Effetto Early

L'effetto Early è un fenomeno caratteristico di tutti i transistor a giunzione bipolare (BJT, bipolar junction transistor) che consiste nella variazione della larghezza della base di un BJT dovuta ad una variazione della tensione fra base e collettore , la cui giunzione in regione lineare si trova in polarizzazione inversa. Infatti, fissato un valore di tensione base-emettitore, all'aumentare della tensione collettore-emettitore, aumenta la tensione di polarizzazione inversa della giunzione Base-collettore di conseguenza aumentando la larghezza della regione di svuotamento di tale giunzione. Tutto ciò porta ad una riduzione della larghezza totale della base del transistore, e poiché la corrente di saturazione è inversamente proporzionale alla larghezza della base, l'aumento della produce anche un aumento della corrente di collettore , la quale può essere espressa nei seguenti modi:

e, sapendo che può essere approssimata come segue

con che prende il nome di tensione di Early, con valori (negativi) tipicamente compresi fra e .

Tale effetto si può evidenziare osservando la lieve inclinazione delle rette sulla caratteristica di uscita ( e ), nella regione lineare. Tali rette risultano appartenere ad un fascio, il cui centro è il valore di tensione negativa .

Modifica al guadagno diretto di correnteModifica

In aggiunta si osserva una variazione del   in presenza dell'effetto Early, tale per cui:

 

e come prima,

 

dove  è il rapporto   in assenza di effetto Early.

Voci correlateModifica

  Portale Elettronica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di elettronica