Elezioni regionali italiane del 2000

(Reindirizzamento da Elezioni regionali del 2000)
Situazione prima l'elezione
Situazione dopo l'elezione

Le elezioni regionali italiane del 2000 si sono tenute il 16 aprile ed hanno interessato tutte le quindici regioni a Statuto ordinario.

L'esito delle elezioni vide l'insuccesso del centrosinistra, che non riuscì a confermarsi in Liguria, Lazio, Abruzzo e Calabria: in otto regioni (pari a 32 milioni di abitanti) prevalse la coalizione di centro-destra della Casa delle Libertà, mentre, nelle altre sette (pari a 16 milioni di abitanti), vinse lo schieramento di centro-sinistra de L'Ulivo, alleato, in genere, con Rifondazione Comunista.

Successivamente il TAR del Molise, con una decisione che non ebbe eguali nella giurisprudenza italiana, annullò la vittoria ottenuta in tale regione per circa 600 voti dal candidato ulivista Giovanni Di Stasi (per via di alcune irregolarità riscontrate nelle liste dei Verdi) ed indicò nuove elezioni da tenere l'11 novembre del 2001, che videro la vittoria del forzista Michele Iorio.

La sconfitta elettorale portò Massimo D'Alema alla decisione di rassegnare le dimissioni da Presidente del Consiglio[1]: D'Alema divenne così il primo capo del governo italiano a dimettersi per via di una sconfitta locale. Non essendo venuta meno una maggioranza parlamentare, venne formato un nuovo governo la cui guida fu assunta da Giuliano Amato (Governo Amato II).

Indice

Riepilogo nazionale delle liste circoscrizionaliModifica

Elettori: 41.575.520
Votanti: 30.366.957 73,04%
Schede nulle 2.175.482
di cui bianche 671.899
Liste Voti  % Seggi
Forza Italia 6.447.752 25,370 157
Democratici di Sinistra[2] 4.483.765 17,642 121
Alleanza Nazionale 3.280.654 12,908 75
Partito della Rifondazione Comunista 1.295.869 5,099 29
Lega Nord[3] 1.263.311 4,971 21
Centro Sinistra[4] 918.345 3,613 19
I Democratici[5] 885.331 3,484 24
Centro Cristiano Democratico[6] 851.852 3,352 25
Partito Popolare Italiano[7] 728.241 2,865 21
Cristiani Democratici Uniti[6] 695.141 2,735 13
Lista Emma Bonino 565.298 2,224 5
Partito dei Comunisti Italiani 513.233 2,019 12
Federazione dei Verdi[2] 497.885 1,959 11
Socialisti Democratici Italiani[8] 433.078 1,704 12
Unione Democratici per l'Europa[9] 424.985 1,672 11
Lista Cacciari[10] 312.347 1,229 9
PPI - Lista Dini[11] 200.598 0,789 3
Partito Socialista - Socialdemocrazia[12] 178.175 0,701 2
Partito Democratico Cristiano[13] 150.384 0,592 3
SDI - PRI[14] 144.342 0,568 4
Lista Dini - Rinnovamento Italiano[15] 137.878 0,543 3
Liberal Sgarbi - I Libertari[16] 113.796 0,448 1
Partito Pensionati[17] 94.377 0,372 1
SDI - Liberali - Altri[4] 86.517 0,340 1
PPI - UDEUR[18] 79.936 0,315 3
Centro per Il Piemonte (PPI-Lista Dini-UDEUR)[19] 74.888 0,295 1
Partito Repubblicano Italiano[20] 66.151 0,260 1
Veneti d'Europa[10] 56.448 0,222 -
Movimento Sociale - Fiamma Tricolore[21] 47.240 0,186 -
Partito Umanista[22] 42.235 0,166 -
Fronte Marco Polo[10] 28.568 0,112 -
Autonomisti per l'Europa[19] 26.639 0,105 -
Liguria Nuova[23] 24.943 0,098 1
PPI - PRI[24] 24.863 0,098 1
SDI - UDEUR[24] 23.855 0,094 1
CCD - CDU[24] 22.655 0,089 1
Lega d'Azione Meridionale[25] 18.839 0,074 -
Fiamma Tricolore - Fronte Nazionale[26] 17.279 0,068 -
Lista Mancini - Movimento Meridionale[27] 15.801 0,062 -
Pensionati Uniti[28] 14.666 0,058 -
Patto Segni[27] 14.489 0,057 -
Partito Repubblicano Italiano - Centro Popolare[27] 12.840 0,051 -
Liguria Animalista[23] 11.984 0,047 -
Azione Popolare[29] 9.080 0,036 -
Verdi Verdi[19] 8.498 0,033 -
Patto per l'Abruzzo[30] 8.374 0,033 -
Governare l'Emilia-Romagna[29] 8.094 0,032 -
Viva le Marche[31] 7.085 0,028 -
Autonomia Liberale[28] 5.474 0,022 -
COBAS per l'Autorganizzazione[32] 5.188 0,020 -
Diritti Civili[27] 4.941 0,019 -
Il Trifoglio[25] 4.673 0,018 -
Popolari di Ispirazione Cristiana[33] 4.362 0,017 -
Fronte Nazionale[30] 4.185 0,016 -
Liberal Sgarbi - Partito Socialista[34] 3.583 0,014 -
Per l'Italia[23] 2.806 0,011 -
Democrazia Moderna[35] 2.594 0,010 -
Forza Nuova - Nuovo Progetto[34] 2.348 0,009 -
Lega Sud Ausonia[32] 2.219 0,009 -
Movimento Autonomista Toscano[36] 2.176 0,009 -
Unione Democratici Veneti[10] 1.730 0,007 -
Totale 25.414.883 592

Riepilogo nazionale delle liste regionaliModifica

Liste Voti  % Seggi
centrodestra[37] 14.270.515 50,62 81
centrosinistra[38] 12.554.905 44,53 63
Lista Emma Bonino 711.773 2,52 0
Partito della Rifondazione Comunista[39] 159.862 0,57 0
Partito dei Comunisti Italiani[40] 110.202 0,39 0
Partito Umanista[41] 82.178 0,29 0
Veneti d'Europa-Veneto Futuro-Autonomisti per l'Europa[42] 71.878 0,25 0
Polo Federalista[43] 62.288 0,22 0
Fronte Marco Polo[42] 45.975 0,16 0
Lega d'Azione Meridionale[44] 29.317 0,10 0
Partito Repubblicano Italiano[45] 19.083 0,07 0
Movimento Sociale - Fiamma Tricolore[46] 12.232 0,04 0
Azione Popolare[47] 11.447 0,04 0
Viva le Marche[45] 11.106 0,04 0
Diritti Civili[48] 9.840 0,03 0
Cobas per l'Autorganizzazione[49] 9.331 0,03 0
Autonomia Liberale[50] 7.582 0,03 0
Fronte Nazionale[51] 5.699 0,02 0
Forza Nuova[52] 3.465 0,01 0
Movimento Sociale - Fiamma Tricolore - Fronte Nazionale[53] 2.798 0,01 0
Totale 28.191.475 100,00 144

Candidati alla presidenza della RegioneModifica

Regione Candidati Presidenti uscenti
L'Ulivo Casa delle Libertà Lista Emma Bonino Altri
Abruzzo Antonio Falconio
(48,8%)
Giovanni Pace
(49,3%)
Luigino Del Gatto
(1,2%)
Paolo Vecchioli (Fronte Nazionale)
(0,7%)
Antonio Falconio (L'Ulivo)
Basilicata Filippo Bubbico
(63,1%)
Nicola Pagliuca
(35,1%)
Maurizio Bolognetti
(0,8%)
Bonaventura Postiglione (Nuovo Progetto)
(1,0%)
Raffaele Dinardo (L'Ulivo)
Calabria Nuccio Fava
(48,7%)
Giuseppe Chiaravalloti
(49,8%)
Antonio Marzano
(0,8%)
Francesco Corbelli (Diritti civili)
(1,0%)
Luigi Meduri (L'Ulivo)1
Campania Antonio Bassolino
(54,2%)
Antonio Rastrelli
(44,2%)
Marco Pannella
(1,3%)
Vittorio Granillo (COBAS per l'Autorganizzazione)
(0,3%)
Andrea Losco (L'Ulivo)2
Emilia-Romagna Vasco Errani
(56,5%)
Gabriele Canè
(40,3%)
Sergio Stanzani
(2,8%)
Carlo Rasmi (Azione Popolare)
(0,2%)
Vasco Errani (L'Ulivo)
Lazio Piero Badaloni
(46,0%)
Francesco Storace
(51,3%)
Rita Bernardini
(2,2%)
Marina Larena (Partito Umanista)
(0,3%)

Severino Antinori (Autonomia Liberale)
(0,2%)

Piero Badaloni (L'Ulivo)
Liguria Giancarlo Mori
(46,0%)
Sandro Biasotti
(50,8%)
Mario Tarantino
(2,8%)
Irene Menghini (Partito Umanista)
(0,6%)
Giancarlo Mori (L'Ulivo)
Lombardia Mino Martinazzoli
(31,5%)
Roberto Formigoni
(62,4%)
Benedetto Della Vedova
(3,3%)
Nerio Nesi (PdCI)
(2,0%)

Giorgio Carlo Schultze (Partito Umanista)
(0,8%)

Roberto Formigoni (CdL)
Marche Vito D'Ambrosio
(49,9%)
Maurizio Bertucci
(44,2%)
Marcello Crivellini
(2,4%)
Luciana Sbarbati (PRI)
(2,2%)

Enrico Buoncompagni (Viva le Marche)
(1,3%)

Vito D'Ambrosio (L'Ulivo)
Molise Giovanni Di Stasi
(49,0%)
Michele Iorio
(48,7%)
Donato de Renzis
(1,1%)
Saturnino Carrozzelli (Fiamma Tricolore)
(1,3%)
Marcello Veneziale (L'Ulivo)3
Piemonte Livia Turco
(39,5%)
Enzo Ghigo
(51,9%)
Emma Bonino
(5,7%)
Francesca Calvo (Verdi Verdi-ApE)
(2,6%)

Antonio Tevere (Partito Umanista)
(0,4%)

Enzo Ghigo (CdL)
Puglia Giannicola Sinisi
(43,5%)
Raffaele Fitto
(53,9%)
Danilo Quinto
(1,3%)
Giancarlo Cito (LAM)
(1,3%)
Salvatore Distaso (CdL)
Toscana Claudio Martini
(49,2%)
Altero Matteoli
(40,2%)
Gianfranco Dell'Alba
(2,5%)
Nicolò Pecorini (Rifondazione Comunista)
(7,7%)

Paolo Vecchi (Partito Umanista)
(0,6%)

Vannino Chiti (L'Ulivo)
Umbria Maria Rita Lorenzetti
(56,4%)
Maurizio Ronconi
(39,2%)
Elisabetta Chiacchiella
(2,0%)
Fulvio Carlo Maiorca (Fiamma Tricolore)
(2,4%)
Bruno Bracalente (L'Ulivo)
Veneto Massimo Cacciari
(38,2%)
Giancarlo Galan
(54,9%)
Marco Cappato
(2,5%)
Fabrizio Comencini (Veneti d'Europa)
(2,7%)

Fabio Padovan (Fronte Marco Polo)
(1,7%)

Giancarlo Galan (CdL)

1 Nelle elezioni del 1995 vinse la Casa delle Libertà con Giuseppe Nisticò, ma nel 1999 perse la maggioranza e venne eletto presidente Luigi Meduri, in rappresentanza dell'Ulivo.

2 Nelle elezioni del 1995 vinse la Casa delle Libertà con Antonio Rastrelli, ma nel 1999 perse la maggioranza che porta alla presidenza di Andrea Losco, espressione dell'area di centrosinistra.

3 Nelle elezioni del 1995 vinse L'Ulivo con Veneziale. Tra il 1998 e il 1999 ci furono due brevi cambi di maggioranza con la presidenza di Michele Iorio prima alla guida di una giunta di centro e poi di centrodestra. Infine, nel febbraio del 1999 torna al controllo dell'amministrazione regionale il centrosinistra con Marcello Veneziale.

NoteModifica

  1. ^ D'Alema dà le dimissioni Il mio compito è finito
  2. ^ a b Non presente in Lombardia
  3. ^ Non presente in Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria
  4. ^ a b Lista presente solo in Lombardia
  5. ^ Non presente in Lombardia e Veneto
  6. ^ a b Non presente in Umbria
  7. ^ Non presente in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Marche, Umbria e Lazio
  8. ^ Non presente in Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Umbria e Veneto
  9. ^ Non presente in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Marche e Umbria
  10. ^ a b c d Lista presente solo in Veneto
  11. ^ Lista presente in Emilia-Romagna e Lazio
  12. ^ Lista presente in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Molise, Campania, Puglia e Calabria
  13. ^ Lista presente in Piemonte, Lazio, Abruzzo, Campania e Puglia
  14. ^ Lista presente in Liguria, Veneto, Toscana e Lazio
  15. ^ Lista presente in Campania, Puglia, Basilicata e Calabria
  16. ^ Lista presente in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia e Calabria
  17. ^ Lista presente in Liguria, Lombardia e Piemonte
  18. ^ Lista presente in Liguria e Marche
  19. ^ a b c Lista presente solo in Piemonte
  20. ^ Lista presente in Emilia-Romagna, Marche e Campania
  21. ^ Lista presente in Umbria, Abruzzo, Campania, Puglia e Basilicata
  22. ^ Lista presente in Liguria, Lombardia, Toscana e Lazio
  23. ^ a b c Lista presente solo in Liguria
  24. ^ a b c Lista presente solo in Umbria
  25. ^ a b Lista presente solo in Puglia
  26. ^ Lista presente in Molise e Calabria
  27. ^ a b c d Lista presente solo in Calabria
  28. ^ a b Lista presente solo nel Lazio
  29. ^ a b Lista presente solo in Emilia-Romagna
  30. ^ a b Lista presente solo in Abruzzo
  31. ^ Lista presente solo nelle Marche
  32. ^ a b Lista presente solo in Campania
  33. ^ Lista presente solo in Molise
  34. ^ a b Lista presente solo in Basilicata
  35. ^ Lista presente solo in Lazio
  36. ^ Lista presente solo in Toscana
  37. ^ Liste sostenute dalle coalizioni imperniate su Forza Italia.
  38. ^ Liste sostenute dalle coalizioni imperniate sui Democratici di Sinistra.
  39. ^ Presente solo in Toscana.
  40. ^ Presente solo in Lombardia.
  41. ^ Presente solo in Piemonte, Lombardia, Liguria, Toscana e Lazio.
  42. ^ a b Presente solo in Veneto.
  43. ^ Presente solo in Piemonte.
  44. ^ Presente solo in Puglia.
  45. ^ a b Presente solo nelle Marche.
  46. ^ Presente solo in Umbria.
  47. ^ Presente solo in Emilia-Romagna.
  48. ^ Presente solo in Calabria.
  49. ^ Presente solo in Campania.
  50. ^ Presente solo in Lazio.
  51. ^ Presente solo in Abruzzo.
  52. ^ Presente solo in Basilicata.
  53. ^ Presente solo in Molise.