Apri il menu principale
Dora Calindri in un fotogramma del film Il commissario di ferro, (1978), diretto da Stelvio Massi

Fedora detta Dora Calindri (Certaldo, 22 aprile 19112002) è stata un'attrice italiana.[1]

BiografiaModifica

Figlia dell'attore Manlio Calindri e dell'attrice Egloge Felletti, sorella di Ernesto Calindri, fu attrice molto attiva nella prosa radiofonica dell'EIAR, in commedie e radiodrammi. Calcò per molti anni i palcoscenici, prima assieme al fratello e poi accanto al secondo marito (il primo era stato Bruno Smith, attore, e padre dell'unica figlia Anna Maria, deceduto nel 1969), l'attore Ennio Balbo, del quale rimase vedova nel 1989.

Pur avendo già preso parte in una piccola parte al film Siluri umani di Antonio Leonviola, nel 1954, divenne caratterista del cinema italiano solamente alla fine degli anni settanta, prendendo parte ad alcuni film, come Il commissario di ferro, (1978), di Stelvio Massi o La gatta da pelare, (1978), di Pippo Franco.

Recitò sino alla morte del marito, per poi rimanere attiva soltanto nel doppiaggio.

Prosa televisiva RaiModifica

Filmografia parzialeModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica