Apri il menu principale
Mother boxart.png
Due cosplayer di Ness

La serie di videogiochi EarthBound, conosciuta in Giappone come Mother, consiste in tre videogiochi di ruolo giapponesi scritti da Shigesato Itoi e pubblicati da Nintendo: EarthBound Beginnings per Nintendo Famicom del 1989, EarthBound per Super Nintendo del 1994, e Mother 3 per Game Boy Advance del 2006. La serie si ambienta negli Stati Uniti d'America del XX secolo, presenta meccaniche classiche da JRPG sulla falsariga della serie Dragon Quest, ed è conosciuta per il suo senso dell'umorismo, per l'originalità degli avvenimenti narrati, e per i suoi contenuti parodistici. Protagonista della serie è Ness, un ragazzino dotato di poteri psichici, il quale compare anche come personaggio utilizzabile nella serie Super Smash Bros, pubblicata sempre da Nintendo.

La serie di EarthBound gode di grande fama in Giappone e negli Stati Uniti, dove rappresenta un vero e proprio fenomeno di culto seguito da migliaia di appassionati[1][2][3][4][5]. L'episodio più popolare della serie è EarthBound, secondo capitolo e primo ad esser pubblicato negli Stati Uniti, considerato tra i più grandi e influenti JRPG di sempre[2][6][7][8].

Indice

EpisodiModifica

EarthBound Beginnings (Mother)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: EarthBound Beginnings.

Il primo episodio della serie è uscito nel solo Giappone il 27 luglio 1989, in esclusiva per console Famicom[9] di Nintendo. Fu ideato da Shigesato Itoi con la collaborazione di Shigeru Miyamoto, sviluppato dalla Ape e pubblicato da Nintendo[10]. Il titolo fu di seguito annunciato nel 2015 per essere distribuito nei paesi al di fuori del Giappone con il titolo di Earthbound Beginnings e come software scaricabile nel Nintendo eShop del Wii U.

EarthBound (Mother 2: Gyiyg no gyakushu)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: EarthBound.

Il secondo episodio della serie, conosciuto in Giappone come Mother 2 e negli Stati Uniti come EarthBound, fu sviluppato da un team differente da quello del primo capitolo[11], e pubblicato per Super Famicom il 27 agosto 1994[12] in Giappone, e il 5 giugno 1995 per Super Nintendo negli Stati Uniti[13]. Nel 2013 venne infine distribuito anche in Europa come software del Nintendo eShop del Wii U e nel 2016, nel Nintendo eShop del New Nintendo 3DS

Mother 1 + 2Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mother 1 + 2.

Si tratta di un bundle uscito per Game Boy Advance che includeva i primi due capitoli della serie, Mother 1 e Mother 2, uscito solo in Giappone, il gioco presenta minime modifiche ai due giochi originali come l'adattamento per lo schermo del Game Boy Advance e la modifica leggera di alcune musiche.

Mother 3Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mother 3.

Il terzo episodio della serie, Mother 3 in Giappone, fu inizialmente annunciato nel 1996 per Nintendo 64DD, e secondo le intenzioni iniziali degli sviluppatori, negli Stati Uniti sarebbe dovuto chiamarsi EarthBound 64[5][14]. L'insuccesso della periferica Nintendo 64DD e la sua uscita prematura dal mercato, cancellarono momentaneamente il progetto[3].

Mother 3 vide finalmente la luce anni più tardi, il 20 aprile 2006, per Game Boy Advance, ma solo in Giappone[15]. Tre anni prima, il 20 giugno 2003, per la stessa console era uscito Mother 1 + 2, contenente i primi due episodi della serie in versione originale[16]

NoteModifica

  1. ^ Schreier, Jason (August 23, 2013). "The Man Who Wrote Earthbound". Kotaku. Gawker Media. Archived from the original on January 25, 2014. Retrieved January 25, 2014.
  2. ^ a b George, Richard. "EarthBound - #13 Top 100 SNES Games". IGN. Ziff Davis. Archived from the original on January 24, 2014. Retrieved January 24, 2014.
  3. ^ a b Cowan, Danny (February 7, 2007). "Vapor Trails: The Games that Never Were". 1UP.com. Ziff Davis. p. 2. Archived from the original on June 15, 2014. Retrieved June 15, 2014.
  4. ^ Webster, Andrew (July 18, 2013). "Cult classic 'Earthbound' launches today on Wii U". The Verge. Vox Media. Archived from the original on June 15, 2014. Retrieved June 15, 2014.
  5. ^ a b Thomas, Lucas M. (August 17, 2006). "RETRO REMIX: ROUND 25". IGN. Ziff Davis. Archived from the original on June 15, 2014. Retrieved June 15, 2014.
  6. ^ "EarthBound - #26 Top Video Game Worlds". IGN. Ziff Davis. Archived from the original on January 24, 2014. Retrieved January 24, 2014.
  7. ^ Gilbert, Henry (July 22, 2013). "South Park: The Stick of Truth is inspired by Earthbound, sounds really tough to make". GamesRadar. Future Publishing. Archived from the original on July 6, 2014. Retrieved July 6, 2014.
  8. ^ Campbell, Colin (January 18, 2014). "Why did Nintendo quash a book about EarthBound's development?". Polygon. Vox Media. Archived from the original on January 26, 2014. Retrieved January 26, 2014.
  9. ^ "MOTHER". Famitsu (in Japanese). Kadokawa Corporation. Archived from the original on October 11, 2014. Retrieved October 11, 2014.
  10. ^ "Mother (NES) News, Reviews, Trailer & Screenshots". Nintendo Life. Archived from the original on October 11, 2014. Retrieved October 11, 2014.
  11. ^ Itoi, Shigesato (August 22, 2000). "『MOTHER 3』の開発が中止になったことについての" [About the development of "MOTHER 3" has been canceled]. 1101.com. Translation. Translated introduction. Archived from the original on August 30, 2014. Retrieved August 30, 2014.
  12. ^ "Mother 2". Weekly Famitsu (in Japanese): 170. July 15, 1994.
  13. ^ Meyer, John Mix (July 23, 2013). "Octopi! Spinal Tap! How Cult RPG EarthBound Came to America". Wired. Condé Nast. Archived from the original on January 25, 2014. Retrieved January 25, 2014.
  14. ^ Linde, Aaron (May 6, 2008). "EarthBotched: A History of Nintendo vs. Starmen". Shacknews. GameFly. Archived from the original on July 6, 2014. Retrieved July 6, 2014.
  15. ^ Eisenbeis, Richard (March 29, 2013). "Years Later, Mother 3 Still Lives Up to All the Hype". Kotaku. Gawker Media. Archived from the original on September 1, 2014. Retrieved September 1, 2014.
  16. ^ IGN Staff (January 14, 2004). "GAMING LIFE IN JAPAN". IGN. Ziff Davis. Archived from the original on November 16, 2014. Retrieved November 16, 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica