Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi DRO.
Dro
comune
Dro – Stemma
Dro – Veduta
Chiesa dell'Immacolata, Dro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoVittorio Fravezzi (centrosinistra) dal 17-5-2010
Territorio
Coordinate45°58′N 10°55′E / 45.966667°N 10.916667°E45.966667; 10.916667 (Dro)Coordinate: 45°58′N 10°55′E / 45.966667°N 10.916667°E45.966667; 10.916667 (Dro)
Altitudine123 m s.l.m.
Superficie27,95 km²
Abitanti4 968[1] (31-7-2017)
Densità177,75 ab./km²
FrazioniAl Lago, Ceniga, Gaggiolo, Pietramurata
Comuni confinantiArco, Cavedine, Drena, Madruzzo, Comano Terme
Altre informazioni
Cod. postale38074
Prefisso0464
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022079
Cod. catastaleD371
TargaTN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantidroensi o droati o sdrogi
PatronoS. Antonio (Dro), santi Pietro e Paolo (Ceniga)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dro
Dro
Dro – Mappa
Posizione del comune di Dro
nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Dro (Dró in dialetto locale[2]) è un comune italiano di 4 968 abitanti della provincia autonoma di Trento. Fa parte della comunità di valle Alto Garda e Ledro. Possiede un circolo culturale, una biblioteca comunale, una banda musicale sociale, varie attrezzature turistico-alberghiere, ricettive e sportive. Ha una pro loco[3]. Ha un aspetto antico, ed è tradizionalmente un punto di passaggio tra la zona del Garda trentino e la città di Trento.

Indice

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Dro si trova a Nord della piana dell'Altogarda, dove un tempo scorreva liberamente il fiume Sarca che sfocia infine nel Lago di Garda.

ClimaModifica

La sua posizione è protetta dalle montagne e la relativa vicinanza del lago di Garda, permette a questa zona di mantenere un clima ancora abbastanza mite nella stagione invernale.

StoriaModifica

L'area fu colonizzata già in età romana ma l'abitato venne citato come Dro o de Dro solo nel 1307. Nicolò d'Arco lo chiamò Dronum e Dronium, e in seguito vennero riportati i nomi Drona e Drone. Nel corso dei secoli due famiglie ebbero la supremazia sul territorio: la famiglia dei Sejani legata al castello detto Dos del Castel e che ottennero il riconoscimento vescovile nell'XI secolo e, in seguito, la potente famiglia d'Arco[4]. Il 15 ottobre 1810 un incendio provocò ingenti danni agli edifici storici.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Parrocchiale dell'ImmacolataModifica

Fu costruita da don Girolamo Canestrini nel 1836, ed è un'unica ampia navata. L'abside venne decorata nel 1910.

Chiesa di S. Sisinio, Martirio e AlessandroModifica

La chiesa attualmente è sconsacrata, e possiede uno tra i più interessanti portali romanici minori del Trentino[5].

Chiesa di S. Antonio da PadovaModifica

La chiesa risale al 1667, e venne eretta dalla Magnifica Comunità di Dro e Ceniga. Sorge al limite meridionale del centro urbano. Fu grazie a questa chiesa che il paese di Dro venne salvato dai saccheggi operati dalle truppe francesi del duca di Vendôme, molto devoto al santo, nel 1703.

Toresela (Casa Lutterotti)Modifica

Situata vicina al municipio, in via della Torre, è il resto di torre probabilmente posta a guardia della parte settentrionale dell'abitato.

 
Le marocche di Dro, vista su Monte Brento, Monte Granzoline e Monte Casale

Biotopo Marocche di DroModifica

Il Biotopo Marocche di Dro si estende a nord di Dro ed è il maggiore scoscendimento dell'arco alpino di origine glaciale e rappresenta un paesaggio unico per interesse geologico e morfologico. Enormi massi, alti anche 250 metri, costeggiano il fiume Sarca e le campagne. In periodo asburgico si tentò un rimboschimento con pino nero e pino di Aleppo.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[6]

 

Tradizioni e folcloreModifica

Nell'ultimo fine settimana di maggio si rievoca con una manifestazione storica il Voto di Sant'Abbondio (altrimenti detto dei 12 sabati)[7].

CulturaModifica

IstruzioneModifica

Il comune fa parte del Istituto Comprensivo Valle dei Laghi Dro. Al suo interno del suo comuni vi sono 3 scuole: le scuole primarie di Dro e Pietramurata e la Scuola Secondaria di primo grado di Dro.

EventiModifica

A Dro si svolge il Drodesera Festival ed è stato sede per vari anni di VeDrò, occasione per incontri e riflessioni sulla politica, che ha chiuso definitivamente le sue attività nel 2013. Tra le personalità che vi hanno partecipato si ricorda anche Enrico Letta.

Geografia antropicaModifica

La circoscrizione territoriale ha subito le seguenti modifiche: nel 1928 aggregazione di territori del soppresso comune di Drena; nel 1947 distacco di territori per la ricostituzione del comune di Drena (Censimento 1936: pop. res. 534).[8]

Frazioni di DroModifica

  • Ceniga;
  • Pietramurata.

Località: Centrale Fies, Centrale Volta, Pont del Gobbo, Maso Giare, Oltra

EconomiaModifica

 
Zona della susina di Dro.
 
Alberi di susine a Dro.

La piana di Dro è molto fertile quindi le attività agricole sono fiorenti e diversificate. L'olivo si coltiva in queste zone come suo limite settentrionale, in Italia.[9] Molto diffusa è la viticoltura, con una interessante produzione di vini locali e di vin santo, un tempo chiamato Nadalim (passito).

Caratteristica della zona è la produzione di prugne (susine), che confluiscono in grandi quantità nel locale essiccatoio ortofrutticolo della cooperativa del Basso Sarca e poi vengono commercializzate come prugne essiccate. Lo stabilimento è stato ricostruito nel 1974[3].

Oltre al settore primario Dro ospita piccole attività industriali legate alla lavorazione dei marmi ed alla produzione di macchine utensili[10].

Il fiume Sarca, che scorre a breve distanza dal centro, è stato oggetto di uno dei più grandi sistemi di derivazione delle acque dell'intero arco alpino che ha modificato sensibilmente l'ambiente. Oltre 40 km di gallerie e condotte forzate e varie centrali idroelettriche si trovano sul suo percorso, una di queste esattamente a Dro[11].

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 maggio 2005 in carica Vittorio Fravezzi centro-sinistra Sindaco dal 2013 Senatore della Repubblica

GemellaggiModifica

SportModifica

 
La base-jumper statunitense Steph Davis si lancia in tuta alare dal Monte Brento, sopra Dro.
  • Calcio
    La più importante squadra cittadina è l'U.S.D. Dro Alto Garda (fino al 2017 semplicemente Dro), il cui miglior risultato è costituito da alcune partecipazioni al campionato di Serie D.
  • Ciclismo
    Ciclistica Dro A.S.D (con circa cento soci)[12] e Drobike A.S.D, entrambe associate all'Unione Ciclistica Internazionale[13].
  • Tiro a volo
    Tiro a volo dro A.S.D, affiliata alla FITAV.
  • Golf
    46º parallelo golf club dilettantistica, affiliata alla FIG.
  • Base jumping
    Dal Becco dell'Aquila, sul Monte Brento, si effettuano lanci con tuta alare e atterraggio al campo Gaggiolo[14].

Dro è servito dalla rete delle piste ciclabili del Trentino; in corrispondenza dell'abitato la ciclabile si interrompe, per poi riprendere circa 4 km dopo, verso Pietramurata.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2017.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ a b Gorfer, p.271
  4. ^ DRO (TN), su italiapedia.it. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  5. ^ Gorfer, p.270
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Rievocazione Storica del voto di S. Abbondio o dei 12 Sabati, su gardatrentino.it. URL consultato il 12 dicembre 2015.
  8. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3
  9. ^ Heirich Bodmer e Flaminio Bracci, OLIVO, su treccani.it, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1935. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  10. ^ Touring T.A.A., p.216
  11. ^ Centrale di Dro, su hydrodolomitienel.it, 2012. URL consultato l'11 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  12. ^ Ciclista Dro, su arco.tn.it, 20 Ottobre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  13. ^ Drobike A.S.D., su teamartist.com. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  14. ^ Il Monte Brento dei base jumper, in La Repubblica, 18 ottobre 2016.

BibliografiaModifica

  • Aldo Gorfer, Le valli del Trentino - Trentino occidentale, Calliano (Trento), Manfrini, 1975, ISBN 978-88-7024-118-1.
  • AAVV, Trentino Alto Adige, Milano, Touring Editore, 2005, ISBN 9788836548026.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN123550499 · ISNI (EN0000 0001 2150 3721
  Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige