Apri il menu principale

L'eccidio di Torlano di Nimis fu un crimine di guerra della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale, che ebbe luogo il 25 agosto 1944 nella frazione di Torlano (comune di Nimis).

L'eccidio fu compiuto da membri delle Waffen-SS tedeschi e cosacchi, nonché da collaborazionisti italiani. Vennero rastrellati e trucidati 33 civili, inclusi donne e bambini[1][2]. Il relativo fascicolo di indagine fu rinvenuto soltanto nel 1994 all'interno del cosiddetto armadio della vergogna.

Elenco delle vittime[3]Modifica

  • Alfredo Bazzaro
  • Francesco Blasutto
  • Romilda Biasutto
  • Bruno Comelli
  • Giannina Comelli
  • Giobatta Comelli
  • Giovanni Comelli
  • Idelma Comelli
  • Luciano Comelli
  • Rita Comelli
  • Rosa Comelli
  • Stefano Comelli
  • Vittorio Comelli
  • Giuseppe Cussigh
  • Antonio De Bortoli
  • Bruna De Bortoli
  • Luciano De Bortoli
  • Maria De Bortoli
  • Oneglio De Bortoli
  • Silvano De Bortoli
  • Vilma De Bortoli
  • Virginio De Bortoli
  • Ruggero Dri
  • Ferruccio Dri
  • Teresina Dri
  • Giovanni Pellegrini
  • Santa Perlin
  • Valentino Pertossi
  • Luigi Saracco
  • Gelindo Sommaro (38 anni)
  • Anna Antonia Vizzuti
  • Lucia Vizzuti (moglie di Giobatta Comelli)
  • Lucia Vizzuti (moglie di Ruggero Dri)

NoteModifica

  1. ^ 25 agosto 1944: Strage di Torlano di Nimis, ANPI Mirano, 22 Agosto 2012.
  2. ^ In ricordo dell'eccidio a Torlano di Nimis, ANPI, 25 Agosto 2012.
  3. ^ anpiudine.org, http://www.anpiudine.org/la-strage-di-torlano/.

BibliografiaModifica

  • Imelde Rosa Pellegrini, L’eccidio di Torlano. Una famiglia contadina nelle storia rurale del Veneto Orientale tra le due guerre, Portogruaro, Nuova Dimensione, 1998, ISBN 88-85327-87-7.

Collegamenti esterniModifica