Apri il menu principale
Eginardo in Grandes Chroniques de France, XIV secolo

Eginardo, chiamato anche Eginhard o Einhart (Fulda, 1 o 2 marzo 775 – Seligenstadt, 14 marzo 840), è stato uno storico franco al servizio di Carlo Magno.

Indice

BiografiaModifica

Fu educato all'abbazia di Fulda, dove ricevette una formazione di tipo romano che completò ad Aquisgrana, presso la corte di Carlo Magno, verso il 791-792.

Conosciuto per essere stato il biografo di Carlo Magno, succedette ad Alcuino nella direzione della Schola Palatina e ricoprì un ruolo di spicco nella rinascita carolingia: dapprima fu nominato segretario particolare e poi consigliere di Lotario I, figlio primogenito di Ludovico il Pio. Rimase vedovo in età avanzata. Ludovico gli donò terre nella sua regione di origine (Michlinstat, Mulinheim) e gli conferì numerosi abbaziati laici: Saint-Wandrille (Fontenelle), dall'816 all'823, San Bavone di Gand, San Servais di Maastricht. Egli fece costruire una chiesa a Mulinheim e vi fece trasferire le reliquie dei santi Marcellino e Pietro. Nell'828 fondò l'abbazia di Seligenstadt.

Le opere di EginardoModifica

NoteModifica

  1. ^ (FR) Alexandre Teulet, Opere complete di Eginardo riunite per la prima volta..., 1843
  2. ^ Gli annali d'Eginardo sul sito Monumenta Germaniae Historica[collegamento interrotto]

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14778504 · ISNI (EN0000 0001 2121 4444 · LCCN (ENn50046906 · GND (DE118529560 · BNF (FRcb11930094n (data) · NLA (EN35765718 · BAV ADV11105618 · CERL cnp01467362