Apri il menu principale

Emanuel Leutze

pittore tedesco

BiografiaModifica

Leutze nacque in Germania a Schwäbisch Gmünd, Württemberg, ma a nove anni emigrò con la famiglia negli Stati Uniti.[1] I suoi genitori si stabilirono prima a Fredericksburg (Virginia), e poi a Filadelfia. Il suo talento artistico si manifestò per la prima volta mentre accudiva il padre malato, occupando le varie ore di attesa disegnando.[2] A 14 anni dipingeva ritratti per $ 5 l'uno e con questo lavoro si sostenne dopo la morte del padre[3] avvenuta nel 1831. Nel 1834, ricevette la prima istruzione artistica da John Rubens Smith (1775–1849), un ritrattista di origine inglese attivo a Philadelphia.[4] Si dimostrò subito molto capace e cercò di promuovere a Washington un progetto per la pubblicazione di ritratti di importanti uomini di Stato ma trovò poco seguito.[2]

EuropaModifica

Nel 1840, un suo dipinto attirò l'attenzione e gli procurò numerose richieste, che gli permisero di entrare nell'Accademia di Belle Arti di Düsseldorf. A causa del suo atteggiamento anti-accademico, studiò solo un anno nella classe di Friedrich Wilhelm Schadow. Lo stile di Leutze venne influenzato dal pittore Karl Friedrich Lessing.[5] Nel 1842 andò a Monaco di Baviera per studiare le opere di Peter von Cornelius e Wilhelm von Kaulbach. Negli anni successivi visitò Venezia e Roma, studiando le opere di Tiziano e Michelangelo. Ispirandosi al libro Storia della vita e dei viaggi di Cristoforo Colombo di Washington Irving, eseguì una serie di dipinti su Cristoforo Colombo.

 
Colombo davanti al Consiglio di Salamanca, 1841, Parigi, Museo del Louvre

La sua prima opera, Colombo davanti al Consiglio di Salamanca fu acquistata dalla Düsseldorf Art Union. Un dipinto simile, Ritorno di Cristoforo Colombo in catene, a Cadice, gli valse la medaglia d'oro alla Brussels Art Exhibition, e venne acquistato dalla Art Union di New York. Nel 1843 realizzò a Monaco il quadro Cristoforo Colombo dai re Cattolici in Granada. Nel 1845, tornò a Düsseldorf dove sposò Juliane Lottner e lì visse per 14 anni.[2]

 
Cristoforo Colombo dai re Cattolici in Granada, 1843, olio su tela, 96,5x127 cm, New York, Brooklyn Museum

Durante la sua permanenza a Düsseldorf, fu un punto di riferimento per gli Americani di passaggio: trovava loro un posto dove vivere ed un lavoro e a volte sostegno economico. Fece parte della Scuola di pittura di Düsseldorf; nel 1848, fu tra i promotori dell'associazione artistica Malkasten; nel 1857, chiamò a raccolta un gruppo di artisti che portò alla fondazione della Allgemeine deutsche Kunstgenossenschaft.[3]

Forte sostenitore dei moti rivoluzionari europei del 1848, Leutze decise di dipingere un'immagine che avrebbe incoraggiato i riformatori liberali in Europa con l'esempio della rivoluzione americana. Utilizzando turisti e studenti d'arte statunitensi come modelli ed assistenti, Leutze eseguì una prima versione di Washington attraversa il fiume Delaware nel 1850. Poco dopo esser stata terminata, l'opera venne danneggiata da un incendio; restaurata fu acquistata dalla Kunsthalle di Brema. Il 5 settembre 1942, durante la seconda guerra mondiale, andò distrutta in un bombardamento delle forze alleate.

 
Washington attraversa il fiume Delaware, olio su tela, 378,5x647,7 cm, New York, Metropolitan Museum of Art

Un secondo dipinto, copia del primo, solo un po' più grande, fu ordinato nel 1850 dal mercante d'arte parigino Adolphe Goupil[6] per la sua filiale di New York e venne esposto a Broadway nell'ottobre del 1851.[7] Il quadro si trova oggi al Metropolitan Museum of Art di New York.

 
Washington Rallying the Troops at Battle of Monmouth, 1854, olio su tela, 701×396,2 cm, Berkeley, University of California, Doe Memorial Library

Nel 1854, Leutze terminò la rappresentazione della battaglia di Monmouth, Washington Rallying the Troops at Monmouth, commissionata da un suo importante committente, il banchiere David Leavitt (1791–1879) di New York e Great Barrington (Massachusetts).[8]

New York e WashingtonModifica

Nel 1859, Leutze ritornò negli Stati Uniti ed aprì uno studio a New York.[2] In questo periodo si divise tra New York e Washington.[9] Nel 1859, realizzò il ritratto del presidente della Corte suprema Roger Brooke Taney, pochissimi anni dopo la scandalosa sentenza sul caso Dred Scott contro Sandford. Il quadro si trova presso la Harvard Law School. Leutze eseguì anche altri ritratti, incluso quello del collega William Morris Hunt.

 
Westward the Course of Empire Takes its Way, 1861, stereocromia, 610×910 cm, Washington, Campidoglio

Nel 1860 Leutze ricevette dal Congresso degli Stati Uniti l'incarico di decorare uno degli scaloni del Campidoglio a Washington, per il quale dipinse l'ampia composizione Westward the Course of Empire Takes Its Way.

Successivamente divenne membro della National Academy of Design e dell'Union League Club di New York, che possiede un gran numero di sue opere. Morì a Washington, a 52 anni, per un colpo di calore. Fu seppellito nel Glenwood Cemetery di Washington.[10]

I ritratti di Leutze sono più conosciuti per il loro spirito patriottico che per la loro qualità artistica. Washington attraversa il fiume Delaware ha una posizione di rilievo nell'iconografia nazionale degli Stati Uniti.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Joan M. Marter, The Grove Encyclopedia of American Art, Oxford University Press, 2011, p. 144, ISBN 978-0-19-533579-8.
  2. ^ a b c d James Grant Wilson e John Fiske (a cura di), Leutze, Emanuel, in Appletons' Cyclopædia of American Biography, 1892.
  3. ^ a b (DE) Moritz Blanckarts, Leutze, Emanuel, vol. 18, Leipzig, Duncker & Humblot, 1883, pp. 500–502.
  4. ^ (EN) Barbara Groseclose, Leutze, Emanuel Gottlieb, in American National Biography, New York, Oxford University Press, 1999.
  5. ^ (DE) Wolfgang Müller von Königswinter, Düsseldorfer Künstler aus den letzten fünfundzwanzig Jahren, Weigel, 1854, p. 139.
  6. ^ Jean-Baptiste Michel Adolphe Goupil (Parigi, 7 marzo 1826 – Saint-Martin-aux-Chartrains, 9 maggio 1893), è stato un capitano d'industria francese, uno dei più importanti mercanti ed editori d'arte del XIX secolo.
  7. ^ Carrie Rebora Barratt, Washington Crossing the Delaware. Restoring an American Masterpiece, MET publications, 2011.
  8. ^ "Washington at Monmouth", su American Heritage Magazine, giugno 1965 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2008).
  9. ^ William Howe Downes, Leutze, Emanuel, in Dictionary of American Biography, New York, Charles Scribner's Sons, 1933.
  10. ^ Dorothy Heiderstadt, Painters of America, New York, D. McKay Co., 1970, p. 88.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN37680930 · ISNI (EN0000 0000 6676 6149 · LCCN (ENn82096322 · GND (DE116959835 · ULAN (EN500005129 · CERL cnp00589865 · WorldCat Identities (ENn82-096322