Eleonora d'Aragona (1346-1405)

Eleonora d'Aragona (1346Giuliana, 1405) è stata una nobile spagnola, contessa di Caltabellotta.

BiografiaModifica

Nipote del Re del Regno di Sicilia Federico III d'Aragona e della Regina Eleonora d'Angiò, era la figlia dell'infante Giovanni e di Cesarina Lancia, figlia di Pietro.

Sposò nella chiesa del Castello di Pietrarossa Guglielmo Peralta, conte di Caltabellotta. Fu una delle donne più potenti dell'isola poiché era proprietaria di un cospicuo numero di feudi, quali Adragna, Calatafimi, Calatamauro, Caltanissetta, Comicchio, Contessa, Giuliana e Sambuca. Fu la madre di Nicola Peralta.

Alla morte della Regina Maria d'Aragona, avvenuta nel 1402, le succedette il marito Martino I d'Aragona: la situazione non era chiara poiché Eleonora vantava diritti al trono maggiori di lui.

La contessa morì nel 1405 a quasi 60 anni, età avanzata per l'epoca: nel suo testamento aveva nominato erede universale il prediletto nipote naturale Raimondetto Peralta. Tale scelta risultò però non gradita agli altri parenti.

Eleonora fu sepolta nell'Abbazia di Santa Maria del Bosco a Calatamauro, dove, anni dopo la sua morte, Francesco Laurana scolpì per il suo monumento funebre un celebre ritratto, oggi esposto alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis, a Palermo.

BibliografiaModifica

  • Maria Antonietta Russo, Eleonora d'Aragona, infanta e contessa di Caltabellotta, Caltanissetta-Roma, 2006.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica