Elcatonina

farmaco
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
elcatonina
Elcatonin.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC148H244N42O47
Massa molecolare (u)3363,78
Numero CAS60731-46-6
Numero EINECS262-393-7
Codice ATCH05BA04
PubChem16129700
Indicazioni di sicurezza

L'elcatonina è un polipeptide sintetico con sequenza aminoacidica analoga a quella della calcitonina di anguilla.
È più stabile delle calcitonine naturali perché priva di ponti disolfuro.[1]
Infatti l'elcatonina deriva a partire dalla calcitonina di anguilla cambiando il legame SS in un legame CN stabile.[2]

TossicologiaModifica

I valori della DL50, per via endovenosa, nel ratto è > 7 000 unità MRC/kg e nel topo è > 13 000 unità MRC/kg.

Usi cliniciModifica

L'elcatonina è indicata nel trattamento di ipercalcemie di diversa eziologia,[3][4][5] malattia di Paget,[6][7][8] malattia di Sudeck ed osteoporosi[9][10].

Dosi terapeuticheModifica

In caso di ipercalcemia, la posologia dell'elcatonina viene adattata al singolo paziente, sebbene la dose iniziale corrisponda generalmente a 40 unità MRC (40 unità MRC = 40 U.I.) due volte al giorno per via intramuscolare. Il dosaggio può essere poi gradualmente aumentato. Nei pazienti con osteoporosi, malattia di Sudeck, malattia di Paget, si somministrano 40 unità MRC 1-2 volte al giorno per iniezione intramuscolare oppure per via endonasale. La terapia deve essere protratta per alcuni mesi. Dosi elevate di farmaco possono provocare un'improvvisa e marcata ipocalcemia che va subito corretta con somministrazione di sali di calcio.

NoteModifica

  1. ^ Caniggia A, Nuti R, Vattimo A, et al., [Asu(1,7)E-CT, an analog of eel calcitonin. A comparative study in man with reference to other synthetic calcitonins], in Minerva Med., vol. 74, n. 18, aprile 1983, pp. 993–1010, PMID 6087215.
  2. ^ Morikawa T, Munekata E, Sakakibara S, Noda T, Otani M, Synthesis of eel-calcitonin and (asu1,7)-eel-calcitonin: contribution of the disulfide bond to the hormonal activity, in Experientia, vol. 32, n. 9, settembre 1976, pp. 1104–6, PMID 971732.
  3. ^ (JA) Hirota Y, Kondou S, Okamura H, et al., [Effectiveness of synthetic calcitonin derivative (elcatonin) on the bone pain and serum calcium concentration in multiple myeloma], in Gan To Kagaku Ryoho, vol. 17, n. 5, maggio 1990, pp. 1059–63, PMID 2334172.
  4. ^ (JA) Okayasu T, Masuda T, Hashimoto M, Tanabe T, [Clinical study of a synthetic calcitonin derivative (elcatonin) in patients with metastatic bone tumors], in Gan To Kagaku Ryoho, vol. 14, n. 9, settembre 1987, pp. 2703–9, PMID 3631970.
  5. ^ Iwasaki Y, Iwasaki J, Freake HC, Growth inhibition of human breast cancer cells induced by calcitonin, in Biochem. Biophys. Res. Commun., vol. 110, n. 1, gennaio 1983, pp. 235–42, PMID 6301441.
  6. ^ (JA) Mimura K, [Treatment of Paget's disease of bone], in Nippon Seikeigeka Gakkai Zasshi, vol. 59, n. 8, agosto 1985, pp. 751–61, PMID 3936894.
  7. ^ Rapado A, Yague M, Diaz Curiel M, et al., Cellular immunodeficiency in Paget's disease of bone: changes induced by treatment with elcatonin, in Calcif. Tissue Int., vol. 49, n. 6, dicembre 1991, pp. 436–7, PMID 1687865.
  8. ^ Italian Osteoporosis Network. Elcatonin in the treatment of osteoporosis. Results of a postmarketing surveillance study. Curr Ther Res. 1989;45:502–514
  9. ^ (JA) Yoshikawa S, Shiba M, Hoshino T, et al., [Effect of eel calcitonin derivative (elcatonin) in osteoporosis], in Nippon Seikeigeka Gakkai Zasshi, vol. 57, n. 11, novembre 1983, pp. 1717–28, PMID 6676389.
  10. ^ (JA) Hori M, Takahashi H, Konno T, et al., [Effect of elcatonin on experimental osteoporosis induced by ovariectomy and low calcium diet in beagles], in Nippon Yakurigaku Zasshi, vol. 84, n. 1, luglio 1984, pp. 91–8, PMID 6489866.
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina