Elisabetta Canalis

showgirl, modella e attrice italo-statunitense (1978-)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Canalis" rimanda qui. Se stai cercando la moglie morganatica di Vittorio Amedeo II di Savoia, vedi Anna Canalis di Cumiana.

Elisabetta Canalis (Sassari, 12 settembre 1978) è una showgirl, modella e attrice italiana naturalizzata statunitense.

Elisabetta Canalis
Elisabetta Canalis 66ème Festival de Venise (Mostra).jpg
Elisabetta Canalis alla 66ª Mostra del cinema di Venezia, nel 2009
Altezza170 cm
Misure86-61-89
Peso59 kg
Scarpe38 (UE)
Occhimarroni
Capellicastani

BiografiaModifica

Dopo la maturità classica, conseguita presso il liceo classico Domenico Alberto Azuni di Sassari, si trasferisce a Milano, per frequentare il corso di laurea in lingue e letterature straniere dell'Università Statale, sostenendo solo pochi esami e non conseguendo la laurea; in questo periodo partecipa a vari casting, tra cui quello per il film Il pesce innamorato di Leonardo Pieraccioni. Il 27 settembre 1999, oltre a presenziare come valletta ai Telegatti e realizzare uno spot per i cioccolatini M&M's, viene scelta come velina bruna per Striscia la notizia fino all'8 giugno 2002, in coppia con Maddalena Corvaglia.

Le due veline posano per il calendario 2002 allegato al numero di ottobre 2001 della rivista GQ che, per l'occasione, viene posto in vendita al prezzo di 12.000 lire. Dopo il calendario nudo 2003 per la rivista Max,[1] la Canalis diviene valletta in due edizioni del programma sportivo Controcampo, in onda su Italia 1, anche recitando nella terza e nella quarta stagione della fiction Carabinieri.

Il 28 marzo 2003 prende parte al programma Ciao Darwin, nella categoria "Veline". Capitanando la squadra con la collega Maddalena Corvaglia, sono le avversarie della squadra "Intellettuali", capeggiata da Irene Pivetti. Sempre nel 2003, in coppia con Federica Fontana, conduce su Italia 1 il programma comico Ciro presenta Visitors; un anno dopo prende parte al sequel Super Ciro, sulla stessa rete.

Nel 2004 ha una parte nel videoclip della canzone di Biagio Antonacci, Convivendo, girato nel parco giardino Sigurtà. Sono da menzionare anche un paio di partecipazioni in produzioni cinematografiche negli Stati Uniti, nei film Deuce Bigalow - Puttano in saldo (2005), di Mike Bigelow, e Decameron Pie (2007), di David Leland: in entrambe le occasioni fa tuttavia poco più che una comparsata.

Nel 2005, conduce per una settimana Striscia la notizia, insieme all'ex collega Maddalena Corvaglia. Nel 2006, in sostituzione di Michelle Hunziker, è protagonista con Fabio De Luigi della seconda stagione della sit-com Love Bugs, diretta da Marco Limberti, e partecipa al cine-panettone Natale a New York, di Neri Parenti. Nel frattempo, è testimonial della TIM nei panni di una tassista. Torna al fianco di Sandro Piccinini in Controcampo Ultimo Minuto all'inizio della stagione 2006/2007.

 
Elisabetta Canalis nel 2008

Nel 2007 è poi ospite fissa del programma della Gialappa's Band Mai dire Martedì; conduce, inoltre, il Festivalbar 2007, insieme a Giulio Golia ed Enrico Silvestrin. Nello stesso anno partecipa come ospite a sorpresa a Buona la prima!, trasmissione di Ale e Franz basata sull'improvvisazione, in onda su Italia 1. Nel 2008 partecipa al cine-panettone La fidanzata di papà, con Massimo Boldi e Simona Ventura. Nel 2008 è co-conduttrice di Artù con Gene Gnocchi.

Nel 2009 comincia a lavorare per la rete MTV italiana, affiancando il vj Carlo Pastore nella conduzione dello show quotidiano Total Request Live, in sostituzione di Elena Santarelli. In coppia con il medesimo conduttore, il 16 maggio 2009, presenta gli MTV TRL Awards 2009, in Piazza Unità d'Italia a Trieste. Nel 2010, in pieno boom mediatico grazie al flirt con George Clooney, ha un ruolo secondario in cinque episodi della serie televisiva statunitense Leverage - Consulenze illegali. Sempre nel 2010 la Canalis è tra gli attori che recitano nel cine-panettone A Natale mi sposo.Nello stesso anno viene accusata di aver fatto uso di cocaina nel locale Hollywood di Milano, di cui è stata anche testimonial[2].

Nel 2011 affianca Gianni Morandi, insieme a Belén Rodríguez, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, nella conduzione del Festival di Sanremo, dov'è criticata, con la collega, per scarsa abilità nella conduzione ed esecuzione di spettacolini[3]. A maggio, posa completamente nuda nella campagna di PETA, l'associazione in difesa dei diritti degli animali[4]. Posa nel giugno dello stesso anno per un servizio fotografico all'interno della versione spagnola di Vogue, e a settembre per Harper's Bazaar, nella versione araba. Partecipa infine al programma La notte degli chef, condotto da Alfonso Signorini su Canale 5 in prima serata.

Nell'autunno del 2011 è nel cast della tredicesima edizione Dancing with the Stars, la versione USA di Ballando con le stelle, dove viene eliminata durante la seconda settimana. Il 14 e 15 febbraio 2012 ritorna come valletta, insieme a Belén Rodríguez, al Festival di Sanremo, in sostituzione della primadonna Ivana Mrázová, bloccata da una cervicalgia[5]. Nel dicembre 2013, all'ultimo momento, viene inserita nel cast dello spin-off di Zelig, su Italia 1, che co-conduce con Katia Follesa e Davide Paniate[6].

Il 10 marzo 2015 viene eletta Goodwill Ambassador (Ambasciatrice Ufficiale) di UNICEF Italia[7].

Torna a condurre dal settembre del 2021 su TV8 con Vite da copertina - Tutta la verità su.... Il 19 ottobre dello stesso anno conduce una puntata de Le Iene con Nicola Savino.[8] Già testimonial dell'acqua e del thè San Benedetto, presta il volto alla campagna promozionale della Regione Liguria al Festival di Sanremo 2022. Nel 2022 il suo programma in onda su TV8, Vite Da Copertina, viene chiuso per bassi ascolti.

Vita privataModifica

Nei primi anni 2000 ha avuto una relazione col calciatore Christian Vieri. Dal luglio 2009 al giugno 2011 è stata fidanzata con l'attore statunitense George Clooney.[9]

Il 14 settembre 2014 si è sposata con il chirurgo americano Brian Perri[10]. Il matrimonio ha avuto luogo ad Alghero, nella sua regione natale. La coppia ha una figlia, Skyler Eva, nata il 29 settembre 2015 a Los Angeles, dove risiedono.[11]

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

VideoclipModifica

TelevisioneModifica

ItaliaModifica

EsteroModifica

NoteModifica

  1. ^ Altre Passioni - Max - 2003 Elisabetta Canalis, su La Gazzetta dello Sport, RCS MediaGroup S.p.A. (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2012).
  2. ^ (EN) Tim Nixon, Clooney's girl faces drug rap, in The Sun, News Group Newspapers Ltd., 29 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2010).
  3. ^ Festival di Sanremo, ok a Morandi. Ci saranno anche Belen e Elisabetta, in Corriere della Sera, RCS MediaGroup, 5 ottobre 2010.
  4. ^ Elisabetta Canalis si spoglia per la Peta. "Meglio nuda che in pelliccia", su Adnkronos, 14 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2020).
  5. ^ Sanremo al via, Mrazova ko: sul palco la Canalis e Belen, in Leggo, Caltagirone Editore, 14 febbraio 2012. URL consultato il 14 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2012).
  6. ^ Zelig 1, Elisabetta Canalis pronta al debutto, su Kataweb - TvZap, Elemedia S.p.A./Gruppo Editoriale L’Espresso S.p.A., 16 dicembre 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2014).
  7. ^ Dr. Apocalypse, Elisabetta Canalis ambasciatrice Unicef, su Gossip Blog, Blogo, 12 marzo 2015. URL consultato il 30 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  8. ^ Da Madame alla Canalis, ecco le dieci conduttrici de "Le Iene", su TGcom24, Mediaset, 29 settembre 2021.
  9. ^ Clooney, Le idi di marzo in prima mondiale a Venezia (senza Eli), in Corriere della Sera, RCS MediaGroup, 22 giugno 2011. URL consultato l'8 settembre 2014.
  10. ^ Elisabetta Canalis e Brian Perri si sono sposati, su TGcom24, Mediaset, 14 settembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2014).
  11. ^ Elisabetta Canalis è mamma, è nata Skyler Eva Perri, in la Repubblica, GEDI Gruppo Editoriale, 29 settembre 2015. URL consultato il 30 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90309387 · ISNI (EN0000 0003 5555 293X · SBN RAVV512816 · WorldCat Identities (ENviaf-90309387