Apri il menu principale

Douglas Shearer

supervisore della registrazione sonora cinematografica canadese

BiografiaModifica

Nato in una importante famiglia di Montréal caduta in disgrazia, in seguito al fallimento dell'attività del padre. Abbandona gli studi l'ultimo anno delle superiori, per cercare lavoro. Lo trova presso la Northern Electric Company. Pur non avendo finito le scuole secondarie inizia a studiare ingegneria presso l'Università McGill. Nel 1923, sua sorella Norma Shearer inizia ad avere successo nel mondo del cinema come attrice. Douglas decide di raggiungerla, per tentare anche lui la carriera cinematografica. Nel 1925, la sua carriera inizia presso gli studi della Metro-Goldwyn-Mayer dove viene assunto per fare sperimentazione con l'illuminazione, le pellicole e le cineprese[2]. Quando la Metro-Goldwyn-Mayer passò al cinema sonoro, Douglas fu nominato capo del dipartimento. Nel 1929, contribuì all'ideazione del film La canzone di Broadway (The Broadway Melody) primo film sonoro a vincere un Premio Oscar, nonché il primo film ad essere completamente sonoro. Nel corso della sua carriera alla Metro-Goldwyn-Mayer, ha sviluppato e migliorato i sistemi di registrazione e di riduzione del rumore. Nel 1955, viene promosso Direttore della ricerca tecnica alla Metro-Goldwyn-Mayer. Carica ricoperta fino al suo pensionamento avvenuto nel 1968. I suoi contributi tecnici non si sono limitati al sonoro, ma anche alle cineprese, lavoro per cui nel 1960 ricevette l'ennesimo Oscar per aver contribuito allo sviluppo della "Camera 65"[3].

RiconoscimentiModifica

L'anno si riferisce all'anno della cerimonia di premiazione.

Filmografia parzialeModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Douglas G. Shearer, su findagrave.com. URL consultato il 25 aprile 2012.
  2. ^ (EN) Norma e Douglas Shearer, su canadaswalkoffame.com. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2012).
  3. ^ (EN) Biografia di Douglas Shearer si IMDb, su imdb.com. URL consultato il 25 aprile 2012.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16315970 · ISNI (EN0000 0000 3044 1959 · LCCN (ENn88100851 · GND (DE1061959619 · WorldCat Identities (ENn88-100851