Edoardo Bosio

calciatore italiano
Edoardo Bosio
Edoardo Bosio.png
Edoardo Bosio nel 1889
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181[1] cm
Peso 72[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 1902
Carriera
Squadre di club1
1887-1891Torino FCC0 (0)
1891-1899Internazionale Torino4 (3)
1900-1902Torinese6 (3)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Edoardo Johann Peter Bosio (Torino, 9 novembre 1864[2]Davos, 31 luglio 1927[3]) è stato un imprenditore e calciatore italiano, fondatore e giocatore del Torino FCC, progenitore dell'Internazionale Torino[4].

BiografiaModifica

Gli iniziModifica

Discendente dello svizzero Giacomo Bosio, che con il motto «Bona cervisia lætificat cor hominum»[5], nel 1845, fondò il primo birrificio d'Italia con sede nella centrale via della Consolata a Torino.[6][7] Dopo essersi diplomato come ragioniere, fu assunto dalla Thomas & Adams di Nottingham, ditta operante nel campo dei tessili: ciò gli consentì di conoscere e praticare gli ambienti inglesi del football. Ritornato nel 1887 a Torino, si dimostrò immediatamente uno sportivo appassionato, avvicinandosi al canottaggio. Infatti, divenne socio della Società Armida, e successivamente il direttore tecnico della società.[8] Nel 1889 vinse sul 4+ il primo titolo di Campione d'Italia (equipaggio Armida Rigat- Nicola - Bosio- Cappelaro) Dall'Inghilterra aveva riportato in Italia però, soprattutto, la passione per il football e qualche pallone di cuoio, cosa certamente non frequente all'epoca nella penisola. Bosio, proprio grazie ai suoi trascorsi britannici, era capace di giocare con la palla ed era intenzionato a dare un'organizzazione che consentisse la diffusione della pratica di quel gioco.

Fu così che, con i colleghi d'oltre Manica della filiale torinese della Thomas & Adams, fondò il Torino FCC[9], società sportiva che praticava il canottaggio d'estate e il football d'inverno. Si ha anche notizia dell'abbigliamento usato: camicia a righe rossonere con il colletto bianco, un berretto in testa e calzoni lunghi.

Nel 1889, al patinoire del Valentino, il principe Luigi Amedeo di Savoia-Aosta, il barone Cesana, il marchese Alfonso Ferrero de Gubernatis Ventimiglia e altri rappresentanti dell'aristocrazia fondarono la Nobili Torino. L'iniziativa di Bosio si incrociò subito con quella di questi esponenti della nobiltà piemontese: nacque così nel 1891 l'International Football Club, nota anche come Internazionale Torino.

Bosio era un personaggio eclettico per quell'epoca, oltre a praticare più sport e nello stesso tempo lavorare come mercante, ebbe il merito di esordire anche nel mondo dei cortometraggi cinematografici, come regista e fotografo in occasione del film: “La vita negli abissi del mare“, film del 1914.[10] Il cortometraggio venne prodotto dalla Vesuvio Films, con la collaborazione dell'Ambrosio Film di Torino che co-produsse la pellicola.[11]

Bosio morì a 62 anni nel 1927.

È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

CalciatoreModifica

ClubModifica

Bosio partecipò al primo campionato di calcio italiano, tra le file dell'Internazionale Torino, segnando il primo goal nella storia del calcio professionistico italiano e vincendo per due a uno contro il Torinese; arrivò a disputare la finale persa contro il Genoa per due a uno, anche in questa occasione fu lui a segnare per la sua squadra.

Anche nella stagione seguente, sempre tra le file dell'Internazionale Torino, disputò la finale di campionato, persa anche in questa occasione contro i genovesi, che vinsero per tre a uno.

Nel 1900 a seguito della fusione dell'Internazionale Torino con il Torinese, disputò la finale di campionato, dove subì la terza sconfitta consecutiva contro il Genoa.[12]

Nel 1902 risulta ancora in rosa agli oro-nero.[13]

Rappresentativa ItalianaModifica

Il 30 aprile 1899 giocò a Torino presso il Velodromo Umberto I l'incontro amichevole nella Selezione Italiana contro la Selezione Svizzera, terminato due a zero a favore degli elvetici.[14]

NoteModifica

  1. ^ a b CALCIO Archivio storico del Comune di Torino
  2. ^ O. VIGLIANI 80 - S.R.L. Imprese nel tempo
  3. ^ F. Turco, V. Savasta,  p. 26.
  4. ^ F. Turco, V. Savasta,  pp. 18-29.
  5. ^ La buona birra allieta il cuore degli uomini.
  6. ^ Bosio e Caratsch, Torino. Archiviato il 9 agosto 2014 in Internet Archive. Museo Torino
  7. ^ La fabbrica di birra Bosio & Caratsch Mondo Birra
  8. ^ F. Turco, V. Savasta,  p. 19.
  9. ^ IL CANOTTAGGIO NELLA STORIA Archiviato il 5 luglio 2013 in Internet Archive. Canottaggiolombardia.it
  10. ^ Bosio cineasta
  11. ^ F. Turco, V. Savasta,  p. 27.
  12. ^ Tuttomercatoweb Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  13. ^ LE ROSE DELLE SQUADRE DEL 1902 (PDF), su Magliarossonera.it. URL consultato il 1º marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2014).
  14. ^ Nel 1899 nasce a Genova il grande Ottavio Barbieri; la Federazione calcistica Italiana sfida la Federazione Svizzera Archiviato il 10 novembre 2012 in Internet Archive. tuttomercatoweb.com

BibliografiaModifica

  • John Foot, Calcio, Rizzoli, 2007.
  • Fabrizio Turco, Vincenzo Savasta, Il Calcio dimenticato. Toro, Genoa, Milan, Juve, il pallone dei pionieri, Roma, Editori Internazionali Riuniti, 2014, ISBN 978-88-359-9419-0.
  • Alessandro Bassi, Il Football dei pionieri, Torino, Bradipolibri Editore, 2012, ISBN 978-88-96184-60-8.
  • Carla F. Gütermann, Birrifici a Torino: dai Bosio ai Boringhieri, in «Arte&Storia», Svizzeri a Torino: nella storia nell'arte nella cultura nell'economia dal Quattrocento ad oggi, Edizioni Ticino Management, anno 11, numero 52, ottobre 2011. Lugano 2011, pp. 522–525.
  • Giulia Boringhieri, La Boringhieri & C., in «Arte&Storia», Svizzeri a Torino: nella storia nell'arte nella cultura nell'economia dal Quattrocento ad oggi, Edizioni Ticino Management, anno 11, numero 52, ottobre 2011. Lugano 2011, pp. 525–529.

FilmografiaModifica

  • Edoardo Bosio, La vita negli abissi del mare, Ambrosio Film, 1914.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica