Elisabetta Cocciaretto

tennista italiana
Elisabetta Cocciaretto
Australian Open 2020 (49837597122) (cropped).jpg
Elisabetta Cocciaretto a Melbourne nel 2020
Nazionalità Italia Italia
Altezza 166 cm
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 87- 48 (64.44%)
Titoli vinti 0 WTA, 4 ITF
Miglior ranking 108ª (28 giugno 2021)
Ranking attuale 141ª (4 ottobre 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2020, 2021)
Francia Roland Garros 1T (2021)
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open -
Doppio1
Vittorie/sconfitte 16 - 28 (64.44%)
Titoli vinti 0 WTA, 1 ITF
Miglior ranking 244ª (10 agosto 2020)
Ranking attuale 645ª (4 ottobre 2021)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2021

Elisabetta Cocciaretto (Ancona, 25 gennaio 2001) è una tennista italiana.

È allenata dall'italiano Fausto Scolari.

BiografiaModifica

A livello juniores ha raggiunto la semifinale all'Australian Open, dove ha perso per mano della taiwanese Liang En-shuo, che avrebbe poi fatto suo il titolo. Il 31 gennaio 2018 viene convocata per la prima volta in Fed Cup[1]. Il 25 novembre 2018 raggiunge la sua prima finale ITF nel $15.000 di Nules dove trionfa conquistando il suo primo titolo nel circuìto professionistico.

2019Modifica

L’8 settembre conquista il $25.000 di Trieste sconfiggendo in finale la svizzera Susan Bandecchi, ottenendo il suo secondo titolo ITF, primo da $25.000. A ciò va aggiunta anche la qualificazione nel tabellone principale del WTA a Palermo, sconfitta poi al termine di un match molto combattuto dalla slovacca Viktória Kužmová. Il 15 Settembre, sebbene sconfitta nella finale del $25.000 di Santa Margherita di Pula dalla testa di serie numero 1 Arantxa Rus, raggiunge il nuovo best ranking di numero 337. A novembre, dopo essersi imposta nel Centenario Open 60K di Asunción battendo in finale Sara Errani,[2] primo torneo di questo livello conquistato dalla marchigiana, bissa la settimana seguente affermandosi sull’argentina Victoria Bosio nell’equivalente torneo successivo della Copa LP Chile di Colina[3].

Partita, ad inizio d’anno, dalla posizione n. 707 del mondo, con queste due ultime prestazioni raggiunge il suo nuovo miglior ranking entrando per la prima volta nella top 200, direttamente alla posizione 167 del ranking WTA.[4][5]

2020: i debutti Slam, Wta, Fed Cup e la prima finale in doppioModifica

Il 2020 si apre con il brillante esordio nel circuito Grand Slam agli Australian Open, conquistato dopo aver superato con un secco 6-2, 6-1 la ceca Tereza Martincová[6] nell'ultimo turno di qualificazioni. Al suo debutto nel main draw, sullo storico campo centrale di Melbourne Park, deve però subito misurarsi in un confronto ad altissimo coefficiente di difficoltà che le pone come avversaria la plurititolata ed ex n. 1 del ranking mondiale Angelique Kerber, che si aggiudica l’incontro con il punteggio di 6-2, 6-2. A Febbraio, convocata per la terza volta in Fed Cup, gioca il suo primo incontro in singolare in questa manifestazione nella seconda sfida del girone, contro l'Estonia, battendo agevolmente Elena Malygina con un doppio 6-1 per poi replicare il successo nell'ultimo incontro contro la Grecia dove infligge un perentorio 6-1, 6-2 a Dimitra Pavlou in singolare per poi, con Gatto-Monticone, aggiudicarsi anche il match in doppio. Anche nello spareggio con la Croazia vince il suo match, contro Lea Bošković, completando il suo contributo all'ammissione della squadra azzurra allo spareggio per la promozione alle qualificazioni mondiali del 2021.

Alla ripresa del circuito dopo il blocco per il Covid, ottiene una wild card per la partecipazione all'International di Palermo e conquista la sua prima vittoria a livello WTA contro Polona Hercog, numero 45 del ranking, col punteggio di 7-6,6-3 in un match durato meno di due ore. Ai quarti incontra Donna Vekić, numero 24 al mondo, infliggendole un clamoroso 6-2, 6-4, ottenendo la prima vittoria in carriera contro una top 30. Avversaria del primo quarto di finale della sua storia, è Anett Kontaveit: l'estone si aggiudica facilmente il primo parziale per 6-1 mentre la marchigiana si impone nel secondo per 6-4 prima di cedere alla distanza nel terzo set, vinto dalla futura finalista del torneo ancora per 6-1[7]. Il torneo siciliano di Elisabetta Cocciaretto non si è però ancora concluso: in squadra con Martina Trevisan disputa infatti la finale di doppio, cedendo con un doppio 7-5 alla coppia formata da Arantxa Rus e Tamara Zidanšek[8]. Il torneo le lascia in eredità il miglior ranking sia in singolo (144) che in doppio (244).

