Apri il menu principale
Elezioni legislative in Francia del 2002
Stato Francia Francia
Data 9 e 16 giugno 2002
Legislatura XII
Legge elettorale Scrutinio uninominale maggioritario a doppio turno
Jean-Pierre Raffarin par Guillaume Kretz.jpg Francois Hollande 2005.jpg
Leader Jean-Pierre Raffarin François Hollande
Partito UMP · UDF · MPF · DL · RPF · DVD PS · PCF · LV · PRG · PR · DVG
Coalizione Maggioranza presidenziale Sinistra parlamentare
I turno 10.958.278
43,39 %
9.405.340
37,26 %
II turno 11.198.433
52,76 %
9.587.663
45,19 %
Seggi
398
177
Legislatives2002.png
Assemblée nationale XIIe législature.png
Primo ministro uscente
Jean-Pierre Raffarin
Left arrow.svg 1997 2007 Right arrow.svg

Le elezioni legislative francesi del 2002 si sono tenute il 9 (primo turno) e il 16 giugno (secondo turno). Esse hanno visto la vittoria dell'Unione per la maggioranza presidenziale, nell'ambito della coalizione di centro-destra Maggioranza presidenziale. Primo ministro è stato riconfermato Jean-Pierre Raffarin.

Indice

ContestoModifica

All'XI legislatura della Quinta Repubblica francese uscente dell'Assemblée nationale era maggioritaria la coalizione di centro-sinistra Majorité plurielle o Gauche plurielle, composta da Partito Socialista, Partito Comunista Francese, Partito Radicale di Sinistra, I Verdi e Movimento dei cittadini (quest'ultimo poi confluito nel Polo repubblicano). Le elezioni legislative anticipate del 1997 avevano infatti condotto alla vittoria del centro-sinistra e alla seconda coabitazione tra il Presidente Chirac e il Primo ministro Lionel Jospin.

Dopo la modifica costituzionale del 2000, il mandato presidenziale è stato ridotto da 7 a 5 anni (la medesima durata della legislatura) e le elezioni legislative sono fissate per il mese successivo le elezioni presidenziali.

Queste elezioni legislative si sono svolte a seguito dell'elezioni presidenziale del 2002 che, il mese precedente, avevano portato alla rielezione di Jacques Chirac. A seguito di queste elezioni, che in particolare avevano visto l'eliminazione del candidato socialista al primo turno a favore del candidato frontista, la destra si riunisce attorno alla nuova coalizione di centro-destra Unione per la maggioranza presidenziale (che in seguito diventerà l'Unione per un Movimento Popolare), che unisce insieme il Raggruppamento per la Repubblica, Democrazia Liberale, Écologie bleue e molti parlamentari dell'Unione per la Democrazia Francese.

Il risultato complessivo dei candidati della sinistra (32,45%), rispetto a quelli della destra (29,21%) alle elezioni presidenziali del 2002, aveva fatto sperare alla sinistra un successo alle successive elezioni legislative, che tuttavia però non si è verificato.

Infatti, dal momento che le elezioni legislative si sono svolte un mese dopo le presidenziali, gli elettori hanno riconfermato la fiducia a Chirac e alla maggioranza presidenziale che lo sosteneva, che quindi ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi (398 su 577).

L'Unione per un Movimento Popolare ha ottenuto 358 seggi, ovvero 219 seggi in più rispetto ai seggi dell'RPR alle precedenti elezioni del 1997, ma l'Unione per la Democrazia Francese ha ottenuto solo 27 seggi, ovvero 85 in meno. Tuttavia, gran parte dei parlamentari dell'UDF erano confluiti nell'UMP, e considerando che nel 1997 RPR e UDF avevano ottenuto rispettivamente 139 e 112 seggi (ovvero 251 seggi in più), la differenza finale (dei due principali partiti di centro-destra) è di 134 seggi in più.

A sinistra, il Partito Socialista perde 115 seggi e il Partito Comunista Francese ne perde 14.

Il Fronte Nazionale, che pure aveva ottenuto più di 4,8 milioni di voti al primo turno delle presidenziali del mese precedente, ottiene 2,8 milioni di voti nel primo turno delle legislative, perdendo così 2 milioni di voti e soprattutto perdendo anche l'unico seggio che aveva. Con l'11,34% al primo turno delle legislative il FN è il terzo partito (dopo l'UMP e il PS).

Il sistema elettorale francese inoltre tende a "favorire" o "sfavorire" (in termini di seggi ottenuti) le liste a seconda della capacità di queste ultime di creare delle alleanze in vista del ballottaggio tra il primo e il secondo turno; un caso emblematico è il Fronte Nazionale (partito con il quale storicamente gli altri partiti rifiutano di fare alleanze) che con l'11,34% al primo turno e l'1,85% al secondo turno, alla fine riesce non ottiene alcun seggio.

RisultatiModifica

Elezioni legislative del 2002[1]
PartitoPrimo turno
9 giugno 2002
Ballottaggio
16 giugno 2002
Seggi
Voti%±Voti%±Num±
Unione per la maggioranza presidenziale (UMP)8 408 02333,30n.d.10 029 66947,26n.d.358+219
Unione per la Democrazia Francese (UDF)1 226 4624,86n.d.832 7853,92n.d.27-85
DVD921 9733,65n.d.274 3741,29n.d.8+8
Movimento per la Francia (MPF)202 8310,80n.d.1+1
Democrazia Liberale (DL)104 7670,41n.d.2+2
Raggruppamento per la Francia (RPF)94 2220,37n.d.61 6050,29n.d.2+2
Partito Socialista6 086 59924,11n.d.7 482 16935,26n.d.140-115
Partito Comunista Francese1 216 1784,82n.d.690 8073,26n.d.21-14
I Verdi1 138 2224,51n.d.677 9333,19n.d.3-4
Partito Radicale di Sinistra388 8911,54n.d.455 3602,15n.d.7-5
Polo repubblicano299 8971,19n.d.12 6790,06n.d.0-7
DVG275 5531,09n.d.268 7151,27n.d.6+2
Fronte Nazionale2 862 96011,34n.d.393 2051,85n.d.0-1
Caccia, Pesca, Natura e Tradizioni422 4481,67n.d.n.d.
Lega Comunista Rivoluzionaria (LCR)320 4671,27n.d.n.d.
Lotta Operaia (LO)301 9841,20n.d.n.d.
Diversi Ecologisti295 8991,17n.d.n.d.
Movimento Nazionale Repubblicano (MNR)276 3761,09n.d.n.d.
DIV194 9460,77n.d.13 0360,06n.d.1-4
Estrema sinistra81 5580,32n.d.n.d.
Regionalisti66 2400,26n.d.28 6890,14n.d.1+1
Estrema destra59 5490,24n.d.n.d.
Iscritti40 968 484100,0036 783 746100,00
↳ Votanti (% su iscritti)26 389 87564,42n.d.22 186 16560,32n.d.
 ↳ Voti validi (% su votanti)25 246 04595,6721 221 02695,65
 ↳ Voti non validi (% su votanti)1 143 8304,33965 1394,35
↳ Astenuti (% su iscritti)14 578 60935,5814 597 58139,68
La maggioranza assoluta all'Assemblée nationale è di 289 seggi (su 577).
La Maggioranza presidenziale (UMP · UDF · MPF · DL · RPF · DVD) ottiene la maggioranza assoluta dei seggi (398 su 577)
L'Unione per la maggioranza presidenziale ottiene la maggioranza assoluta dei seggi (358 su 577)

SeggiModifica

Seggi ottenuti all'Assemblée nationale[1]
Maggioranza presidenziale Sinistra parlamentare Altri partiti Totale
398 177 2 577
UMP UDF DVD MPF DL RPF PS PCF PRG DVG LV REG DIV Totale
358 27 8 1 2 2 140 21 7 6 3 1 1 577

Gruppi all'AssembleaModifica

Gruppi all'Assemblée nationale (1º luglio 2002[2])
# Gruppo parlamentare Lista / partito maggioritario Membri App Totale Tipo
Union pour la majorité présidentielle (UMP) Unione per un Movimento Popolare (UMP) 356 9 365 Maggioritario
Socialiste Partito Socialista (PS) 140 1 141 Opposizione
Union pour la démocratie française (UDF) Unione per la Democrazia Francese (UDF) 27 2 29 Minoritario
Communistes et républicains Partito Comunista Francese (PCF) 21 0 21 Opposizione
Non inscrit 21 0 21
# Totale 565 12 577 #
Nota: sono riportati i gruppi così come formatisi all'indomani delle elezioni, i membri dei gruppi possono variare nell'arco della legislatura; accanto al nome del gruppo è riportato il nome della lista dalla quale provengono maggioritariamente i membri del gruppo; i membri dei gruppi non riflettono quindi perfettamente gli eletti delle liste; i membri "apparentati" sono generalmente gli eletti di liste minori o divers; il "tipo" indica l'appartenenza del gruppo alla "maggioranza" (gruppo maggioritario il gruppo più grande, gruppi minoritari tutti gli altri) o all'"opposizione" (se il gruppo lo dichiara espressamente), un asterisco indica se il posizionamento non è chiaro ma deducibile dalla dichiarazione di creazione del gruppo.

NoteModifica

  1. ^ a b MinInt - Résultats des élections législatives 2002 ; AssNat - Résultats des élections législatives 2002
  2. ^ (FR) Effectif des groupes politiques, su assemblee-nationale.fr, 1º luglio 2002 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2002).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica