Apri il menu principale

Edoardo Francesco del Liechtenstein

Generale austriaco

BiografiaModifica

OriginiModifica

Era un figlio più giovane del principe Giovanni I Giuseppe del Liechtenstein e di Giuseppa di Fürstenberg-Weitra. I suoi fratelli furono il successivo principe Luigi II e il militare Federico Alberto (1807–1885) e Francesco di Paola (1802–1887).

Carriera militareModifica

Entrò presto nell'esercito austriaco. Nel 1836 servì come maggiore nel 34º Reggimento di fanteria e fu promosso tenente colonnello nel 1838 e nel 1840 colonnello. Nel 1848 è stato comandante di divisione in Boemia e sostenuto il Principe Alfred von Windisch-Graetz nella repressione della rivolta di Pentecoste di Praga. Il 19 aprile 1848 fu promosso maggior generale. Si trasferì nel 1849 nel Nord Italia e partecipò come comandante di brigata nel corpo d'armata Wimpffen la campagna sul Po. Il 22 luglio 1849 venne promosso a luogotenente feldmaresciallo. Nella Seconda guerra d'indipendenza italiana del 1859 era comandante generale del II corpo del Feldzeugmeister Ferenc Gyulay. Le sue truppe combatterono nella battaglia di Magenta e coprirono la ritirata ordinata dell'esercito austriaco sconfitto. Nella battaglia di Solferino le sue truppe furono incaricate di abbracciare la destra dell'esercito francese comandato da Canrobert. La manovra maldestra del principe, che doveva garantire Mantova contro l'avanzata del V Corpo francese del principe Napoleone, fecero sì che le sue truppe non ottenessero un contatto appropriato col nemico. Il 16 novembre 1860 era in pensione. La sua tomba si trova a Vranov in Moravia.

FamigliaModifica

Il 15 ottobre 1839 sposò la contessa Honoria Chonloniewska, vedova Kowniacki (1º agosto 1813 Ochłopów - † 1º settembre 1869 Brno); dal matrimonio nacque:

  • Johann Alois (25 giugno 1840 - † 29 marzo 1885), sposato nel 1870 con la contessa Anna von Degenfeld-Schönburg (1849–1933).

NoteModifica

  1. ^ (DE) Biographisches Lexikon des Kaiserthums Oesterreich. 15. Theil. p. 122.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica