Edgar Broughton Band

Edgar Broughton Band
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenereRock progressivo
Rock psichedelico
Periodo di attività musicale1968 – 2010
Studio8
Live4
Sito ufficiale

Gli Edgar Broughton Band sono stati un gruppo di rock progressivo britannico attivo dagli anni '70 fino al 2010[1].

BiografiaModifica

Gli Edgar Broughton Band nascono nel 1968 a Warwick su iniziativa di Edgar Broughton (chitarra e tastiere) al quale si uniscono il fratello Steve alla batteria, Victor Unitt alla chitarra e Arthur Grant al basso.

Dopo essersi trasferiti a Londra nel 1968, nel 1969 si rendono popolari nella scena del rock underground londinese dove vengono notati da Peter Jenner che li propone alla Harvest. Con l'etichetta della EMI dedicata al rock progressivo ottengono un contratto discografico e nel luglio 1969 pubblicano il loro primo LP, Wasa Wasa[2].

Nel 1970 Unitt abbandona la band e i tre membri rimasti pubblicano il loro secondo disco Sing Brother Sing, che raggiunge la top 20 inglese[2].

La durezza dei toni presenti nei primi due dischi si ammorbidisce nel terzo, The Edgar Broughton Band pubblicato nel 1971 con la formazione originaria (i fratelli Broughton, Unitt e Grant).

Le successive pubblicazioni sono Inside Out del 1972 e Oora del 1973, un disco dai forti accenti ironici[2].

Il loro passaggio alla WWA comportò non pochi problemi legali, in seguito alle affermazioni della band che sosteneva che l'etichetta si fosse illecitamente impossessata dell'album Bandages. Per tre anni la band non poté più pubblicare dischi, fin quando, nel 1975 non rilasciarono Bandages con la Nems[2].

Nel 1979 i fratelli Broughton e Arthur Grant si riuniscono, pubblicando due LP, Parlez-Vous English? nel 1979 e Superchip, che ottengono risultati deludenti.

La storia successiva è fatta di lunghe pause, mini tour e nessuna nuova pubblicazione originale, fino allo scioglimento definitivo nel 2010.

Formazione baseModifica

  • Edgar Broughton - chitarra e tastiere
  • Steve Broughton - batteria
  • Victor Unitt - chitarra
  • Arthur Grant - basso.

DiscografiaModifica

Album in studio
Live
  • 1979 - Live Hits Harder
  • 1998 - Chilly Morning Mama
  • 2000 - Demons at the Beeb, Live
  • 2004 - Keep Them Freaks a Rollin': Live at Abbey Road 1969
Raccolte
  • 1975 - A Bunch of 45's

NoteModifica

  1. ^ Eddy Cilia e Federico Guglielmi (a cura di), Rock. I 500 dischi fondamentali, Giunti, 2002, ISBN 88-09-02750-7.
  2. ^ a b c d Nick Logan e Bob Woffinden, 1977, pg.74

BibliografiaModifica

  • Rizzi, Cesare. The prog side of the moon. Firenze: Giunti Editore (2010).
  • Eddy Cilia e Federico Guglielmi (a cura di), Rock. I 500 dischi fondamentali, Giunti, 2002, ISBN 88-09-02750-7.
  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN121024581 · ISNI (EN0000 0000 8189 718X · LCCN (ENn91086058 · BNF (FRcb13947710w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n91086058
  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo