Apri il menu principale
Elisabetta Trenta
ElisabettaTrenta (cropped).jpg

Ministro della difesa
Durata mandato 1º giugno 2018 –
5 settembre 2019
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Roberta Pinotti
Successore Lorenzo Guerini

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Università Università La Sapienza di Roma

Elisabetta Trenta (Velletri, 4 giugno 1967) è una politica italiana, dal 1º giugno 2018 al 5 settembre 2019 ministro della difesa nel Governo Conte I.

Indice

BiografiaModifica

Si è laureata nel 1994 all'Università La Sapienza di Roma in Scienze Politiche a indirizzo economico[1].

Ha fatto parte del consiglio comunale di Velletri prima (dal 1997 al 1999) e in giunta poi (nei primi anni duemila), eletta col Centro Cristiano Democratico a sostegno di Bruno Cesaroni di Alleanza Nazionale.

Dall'ottobre 2005 al luglio 2006 è stata consigliere politico della Farnesina in Iraq, ed "esperto senior" a Nāṣiriya[2][3], in Iraq. È impegnata nel sociale con l'associazione "I bambini di Nassiryia Onlus"[4] e il "Flauto Magico"[2].

Il 30 luglio 2008 le è stata conferita la nomina a capitano della riserva selezionata dell'Esercito Italiano[5][6] con tale grado, nel 2009 è stata richiamata in servizio come consigliere nazionale (country advisor) nell'ambito del comando italiano aggregato alla missione della forza militare di interposizione delle Nazioni Unite in Libano, UNIFIL, paese dove è in seguito rimasta a lavorare, dal 2010 al 2011, con la propria SudgestAid a favore del Ministero degli interni libanese. Ha inoltre collaborato in qualità di analista al Centro militare di studi strategici[1][2].

Fino al 2018[2] è stata vicedirettore del Master in Intelligence and Security e docente presso il Link Campus di Roma[1], filiazione dell'università telematica maltese.

Alle elezioni politiche del 2018 si è candidata al Senato per il Movimento 5 Stelle nella parte proporzionale, nelle liste del collegio Lazio 02, ma non è stata eletta.[7]

È sposata con il capitano dell'Esercito, Claudio Passarelli, già ufficiale addetto alla segreteria del vice direttore nazionale degli armamenti prima della nomina della moglie a ministro della difesa e da essa trasferito, “per questioni di opportunità”, il primo giorno del suo dicastero, smentendo che egli si sia mai occupato di armamenti[8] (dopo polemiche politiche riprese dalla stampa[9][10][11]), indi aggregato al 3º ufficio affari generali, retto da un dirigente civile e che sovrintende alle esigenze organizzative e logistiche del funzionamento del segretariato generale della direzione nazionale degli armamenti (DNA).

Ministro della difesaModifica

 
Il Ministro della difesa Elisabetta Trenta e il capo di stato maggiore della Marina Militare ammiraglio Valter Girardelli

Il 1º marzo 2018 è stata inserita da Luigi Di Maio nella rosa di componenti del governo, in caso di vittoria del M5S alle elezioni politiche, col ruolo di vicepresidente del Consiglio e ministro della difesa[12]. Il 1º giugno 2018 è diventata ufficialmente ministro della difesa nel Governo Conte I, dopo il giuramento al Palazzo del Quirinale, la seconda donna a ricoprire questo incarico dopo Roberta Pinotti.[13] Cessa dall'incarico il 5 settembre 2019 con il giuramento del Governo Conte II.

OnorificenzeModifica

Onorificenze italianeModifica

  Cancelliere e Tesoriere dell'Ordine militare d'Italia
— Dal 1º giugno 2018 - al 5 settembre 2019

PubblicazioniModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica