Storia del doppiaggio italiano

la storia del doppiaggio italiano
(Reindirizzamento da Doppiaggio italiano)
Voce principale: Doppiaggio.

Il doppiaggio italiano nasce nel 1929 in California per opera di alcune delle maggiori case di produzione statunitensi. Tale pratica nel 1932 arriva in Italia, a Roma, città che continua a detenere il primato nella realizzazione di edizioni italiane di opere cinematografiche e televisive.

Lo spettacolo Voci di Mezzo al Teatro del Giglio in occasione di Lucca Comics & Games 2015.
Nella foto i doppiatori Flavio Aquilone, Edoardo Stoppacciaro, Letizia Ciampa, Francesco Vairano, Alessio Puccio, Manuel Meli e Joy Saltarelli.

Con l'avvento del sonoro nel 1927, il mercato del cinema americano, il maggior esportatore di pellicole in Europa, subì un brusco calo. I cinematografi europei non erano infatti attrezzati per proiettare pellicole sonore, in più alcuni regimi erano restii alla proiezione di film che non fossero in lingua locale. In questo periodo in Italia i film sonori di importazione venivano ammutoliti e aggiunte delle didascalie intervallate alle immagini, trasformandoli di fatto in film muti, ma allungando notevolmente la durata degli stessi fino quasi a raddoppiarla. Data la mole di lavoro richiesta per questa pratica, aggiunta allo snaturamento che essa apportava all'opera, si dovette cercare una soluzione. Il primo esperimento di post-sincronizzazione in lingua italiana fu eseguito nel 1929 negli studi californiani della Fox Film, dove il montatore Louis Loeffler e l'attore italoamericano Augusto Galli doppiarono una scena del film Maritati ad Hollywood: nacque così il doppiaggio in lingua italiana. Il risultato fu deludente, ma aprì la strada alla soluzione tanto cercata; le maggiori case di produzione iniziarono quindi ad assumere attori italoamericani o italiani emigrati negli Stati Uniti col compito di doppiare i film da spedire in Italia. Il primo film ad essere doppiato interamente in lingua italiana è Carcere diretto da George William Hill e prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer, versione spagnola di The Big House; anche qui il risultato fu una recitazione con forti accenti americani. In seguito, la stessa Metro fece doppiare nei suoi studi di Culver City i film Sivigliana di Ramón Novarro e Trader Horn di W. S. Van Dyke.[1]

Tuttavia, fino alla fine del 1930, l'arrivo dei film sonori in Italia fu soggetto a restrizioni, sia dal punto di vista tecnico, per colpa delle sale non attrezzate, sia da quello politico, a causa dei provvedimenti del regime che non vedeva di buon occhio le pellicole straniere. Dopo il 1930, lo Stato permise di proiettare dette pellicole ma con la sovrapposizione dei dialoghi italiani o con l'immissione di sfondi neri e didascalie come quelle dei film muti.

Nel 1931 la Metro-Goldwyn-Mayer, per non perdere la distribuzione in Italia, con la direzione di Carlo Boeuf intensificò la pratica del doppiaggio con gli attori Augusto e Rosina Galli, Argentina Ferraù, la cantante Milly e Francesca Braggiotti. Il successo immediato del film doppiato fu dovuto al fatto che una parte consistente della popolazione italiana era all'epoca analfabeta e non poteva quindi seguire i film sottotitolati.

Nel frattempo la Fox, che oltre l'esperimento di due anni prima non aveva più doppiato i propri film, visto il restringimento del regime fascista e il successo della Metro dovuto alla pratica del doppiato, ingaggiò oltre al già citato Louis Loeffler, Alberto Valentino (fratello del divo Rodolfo) come dialoghista, l'attore caratterista Frank Puglia come direttore di doppiaggio, e Franco Corsaro come primo doppiatore. Il primo film ad essere doppiato dalla Fox fu nel 1931 Tu che mi accusi di Victor Fleming, doppiatori Franco Corsaro, Luisa Caselotti, Agostino Borgato e Guido Trento.

Fino ad allora, oltre ad usufruire del doppiaggio l'industria americana girava più versioni dei film più accreditati per poi distribuirli nei vari paesi. Un esempio di questa pratica era rappresentata dalla coppia di comici Stan Laurel e Oliver Hardy, che giravano ogni scena dei propri film in diverse lingue, fra cui l'italiano. Nel 1934 o 1935 il doppiaggio dei film della coppia venne affidato a Mauro Zambuto e uno studente sconosciuto italoamericano, che imitarono il buffo accento inglese che avevano Laurel & Hardy quando recitavano in italiano.

La Paramount Pictures, che nel frattempo aveva assistito da spettatrice alla nascita del nuovo metodo, decise anch'essa di adoperare questa pratica, creando però uno stabilimento centrale a Joinville-le-Pont, in Francia, dove poter mandare gli attori di ogni Paese europeo, Italia compresa, a doppiare le edizioni europee dei propri film. Il primo film ad essere doppiato in questi studi è Il dottor Jekyll di Rouben Mamoulian, con Fredric March doppiato da Olinto Cristina, fino ad allora attore teatrale e radiofonico. A seguire Il segno della croce di Cecil B. DeMille, sempre con protagonista March doppiato da Franco Schirato.

Nel 1932 però, un regio decreto-legge disponeva che qualora un film straniero fosse stato doppiato all'esterno del Regno d'Italia questi non poteva essere proiettato nelle sale italiane. Nel Regno il monopolio di produzione e distribuzione cinematografica era nettamente dominato dalla Cines-Pittaluga, con a capo Emilio Cecchi e direttore Mario Almirante, che nell'estate del 1932 aprì a Roma il primo stabilimento di doppiaggio italiano; il primo film ad essere doppiato è A me la libertà! di René Clair, dove si possono riconoscere le voci di Gino Cervi e Corrado Racca[2][3].

 
Miranda Bonansea doppiatrice di Shirley Temple negli anni '30

Nello stesso periodo nacquero altre case di doppiaggio, come la Fotovox, fondata dall'ingegnere Gentilini e diretta da Franco Schirato, l'Itala Acustica diretta da Vincenzo Sorelli, e la Fono Roma, fondata dall'ingegnere Salvatore Persichetti, che diventò lo stabilimento primario nel settore grazie alla 20th Century Fox, alla Paramount e alla Warner Bros. che le affidarono le edizioni italiane dei propri film. La Metro-Golden-Mayer aprì un proprio stabilimento, sempre a Roma, il quale affidò come dialoghista e doppiatore Augusto Galli e sua moglie Rosina; vennero qui doppiati Il campione di King Vidor e Ingratitudine di Clarence Brown, definiti dalla critica italiana i migliori doppiaggi mai sentiti fino a quel momento.[senza fonte]

Da allora, in Italia, la pratica di doppiare i film fu praticamente adottata da tutta l'industria cinematografica, anche perché favorita dal Piano Marshall, che poneva le basi per una "colonizzazione culturale" dei paesi usciti sconfitti dal conflitto mondiale anche attraverso lo stanziamento per l'Italia di 800 milioni di dollari per l'acquisto di film americani, e una quota destinata al doppiaggio degli stessi film[4].

L'Italia è una delle nazioni che più utilizzano il doppiaggio, e vanta grandi artisti in questo settore. Le principali città in cui si realizza il doppiaggio sono Roma, dove si doppia dal 1932, e Milano, che ha dato inizio a una propria tradizione di doppiatori negli anni settanta[5].

La scuola romana

modifica

La prima generazione (anni trenta)

modifica

Il doppiaggio in Italia nasce a Roma nel 1932 sia per la lavorazione dei primi film sonori, che per l'edizione di film stranieri, essendo le Case di produzione delle prime pellicole sonore e gli studi attrezzati per il doppiaggio attivi in quel periodo solo nella capitale.

 
Lydia Simoneschi durante una sessione di doppiaggio nel 1951 con una giovanissima Maria Pia Di Meo, che all'epoca aveva 12 anni

Gli anni trenta del doppiaggio possono essere divisi in due lustri; fino al 1935 circa il doppiaggio era ancora rudimentale. I maggiori interpreti erano attori teatrali o attori di prosa radiofonica; tra essi Mario Ferrari, Romolo Costa, Corrado Racca, Gero Zambuto, Gino Cervi, Paolo Stoppa, Alberto Sordi, Mario Besesti, Olinto Cristina, Augusto Marcacci, Giulio Panicali, Sandro Ruffini, Augusto Galli e sua moglie Rosina, Francesca Braggiotti, Franca Dominici, Tina Lattanzi, Lydia Simoneschi, Andreina Pagnani, Rina Morelli, Giovanna Scotto, Marcella Rovena, Nella Maria Bonora, Lola Braccini, Dina Perbellini, Dina Romano, una giovane Anna Magnani e la bambina prodigio Miranda Bonansea, doppiatrice italiana ufficiale di Shirley Temple. Dal 1935 in poi il doppiaggio andò migliorandosi sempre più, tanto che molti film doppiati soltanto un paio di anni prima vennero ridoppiati. Da qui iniziò a costituirsi un blocco di doppiatori specializzati nel ramo doppiaggio, tra cui Stoppa, Besesti, Cristina, Marcacci, Panicali, Ruffini, Lattanzi, Simoneschi, Pagnani, Morelli e Scotto, e subentrarono in modo costante altri nomi quali Emilio Cigoli e sua madre Giovanna, Lauro Gazzolo, Gualtiero De Angelis, Giorgio Capecchi, Stefano Sibaldi, Vinicio Sofia, Carlo Romano, Renata Marini, Wanda Tettoni, Luigi Pavese e la giovane Rosetta Calavetta.

Alcuni degli attori che hanno iniziato il lavoro negli anni trenta sono andati avanti fino agli anni ottanta, altri sono approdati alla traduzione e adattamento dei dialoghi, sino alla direzione del doppiaggio, pertanto si consiglia di verificare le rispettive biografie.

La seconda generazione (anni quaranta)

modifica

Fanno parte della seconda generazione di doppiaggio i doppiatori attivi dagli anni quaranta in poi. Tra questi Giuseppe Rinaldi, Pino Locchi, Arturo Dominici, Renato Turi, Gianni Bonagura, Gianfranco Bellini, Mario Pisu, Dhia Cristiani, Flaminia Jandolo, Aleardo Ward, Riccardo Mantoni (e, seppur in maniera limitata, il fratello minore Corrado), Enrico Maria Salerno, Arnoldo Foà, Clelia Matania, Clara Bindi, Alina Moradei ed i giovanissimi Corrado Pani, Luciano De Ambrosis, Germana Calderini, Vittorio Stagni e Maria Pia Di Meo.

La terza generazione (dagli anni cinquanta ai settanta)

modifica

Si tratta dei doppiatori giovani o appena nati negli anni quaranta che hanno cominciato a farsi strada dagli anni cinquanta fino a tutti gli anni settanta. Alcuni di essi sono ancora in attività, soprattutto nelle vesti di direttore del doppiaggio. Tra essi Oreste Lionello, Carlo Baccarini, Nando Gazzolo, Nino Pavese, Massimo Turci, Elio Pandolfi, Mario Bardella, Cesare Barbetti, Dario Penne, Sergio Graziani, Riccardo Cucciolla, Ferruccio Amendola, Giorgio Lopez, Franco Latini, Manlio De Angelis, Manlio Busoni, Sergio Fiorentini, Glauco Onorato, Adalberto Maria Merli, Sergio Tedesco, Carlo Sabatini, Renato Mori, Germana Dominici, Vittorio Di Prima, Corrado Gaipa, Roberto Bertea, Giorgio Piazza, Pino Colizzi, Renato Izzo, Sergio Di Stefano, Michele Gammino, Fiorella Betti, Rita Savagnone, Deddi Savagnone, Isa Di Marzio, Mirella Pace, Melina Martello, Micaela Giustiniani, Vittoria Febbi, Gabriella Genta, Cristina Grado, Sonia Scotti, Angiolina Quinterno, Valeria Valeri, Lorenza Biella, Gianni Musy, Solvejg D'Assunta, Angiola Baggi e Marcello Tusco.

La quarta generazione (anni settanta e ottanta)

modifica

I doppiatori maggiormente attivi o che hanno iniziato la carriera tra gli anni settanta ed ottanta: Tonino Accolla, Sandro Iovino, Aurora Cancian, Saverio Moriones, Claudio Capone, Antonio Colonnello, Laura Gianoli, Ludovica Modugno, Carlo Valli, Paolo Buglioni, Ennio Coltorti, Ada Maria Serra Zanetti, Oreste Rizzini, Giancarlo Giannini, Livia Giampalmo, Chiara Salerno, Stefano De Sando, Anna Rita Pasanisi, Isabella Pasanisi, Pietro Biondi, Paola Giannetti, Luciano Roffi, Luca Lionello, Cristiana Lionello, Serena Spaziani, Serena Verdirosi, Rossella Izzo, Simona Izzo, Fiamma Izzo, Giuppy Izzo, Franco Zucca, Susanna Javicoli, Renata Biserni, Gianni Giuliano, Paila Pavese, Micaela Esdra, Cinzia De Carolis, Vittorio Guerrieri, Mario Cordova, Roberto Del Giudice, Loris Loddi, Loredana Nicosia, Gino La Monica, Massimo Corvo, Gigi Proietti, Leo Gullotta, Antonella Rinaldi, Massimo Rinaldi, Francesca Rinaldi, Stefano Benassi, Rodolfo Bianchi, Mino Caprio, Massimo Foschi, Romano Malaspina, Adolfo Lastretti, Claudio Sorrentino, Piero Tiberi, Vanna Busoni, Roberto Chevalier, Angelo Nicotra e Gianluca Tusco.

La quinta generazione (anni novanta)

modifica

I doppiatori maggiormente attivi o che hanno iniziato la carriera nel periodo tra la metà degli anni ottanta e l'inizio degli anni 1990: Marco Mete, Alessandro Rossi, Massimo Rossi, Riccardo Rossi, Emanuela Rossi, Fabio Boccanera, Laura Boccanera, Claudia Razzi, Cristina Boraschi, Simone Mori, Francesco Pezzulli, Riccardo Scarafoni, Laura Romano, Silvia Pepitoni, Silvia Tognoloni, Barbara De Bortoli, Federica De Bortoli, Alessandra Korompay, Franca D'Amato, Stella Musy, Alessia Lionello, Ilaria Stagni, Ilaria Latini, Laura Latini, Vittorio De Angelis, Eleonora De Angelis, Perla Liberatori, Francesco Prando, Angelo Maggi, Massimo Lodolo, Francesca Fiorentini, Mauro Gravina, Claudia Catani, Davide Lepore, Georgia Lepore, Maura Cenciarelli (e per un breve periodo anche la sorella gemella Manuela), Mavi Felli, Roberta Greganti, Emanuela Giordano, Luca Ward, Monica Ward, Andrea Ward, Francesca Guadagno, Marco Guadagno, Nanni Baldini, Oreste Baldini, Chiara Colizzi, Fabrizio Pucci, Francesco Pannofino, Roberto Draghetti, Pino Insegno, Antonio Sanna, Sandro Acerbo, Rossella Acerbo, Maurizio Ancidoni, Massimo De Ambrosis, Roberta Paladini, Roberta Pellini, Massimiliano Manfredi, Roberto Pedicini, Francesco Bulckaen, Riccardo Niseem Onorato, Emiliano Coltorti, Adriano Giannini, Massimiliano Alto, Pasquale Anselmo, Alessandro Tiberi, Christian Iansante, Francesco Venditti e Alessio Cigliano.[6]

La sesta generazione (anni 2000)

modifica

Tra i doppiatori della sesta generazione, cioè quelli maggiormente attivi o che hanno iniziato la loro carriera tra la fine degli anni novanta e l'inizio dei 2000, ci sono: Valentina Mari, Alessia Amendola, Alberto Bognanni, Gabriele Patriarca, Alex Polidori, Manuel Meli, Flavio Aquilone, Domitilla D'Amico, Myriam Catania, Giulia Catania, Alessio Puccio, Veronica Puccio, Letizia Ciampa, Francesca Manicone, Letizia Scifoni, Giò Giò Rapattoni, Benedetta Degli Innocenti, Ruggero Valli, Alessandro Campaiola, Federico Campaiola, Jacopo Castagna, Rossa Caputo, Lilian Caputo, Anita Valenzi, David Chevalier, Andrea Mete, Maurizio Merluzzo, Chiara Fabiano, Mirko Cannella, Guendalina Ward, Marco Vivio, Paolo Vivio, Simone Crisari, Tomaso Venditti, Alice Venditti, Alessandro Mottini e Nike Pucci.

I talent

modifica

A partire dagli anni '80 (con alcune sporadiche esperienze precedenti, soprattutto nel cantato) si è diffusa la pratica dei cosiddetti "voice talent", ovvero attori, conduttori televisivi, cantanti e vari personaggi dello spettacolo (più o meno vicini al mondo della recitazione), selezionati dalla casa di distribuzione italiana o, più raramente, dal direttore del doppiaggio per doppiare parti principali o comparse all'interno di determinati prodotti (soprattutto lungometraggi), principalmente con il fine di pubblicizzare la loro presenza nel film. Tra i nomi principali che hanno preso parte, come esterni, a doppiaggi italiani ci sono Claudio Bisio, Carla Signoris, Marco Mengoni, Giancarlo Magalli, Fabrizio Frizzi, Luca e Paolo, Luciana Littizzetto, Max Giusti, Fabio Volo, Renato Zero. Questa pratica è principalmente attiva per i prodotti animati, ma capita sovente anche in alcuni prodotti live action (come ad esempio Massimo Popolizio in Harry Potter e Giancarlo Magalli in Benvenuti a casa mia).

Capita talvolta che alcuni doppiatori professionisti siano assunti dal distributore e pubblicizzati come se fossero vip (generalmente quando hanno una carriera nota, esterna al mondo del doppiaggio), come ad esempio Massimo Lopez, Gigi Proietti, Neri Marcorè, Anna Marchesini, Francesco Pannofino, Leo Gullotta, Stefano Masciarelli e Pino Insegno.

Come detto, sporadicamente avvenivano collaborazioni con artisti noti anche prima degli anni '80, principalmente nel canto (come Quartetto Cetra, Alberto Rabagliati e Natalino Otto che doppiarono le canzoni di alcuni classici Disney d'epoca), oppure con nomi che avevano un'ampia formazione attoriale e talvolta formazione ed esperienze proprio nel doppiaggio, e che sarebbero divenuti doppiatori professionisti in seguito (come Renzo Montagnani, Loretta Goggi e il già citato Gigi Proietti).

La scuola milanese

modifica

Il doppiaggio a Milano è nato nel 1932 (in pratica insieme a quello a Roma), ma si affermò a partire dagli anni ottanta quando Fininvest iniziò ad affidare le edizioni italiane dei cartoni animati mandati in onda sulle sue tre reti proprio alle cooperative di doppiaggio milanesi (in particolare alla Merak Film); in seguito verranno affidati alle cooperative lombarde anche i doppiaggi di alcuni telefilm e di varie soap opera e telenovelas in onda sulle reti del gruppo Mediaset ed anche sulle syndication televisive nazionali come Rete A, Euro TV, Odeon TV, Italia 7 ed affini; tale ritardo per molto tempo ha di fatto comportato una minore qualità ed esperienza dei doppiatori milanesi rispetto a quelli delle cooperative romane essendo per anni utilizzati solo come voci fuori campo negli spot pubblicitari. Negli ultimi anni si è assistito però ad un notevole salto di qualità tanto che a partire dagli anni 2000 alle cooperative milanesi è stato iniziato ad essere affidato un numero sempre maggiore di telefilm ed ultimamente anche il doppiaggio di varie pellicole cinematografiche e di molti videogiochi. Tra i doppiatori della scuola milanese ricordiamo: Augusto Di Bono, Grazia Migneco, Claudio Parachinetto, Vittoria Lottero, Lella Costa, Veronica Pivetti, Luciana Littizzetto, Elisabetta Spinelli, Lidia Costanzo, Graziella Porta, Debora Magnaghi, Alessandra Karpoff, Patrizia Scianca, Jasmine Laurenti, Donatella Fanfani, Daniela Fava, Cinzia Massironi, Marina Massironi, Gabriele Calindri, Franco Ferri, Pasquale Ruju, Ivo De Palma, Anna Maria Mantovani, Alberto Sette, Marcella Silvestri, Riccardo Rovatti, Lucia Valenti, Federica Valenti, Francesca Vettori, Gianni Gaude, Walter Rivetti, Oliviero Cappellini, Alberto Olivero, Beatrice Caggiula, Daniela Trapelli, Cristina Giolitti, Caterina Rochira, Massimiliano Lotti, Donato Sbodio, Alessandro D'Errico, Andrea Zalone, Stefania Patruno, Gabriella Pochini, Clara Droetto, Felice Invernici, Flavia Fantozzi, Roberta Bosetti, Maurizio Scattorin, Lorenzo Scattorin, Dania Cericola, Elda Olivieri, Lorella De Luca, Michele Di Mauro, Sergio Grasso, Andrea Piovan, Claudia Penoni, Luigi Rosa, Valeria Falcinelli, Danilo Brugia, Sergio Romanò, Sergio Troiano, Anna Bonasso, Danilo Bruni, Anna Radici, Stefano Brusa, Angela Brusa, Rosalba Bongiovanni, Marinella Armagni, Anna Lana, Antonello Governale, Enrico Bertorelli, Paola Della Pasqua, Marisa Della Pasqua, Mario Scarabelli, Mario Zucca, Luca Bottale, Nicoletta Diulgheroff, Diego Sabre, Luisa Ziliotto, Deborah Morese, Gianni Quillico, Germana Pasquero, Tosawi Piovani, Massimo Di Benedetto, Gianfranco Gamba, Claudio Ridolfo, Giuseppe Calvetti, Roberto Accornero, Patrizio Prata, Simone D'Andrea, Sante Calogero, Ruggero Andreozzi, Paolo Torrisi, Daniele Demma, Giancarlo Muratori, Andrea Beltramo, Pietro Ubaldi, Giovanni Battezzato, Emanuela Pacotto, Claudio Moneta, Gianluca Iacono, Riccardo Peroni, Marco Balzarotti, Davide Garbolino, Cip Barcellini, Cristiana Rossi, Laura Brambilla, Marina Thovez, Sonia Mazza, Lara Parmiani, Valentina Favazza, Stefano Pozzi, Matteo Zanotti, Luca Sandri, Alessandro Rigotti e Francesco Orlando.

Fra le società di doppiaggio, le principali sono la Merak Film, Lylo Italy, SDI Media Group, Jupiter, LogoSound e VSI Group.

Altre società di doppiaggio

modifica

Altre società di doppiaggio si trovano a Napoli, come OrangeBug (la Bottega del Doppiaggio), a Firenze, come Arkadia Group International, a Torino, come la Videodelta e la O.D.S., a Bologna, come lo Studio Arki e Sincrodub, a Genova, come la Genova Records, a Verona (VociNazionali) e a Vicenza (Sixtyseven Studio).

Legislazione

modifica

Il settore del doppiaggio è regolato da un Contratto Nazionale di categoria[7].

Associazioni delle categorie del doppiaggio in Italia

modifica

Le principali associazioni di categorie sono la ANAD - Associazione Nazionale Attori Doppiatori; la AIDAC - Associazione italiana dialoghisti adattatori cinetelevisivi; la ADAP - Associazione Doppiatori Attori Pubblicitari; la ANFD - Associazione Nazionale Fonici del Doppiaggio; infine la DOM - Associazione dei Doppiatori di Milano.

Manifestazioni dedicate al doppiaggio

modifica

Fra le manifestazioni dedicate al doppiaggio il Festival del Doppiaggio Voci nell'Ombra, il Gran Galà del Doppiaggio Romics DD, il Leggio d'oro, Gran Premio Internazionale del Doppiaggio e il Premio Tonino Accolla. Nell'ultimo decennio, inoltre, sono sempre più solite le ospitate di doppiatori e doppiatrici ad eventi come fiere del fumetto e del gaming.

  1. ^ Voci d'autore, p. 15.
  2. ^ Voci d'autore, p. 17.
  3. ^ Sito Alessandro Rossi - Storia del Doppiaggio di Mario Guidorizzi (versione completa), su alerossi.com. URL consultato il 13 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2003).
  4. ^ Copia archiviata (PDF), su aidac.it. URL consultato il 19 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2013).
  5. ^ Come conseguenza di ciò, le generazioni delle cooperative milanesi non coincidono con quelle delle cooperative romane (la prima generazione delle cooperative milanesi corrisponde alla quarta generazione delle cooperative romane).
  6. ^ Ciak si doppia, a Roma la prima scuola per bambini e ragazzi under 16 - Corriere della Sera
  7. ^ Il contratto è visibile sul sito del SAI (Sindacato attori italiani) - e su quello dell'Associazione italiana dialoghisti adattatori cinetelevisivi (Associazione Italiana Dialoghisti e Adattatori Cinetelevisivi)

Bibliografia

modifica
  • Mario Quargnolo, La parola ripudiata edizioni La Cineteca del Friuli Gemona 1989
  • Mario Guidorizzi, Voci d'autore. Storia e protagonisti del doppiaggio italiano, Sommacampagna, Cierre Edizioni, 1999, ISBN 8883140303.

Collegamenti esterni

modifica