A fine agosto si iscrive al torneo WTA 125 Prague Open, dove ottiene la seconda testa di serie. Nei primi turni supera agilmente la slovena Jakupovic, la cilena Seguel, l'olandese Scoofs e la spagnola Garcia Perez. Nei quarti di finale cede il primo set del torneo alla slovacca Schmiedlova, per poi dominarla facilmente al terzo set. In semifinale supera per 6-4, 6-3 l'argentina Nadia Podoroska, accedendo così alla prima finale WTA della sua carriera contro la slovacca Kristina Kucova. Non riuscendo ad esprimere al meglio il suo gioco, cede però per 4-6, 3-6.[9]

2021Modifica

Supera le qualificazioni per l'Australian Open 2021 durante le quattro giornate di tennis a Dubai e Doha[10][11]. Alla seconda partecipazione consecutiva allo Slam di Melbourne viene sconfitta al primo turno dalla tedesca Barthel[12].

A marzo gioca a Guadalajara, superando prima le qualificazioni e poi, nel tabellone principale, battendo Xiyu Wang al primo turno poi la numero uno del torneo Podoroska e, nei quarti di finale, l'americana Davis senza mai perdere un set. Si qualifica così per la prima volta in carriera per una semifinale WTA 250 incontrando la canadese Bouchard dalla quale viene battuta per 6-2, 7-6[13]; risultato comunque utile a ritoccare ulteriormente il proprio best ranking raggiungendo la posizione 112.

In aprile, durante l'incontro di Billie Jean King Cup con la Romania, in cui è assolutamente protagonista[14], avverte un dolore al ginocchio sinistro, che ne compromette tutta la stagione estiva, fino a portarla alla decisione di un intervento chirurgico[15].

Statistiche WTAModifica

SingolareModifica

Sconfitte (1)Modifica

Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (0)
WTA 125s (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria Punteggio
1. 6 settembre 2020   Advantage Cars Praga Open, Praga Terra rossa   Kristína Kučová 4-6, 3-6

DoppioModifica

Sconfitte (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 9 agosto 2020   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa   Martina Trevisan   Arantxa Rus
  Tamara Zidanšek
5-7, 5-7

Statistiche ITFModifica

SingolareModifica

Vittorie (4)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $60.000 (2)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 25 novembre 2018   VI Circuito Internacional Femenino Castellon Spain, Nules Terra rossa   Cristina Bucșa 6-2, 7-6(2)
2. 8 settembre 2019   CMG Tennis Cup, Trieste Terra rossa   Susan Bandecchi 6-3, 6-1
3. 3 novembre 2019   Centenario Open, Asunción Terra rossa   Sara Errani 6-1, 4-6, 6-0
4. 10 novembre 2019   Copa LP Chile Hacienda Chicureo, Colina Terra rossa   Victoria Bosio 6-3, 6-4

Sconfitte (2)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 14 luglio 2019   Trofeo Mabo, Torino Terra rossa   Yuki Naito 3-6, 4-6
2. 15 settembre 2019   Forte Village International Tournament, Pula Terra rossa   Arantxa Rus 3-6, 7-6(5), 4-6

DoppioModifica

Vittorie (1)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $60.000 (1)
Torneo $25.000 (0)
Torneo $15.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 16 giugno 2019   Torneo Internazionale Femminile Antico Tiro a Volo, Roma Terra rossa   Nicoleta-Cătălina Dascălu   Carolina Meligeni Rodrigues Alves
  Elena Bogdan
7-5, 4-6, [10-7]

NoteModifica

  1. ^ About the Author / Valerio Carriero, Fed Cup, Elisabetta Cocciaretto è la quinta convocata più giovane della storia italiana, su SportFace, 31 gennaio 2018. URL consultato il 6 febbraio 2020.
  2. ^ Asuncion, la Cocciaretto batte la Errani in finale, su www.corrieredellosport.it. URL consultato il 4 novembre 2019.
  3. ^ Doppietta Cocciaretto, Sinner a Ortisei, su challengeritalia.gazzetta.it. URL consultato l'11 novembre 2019.
  4. ^ Elisabetta Cocciaretto, la tennista di Porto San Giorgio nella top 200 Wta, su www.ilrestodelcarlino.it. URL consultato l'11 novembre 2019.
  5. ^ elisabetta-cocciaretto-la-scintilla-e-scattata, su www.ubitennis.com. URL consultato il 12 novembre 2019.
  6. ^ ilrestodelcarlino.it, https://www.ilrestodelcarlino.it/fermo/sport/tennis/elisabetta-cocciaretto-1.4985812.
  7. ^ Tennis, finisce ai quarti la corsa di Elisabetta Cocciaretto al Palermo Ladies Open, su Giornale di Sicilia. URL consultato il 15 agosto 2020.
  8. ^ Wta Palermo: vince la Ferro in finale con la Kontaveit, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 15 agosto 2020.
  9. ^ corrieredellosport.it, https://www.corrieredellosport.it/news/tennis/2020/09/06-73485282/la_cocciaretto_si_arrende_alla_kucova_in_finale_agli_open_di_praga/.
  10. ^ Qualificazioni Australian Open, il bilancio degli azzurri: bene Errani e Cocciaretto, passo falso per Musetti, su oasport.it.
  11. ^ Australian Open: Errani e Cocciaretto qualificate nel tabellone principale, su sport.sky.it.
  12. ^ Australian Open 2021: Elisabetta Cocciaretto, sconfitta che fa male. Mona Barthel passa in rimonta, su OA Sport, 9 febbraio 2021. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  13. ^ Tennis: Bouchard stoppa Cocciaretto: niente finale a Guadalajara, su la Repubblica, 13 marzo 2021. URL consultato il 14 marzo 2021.
  14. ^ Romania - Italia, su ubitennis.com.
  15. ^ Notizie condizioni fisiche Cocciaretto, su picchionews.it.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica