Apri il menu principale

E la chiamano estate (film)

film del 2012 diretto da Paolo Franchi
E la chiamano estate
E la chiamano estate (film).png
Isabella Ferrari in una scena del film.
Paese di produzioneItalia
Anno2012
Durata97 min
Generesentimentale
RegiaPaolo Franchi
SoggettoPaolo Franchi (con la collaborazione di Rinaldo Rocco e Daniela Ceselli)
SceneggiaturaPaolo Franchi, Daniela Ceselli, Rinaldo Rocco, Heidrun Schleef
ProduttoreNicoletta Mantovani, Sonia Raule (produttrice associata)
Casa di produzionePavarotti International 23, A-Movie Productions (produzione associata)
Distribuzione in italianoOfficine UBU
FotografiaCesare Accetta, Vincenzo Carpineta
MontaggioAlessio Doglione, Paolo Franchi
MusicheThe Tube - Dimmi tu cos'e' Matteo Ceccarini
ScenografiaGianmaria Cau
CostumiAlessandro Lai
TruccoDaniela Scumaci
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

E la chiamano estate è un film del 2012 diretto da Paolo Franchi, presentato in concorso alla settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Il titolo ricalca l'omonimo disco di Bruno Martino del 1965.

TramaModifica

Dino e Anna sono due quarantenni: è la vicenda del loro amore "non convenzionale" e trasgressivo. Lei resta sempre innamorata, ma Dino si estranea da rapporti fisici con la donna: preferisce incontri con prostitute e con frequentatrici di locali per “scambisti”. Poi l'uomo va a cercare gli ex fidanzati di Anna e, per scoprire che tipo di rapporto costoro avevano con sua moglie, li invita a prendere a letto il suo posto accanto a lei.[1]

ProduzioneModifica

Con il contributo di Apulia Film Commission, il film è girato a settembre 2011 tutto in Puglia: in particolare a Bari (lungomare, centro della città, piazza Luigi di Savoia, via Putignani, negozio "Minotti" accanto al Kursaal Santalucia), Monopoli e nelle spiagge della Marina di Ostuni ed a Fasano.[2]

DistribuzioneModifica

La distribuzione è curata nelle sale da Officine UBU. Il film è uscito nelle sale il 22 novembre 2012, con il divieto per i minori di 14 anni.[3]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Fonte: Nicola Signorile, Corriere del Mezzogiorno, 15 ottobre 2012, pag. 12. Il giornale pubblica una foto a colori relativa al set.
  2. ^ Fonte: Apulia Film Commission.
  3. ^ Esce in 40 sale "E la chiamano estate": vietato ai minori di 14 anni, in Il Messaggero, 21 novembre 2012. URL consultato il 29 luglio 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema