61. ^ Marjorie Chibnall, « Matilda (1102–1167) », Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004.
  62. ^ Sonia Weiss, Lorna Biddle Rinear e Contributor Adriana Leshko, The Complete Idiot's Guide to Women's History, Alpha Books, 2002, p. 87, ISBN 978-0-02-864201-7.
  63. ^ Eric Chronicles
  64. ^ Shek Ali, Dr. B., ed., The Hoysala Dynasty, Mysore, 1977.
  65. ^ Derrett, J. D. M., The Hoysalas, London, 1957.
  66. ^ William E. Deal, Handbook to Life in Medieval and Early Modern Japan, Oxford University Press, US, 2007, p. 48, ISBN 978-0-19-533126-4.
  67. ^ Jones, 1997, pp=37–38
  68. ^ Wilkinson, Linda (2007) Women in Thirteenth-Century Lincolnshire, Woodbridge: Royal Historical Society, Boydell Press; chapter 1. ISBN 0-86193-285-4 http://books.google.com/books?id=j5fKdA6BqNYC&pg=PA2&dq=Women+in+Thirteenth-Century+Lincolnshire&hl=en&sa=X&ei=ekgxVKCVPJCqyASeyoGgDQ&ved=0CB8Q6AEwAA#v=onepage&q=Women%20in%20Thirteenth-Century%20Lincolnshire&f=false
  69. ^ Karl F. Friday, Samurai, Warfare and the State in Early Medieval Japan: a military study, Routledge, 2003, p. 193, ISBN 978-0-415-32962-0.
  70. ^ The Pearson Guide To The Central Police Forces Examination, 2/E By Thorpe, p.3.8, written 2010
  71. ^ History of the Panjáb from the Remotest Antiquity to the Present Time By Muḥammad Laṭīf (Saiyid, khān bahādur.), p.98 Written 1891.
  72. ^ "A history of the Crusades", Steven Runciman, ISBN 978-0-14-013705-7, p.303
  73. ^ Ramusack, Barbara N. e Sharon L. Sievers, Women in Asia: Restoring Women to History, Indiana University Press, 1999, ISBN 978-0-253-21267-2.
  74. ^ Houghton Mifflin Company e Justin Kaplan, The Houghton Mifflin Dictionary of Biography, 2003, p. 487, ISBN 0-618-25210-X.
  75. ^ Sidney James Low e Frederick Sanders Pulling, The Dictionary of English History, Cassell and Company Limited, London, New York, Toronto, and Melbourne, 1910, p. 421.
  76. ^ Paul Williamson, Gothic Sculpture, 1140-1300, Yale University Press, 1998, p. 171, ISBN 0-300-07452-2.
  77. ^ Bachmann, Dieter, I.33, su freywild.ch, 2003. URL consultato il 20 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2010).
  78. ^ Heukelom, Bertha van (?-1322)
  79. ^ Elena Woodacre, The Queens Regnant of Navarre: Succession, Politics, and Partnership, 1274-1512, Palgrave Macmillan, 5 settembre 2013, p. 21, ISBN 978-1-137-33915-7. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  80. ^ Rossabi, Morris, Khubilai Khan: His Life and Times, University of California Press, 1989, pp. 104–105, ISBN 978-0-520-06740-0.
  81. ^ Apeles, Teena, Women Warriors: Adventures from History's Greatest Female Fighters, Seal Press, 2004, p. 65, ISBN 978-1-58005-111-8.
  82. ^ American Heritage Dictionary Editors, The Riverside Dictionary of Biography, Houghton Mifflin Reference Books, 2005, p. 410, ISBN 978-0-618-49337-1.
  83. ^ Brown, Chris, The Second Scottish Wars of Independence., Tempus Publishing., 2006, p. 60, ISBN 978-0-7524-3812-2.
  84. ^ Bradbury, Jim, The Routledge Companion to Medieval Warfare, Routledge, 2004, p. 199, ISBN 978-0-415-22126-9.
  85. ^ Han E - the 'Hua Mulan' of Sichuan Province, Colorq.org. URL consultato il 3 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2007).
  86. ^ Degli Ubaldini, Cia, su parita.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 4 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2016).
  87. ^ a b Svinth, Joseph R., Women's Martial Arts: A Chronological History, 479 BCE-1896 CE., Electronic Journals of Martial Arts and Sciences Guelph School of Japanese Sword Arts, July 2003. URL consultato il 27 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2008).
  88. ^ 86 (Dansk biografisk Lexikon / XIV. Bind. Resen - Saxtrup)
  89. ^ Kampana, Foelke (ca. 1355-1417/1419)
  90. ^ Scorza, Angelo M.G., Le Famiglie Nobili Genovesi, Fratelli Frilli Editori, Genova 2009, ristampa dell'edizione di Genova del 1924, p. 83, ISBN 978-88-7563-460-5.
  91. ^ Davis-Kimball, Jeannine, Warrior Women, An Archaeologist's Search for History's Hidden Heroines, Warner Books Inc., 2002, pp. 226–228, ISBN 978-0-446-52546-6.
  92. ^ Quest for the past, Pleasantville: Reader's Digest Association, 1984, p. 298, ISBN 0-89577-170-5.

BibliografiaModifica

  • De Pauw, Linda Grant. Battle Cries and Lullabies: Women in War from Prehistory to the Present (University of Oklahoma Press, 1998), popular history by a leading scholar
  • Fraser, Antonia. The Warrior Queens (Vintage Books, 1990)
  • Susan Wise Bauer, The History of the Medieval World: From the Conversion of Constantine to the First Crusade, illustrated, W. W. Norton, 2010, ISBN 0-393-07817-5.
  • Blythe, James M. "Women in the Military: Scholastic Arguments and Medieval Images of Female Warriors," History of Political Thought (2001), v.22 pp. 242–69.
  • Edgington, Susan B. and Sarah Lambert, eds. Gendering the Crusades (2002), 13 scholarly articles
  • Hacker, Barton C. "Women and Military Institutions in Early Modern Europe: A Reconnaissance," Signs (1981), v6 pp. 643–71.
  • Hay, David. "Canon Laws Regarding Female Military Commanders up to the Time of Gratian: Some Texts and their Historical Contexts", in A Great Effusion of Blood'? Interpreting Medieval Violence, eds. Mark D. Meyerson, et al. (University of Toronto Press, 2004), pp. 287–313.
  • Hay, David. The Military Leadership of Matilda of Canossa, 1046-1115 (Manchester University Press, 2008).
  • Hingley, Richard, and Unwin, Christina. Boudica: Iron Age Warrior Queen (2006).
  • Illston, James Michael. 'An Entirely Masculine Activity'? Women and War in the High and Late Middle Ages Reconsidered (MA thesis, University of Canterbury, 2009) full text online, with detailed review of the literature
  • Lourie, E. "Black women warriors in the Muslim army besieging Valencia and the Cid's victory: A problem of interpretation," Traditio, 55 (2000), 181–209
  • McLaughlin, Megan. "The Woman Warrior: Gender, Warfare and Society in Medieval Europe," Women's Studies 17 (1990), pp. 193-209.
  • Maier, C.T. "The roles of women in the crusade movement: a survey" Journal of medieval history (2004). 30#1 pp 61-82
  • Nicholson, Helen. "Women on the Third Crusade," Journal of Medieval History 23 (1997), pp. 335-49.
  • Solterer, Helen. "Figures of Female Militancy in Medieval France," Signs 16 (1991), pp. 522-49.
  • Tuotuo. Liaoshi [History of Liao]. Beijing: Zhonghua shuju, 1974 (or Tuotuo, Liaoshi (Beijing: Zhonghua shuju, 1974))
  • Verbruggen, J.F. "Women in Medieval Armies," Journal of Medieval Military History 4 (2006), pp. 119–36.
  • John Keay, China: A History, HarperCollins UK, 2010, ISBN 0-00-737208-6.
  • Keith McMahon, Women Shall Not Rule: Imperial Wives and Concubines in China from Han to Liao, Rowman & Littlefield Publishers, 2013, ISBN 1-4422-2290-5.
  • Barbara Bennett Peterson (a cura di), Notable Women of China: Shang Dynasty to the Early Twentieth Century, illustrated, M.E. Sharpe, 2000, ISBN 0-7656-1929-6.
  • (ZH) Toqto'a, Liao Shi (宋史), 1344.
  • H. J. Van Derven (a cura di), Warfare in Chinese History, Volume 47 of Sinica Leidensia / Sinica Leidensia, illustrated, BRILL, 2000, ISBN 90-04-11774-1.
  • Yuan-Kang Wang, Harmony and War: Confucian Culture and Chinese Power Politics, illustrated, Columbia University Press, 2013, ISBN 0-231-52240-1.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica