ESTRACK, acronimo di European Space Tracking, è una rete dell'ESOC di stazioni a terra utilizzate per il tracciamento delle sonde spaziali.[1]

Stazione a terra ESA di Kiruna (Foto: ESA, S. Corvaja)

Stazioni utilizzate da ESTRACKModifica

I siti sono localizzati in diversi luoghi nel mondo in modo da massimizzare l'area di spazio osservabile.[2] Il centro di controllo si trova a Darmstadt, in Germania.[3]

Stazioni di proprietà dell'ESAModifica

ESTRACK Deep Space NetworkModifica

Queste stazioni compongono l'ESTRACK Deep Space Network, la rete di radiotelescopi dell'ESA per mantenere il contatto continuo con le sonde interplanetarie.

Altre stazioniModifica

Queste stazioni vengono utilizzate per il tracciamento dei lanci e dei satelliti in orbita terrestre.

Stazioni di proprietà di altri entiModifica

Queste stazioni sono affittate da enti e aziende esterni per aumentare la capacità di tracciamento dei satelliti e durante i lanci.

Stazioni dismesseModifica

  • Perth (Australia), ritirata dal servizio nel 2015[16]
  • Maspalomas (Isole Canarie, Spagna), ceduta all'industria nel 2017[17]
  • Villafranca (Spagna), ceduta all'industria nel 2017[18]
Le stazioni dell'ESTRACK.
  Stazioni dell'ESTRACK Deep Space Network
  Altre stazioni dell'ESA
  Stazioni di proprietà di altri enti

AntenneModifica

 
L'antenna da 35 metri di diametro della stazione di Cebreros.

Ogni stazione ESTRACK è differente: a seconda dell'antenna disponibile, ciascuna stazione può partecipare a un tipo particolare di missione spaziale. In alcune stazioni sono presenti più antenne per partecipare a missioni diverse. La rete ESTRACK dispone delle seguenti antenne:

  • tracciamento delle sonde interplanetarie (ESTRACK Deep Space Network):
    • antenna da 35 metri (New Norcia, Cebreros, Malargüe)
  • tracciamento dei satelliti in orbita terrestre:
    • antenna da 15 metri (Kourou, Kiruna, Redu)
    • antenna da 13 metri (Kiruna)
  • tracciamento durante la fase di lancio e prima messa in orbita:
    • antenna da 5,5 metri (Santa Maria)
    • antenna da 4,5 metri (New Norcia)
    • antenna da 2 metri (Malindi)

NoteModifica

  1. ^ ESTRACK (PDF), su mat.unimi.it.
  2. ^ (EN) Estrack ground stations, su esa.int.
  3. ^ (EN) Network Operations Centre, su esa.int.
  4. ^ (EN) New Norcia - DSA 1, su esa.int.
  5. ^ (EN) Cebreros - DSA 2, su esa.int.
  6. ^ (EN) Malargüe - DSA 3, su esa.int.
  7. ^ (EN) Kiruna station, su esa.int.
  8. ^ (EN) Kourou station, su esa.int.
  9. ^ (EN) Redu station, su esa.int.
  10. ^ (EN) Santa Maria station, su esa.int.
  11. ^ Centro Spaziale "Luigi Broglio", su asi.it.
  12. ^ (EN) Santiago station, su esa.int.
  13. ^ (EN) South Point Satellite Station, su sscspace.com.
  14. ^ (EN) Svabard Satellite Station (SvalSat), su ksat.no.
  15. ^ (EN) Troll Satellite Station (TrollSat) - Antartica, su ksat.no.
  16. ^ (EN) Perth station, su esa.int.
  17. ^ (EN) Maspalomas station, su esa.int.
  18. ^ (EN) Villafranca station, su esa.int.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica